Flash News: Edilizia

15/02/2019 - La nona edizione di MADE expo si conferma l’appuntamento più rilevante in Italia per creare dialogo e interazione di business tra le diverse componenti della filiera dell’edilizia; oltre 900 espositori, con una vasta rappresentanza delle eccellenze nel mondo delle costruzioni, dell’architettura e dell’interior design, e più di centomila visitatori professionali attesi dall’Italia e dall’estero.   “Costruire connessioni. La qualità dell’abitare tra progettazione, realizzazione e mercati”. Il titolo esprime l’intenzione di MADE expo di rafforzare i legami tra le aziende, tutte le associazioni di settore, le professioni, le Università ed il territorio per contribuire al rilancio dell’edilizia in un momento complesso, con particolare attenzione anche alla promozione internazionale del Made in Italy in collaborazione con Agenzia ICE.   In particolare MADE expo si propone..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/02/2019 - Tecnologie hi-tech affidabili e a costi ridotti per individuare rapidamente elementi di degrado su ponti e viadotti. Sono alcune delle proposte che l’ENEA ha lanciato nel corso del convegno Monitoraggio e valutazione di ponti e viadotti - Stato dell’arte e prospettive che si è tenuto ieri a Roma presso la sede dell’Agenzia con l’obiettivo di individuare soluzioni per la salvaguardia e la manutenzione preventiva di queste infrastrutture strategiche.   All’evento, che si è svolto a sei mesi esatti dal crollo del viadotto Polcevera a Genova, hanno preso parte alcuni fra i massimi esperti del settore.   Per il check-up di ponti e viadotti, ENEA propone il sistema dell’interferometria radar, basato su uno strumento simile a una macchina fotografica, in grado di misurare le vibrazioni di una campata, di una pila di un viadotto o di un ponte anche da remoto. L’interferometria radar fornisce la possibilità..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/02/2019 – Le Pubbliche Amministrazioni avranno più autonomia nella valutazione degli illeciti professionali commessi da professionisti e imprese che partecipano ad una gara e più libertà nel decidere se far scattare l’esclusione dalle procedure. È la novità introdotta dalla Legge “Semplificazioni” (L. 12/2019) nel Codice Appalti (D.lgs. 50/2016).   Illeciti professionali, come ha funzionato l’esclusione fino ad ora Il Codice Appalti del 2016 ha finora limitato questa possibilità ai casi gravi definitivamente accertati, cioè confermati con sentenze o altri atti amministrativi non più impugnabili.   Questo significa che, fino alla conclusione del processo, o in caso di vittoria della causa, le Stazioni Appaltanti non hanno potuto escludere il professionista o l’impresa. In questi casi, le Stazioni appaltanti non sono state libere di procedere all’esclusione anche se in..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/02/2019 – Una norma 'Sblocca cantieri' urgente per anticipare alcuni punti della riforma del Codice Appalti. L'ha annunciata il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli.  In Senato, intanto, procede il ciclo di audizioni con le proposte di modifica al Codice. Reintrodurre l’appalto integrato, estendere la progettazione semplificata alle manutenzioni straordinarie, eliminare i limiti al subappalto, mantenere l’obbligo d mandare in gara il progetto esecutivo, ridurre le stazioni appaltanti e sbloccare le assunzioni affinchè funzionino in modo efficiente sono alcune delle richieste, in certi casi in contrasto tra loro.    Toninelli annuncia il Decreto ‘Sblocca Cantieri’ "È evidente che il Codice dei contratti pubblici va cambiato in modo organico e non affrettato. Al tempo stesso, però, ci sono delle modifiche che possono essere anticipate in un decreto legge..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/02/2019 – La realizzazione e/o l’acquisto di un box pertinenziale permette di accedere al bonus mobili?   L’Agenzia delle Entrate risponde alla domanda nelle Faq presenti nella nuova guida al bonus mobili e chiarisce nella guida al bonus ristrutturazione di che tipo di agevolazione gode l’intervento.   Realizzazione e acquisto box auto: ok al bonus ristrutturazione L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la detrazione Irpef del 50% per il recupero del patrimonio edilizio spetta anche per l’acquisto o la realizzazione di posti auto pertinenziali.   In particolare, l’agevolazione è riconosciuta: per l’acquisto di box e posti auto pertinenziali già realizzati (solo per le spese imputabili alla loro realizzazione); per la costruzione di autorimesse o posti auto, anche a proprietà comune (purché vi sia un vincolo di pertinenzialità con una unità immobiliare abitativa).   Realizzazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/02/2019 – Le finestre sono una parte fondamentale degli edifici perché permettono il contatto tra l’esterno e l’interno assicurando luce e aria, protezione dal freddo invernale e dall’afa estiva ma anche un’adeguata sicurezza e privacy.   La scelta degli infissi è in grado di determinare la qualità architettonica e prestazionale dell’immobile; per questo è opportuno progettare adeguatamente la posizione e la tipologia dei serramenti secondo le proprie esigenze abitative o prevedendo soluzioni ‘salvaspazio’.   Le caratteristiche delle finestre Tutte le finestre e le portefinestre devono avere caratteristiche tecnico-prestazionali precise e regolate dalla norma UNI EN 14351-1:2006 che stabilisce le modalità e le procedure per l’apposizione della marcatura CE.   Tra le caratteristiche di maggiore rilevanza per una finestra ci sono: resistenza meccanica e stabilità,..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/02/2019 - “Trasformazioni urbane innovative” è il tema della Call for project che il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (Cnappc), con il Patrocinio dell’Anci, promuove per mettere in rete e a sistema gli interventi innovativi di riqualificazione urbana, realizzati in particolar modo, ma non esclusivamente, attraverso i Programmi Europei e capaci di diventare elementi propulsori e significativi della rigenerazione urbana.   L’iniziativa intende raccogliere le buone pratiche, già realizzate o in corso di realizzazione, attraverso i Programmi Nazionali ed Europei (Piano Periferie, UIA, Smart City, Urbact, Horizon 2020, ecc.) sui temi dell’Agenda Urbana (mobilità sostenibile, efficientamento energetico, infrastrutture per l’inclusione sociale, tutela dell’ambiente e valorizzazione delle risorse culturali e ambientali) e alle diverse scale d’intervento: aree densamente..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/02/2019 – L’impresa che partecipa ad una gara deve garantire il rispetto dei minimi salariali dei dipendenti. In caso contrario, ha spiegato il Tar Toscana con la sentenza 165/2019, può essere esclusa automaticamente, senza contraddittorio e senza che le sia data la possibilità di giustificarsi.   Appalti e salario minimo I giudici hanno ricordato che il costo della manodopera e i minimi salariali sono determinati annualmente con apposite tabelle elaborate dal Ministero del Lavoro sulla base dei valori economici definiti dalla contrattazione collettiva nazionale tra le organizzazioni sindacali e le organizzazioni dei datori di lavoro comparativamente più rappresentativi e delle norme in materia previdenziale ed assistenziale.   Da questi valori non si può prescindere. Chi non li rispetta viene escluso in modo automatico. In sede di verifica dell’anomalia non possono essere accettate giustificazioni fondate su una riduzione..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/02/2019 – Vincolare il rilascio dei permessi edilizi e la conclusione dei procedimenti amministrativi al pagamento del progettista. È l’obiettivo della proposta di legge presentata dalla Rete Toscana delle Professioni Tecniche al Governatore, Enrico Rossi.   No ai permessi se non si paga il progettista La proposta di legge mira alla tutela delle prestazioni professionali rese sulla base di istanze, comunicazioni e certificazioni, presentate alla pubblica amministrazione per conto dei privati cittadini, delle imprese, da altri soggetti in qualunque forma costituiti o rese su incarico affidato da una pubblica amministrazione.   Con questi obiettivi, la proposta prevede che la presentazione delle istanze, comunicazioni e certificazioni, per prestazioni professionali previste dalle norme e dai regolamenti regionali, provinciali e comunali deve essere corredata, oltre che da tutti gli elaborati previsti dalla normativa vigente, dalla lettera di affidamento..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/02/2019 – Meno della metà dei Comuni italiani utilizza i criteri ambientali minimi nella predisposizione degli appalti. È emerso dal primo report sui CAM, elaborato dall’Associazione Comuni Virtuosi e dalla società Punto 3, con il supporto del consorzio Ecopneus e Sumus Italia, e presentato alla Camera con la deputata Leu Rossella Muroni.   CAM, i risultati del primo report La ricerca condotta riguarda le gare di 40 Comuni su 102 totali riferite al 2017. Nel 21% dei bandi sono contenuti i CAM e il 34% della spesa complessiva ne prevede l’applicazione. Il 55% dei Comuni, invece, non applica i CAM in nessuna categoria merceologica.   Sul totale degli “appalti green”, solo il 5% riguarda l’edilizia. Meglio gli arredi (43%), mentre sono sempre in fondo alla classifica i servizi di gestione del verde pubblico (6%).   CAM, Muroni: ‘servono politiche adeguate e coerenti’ Secondo la deputata..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/02/2019 – La sostituzione della caldaia consente di beneficiare del bonus mobili a condizione che ci sia un risparmio energetico rispetto alla situazione preesistente.   A chiarirlo l’Agenzia delle Entrate nelle Faq presenti nella nuova guida al bonus mobili. Sostituzione caldaia: è manutenzione straordinaria Ricordiamo che gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, ammessi alla detrazione del 50%, costituiscono presupposto per l’accesso al ‘bonus mobili’, a patto che si tratti quanto meno di interventi di manutenzione straordinaria eseguiti su singole unità immobiliari abitative.   Gli interventi finalizzati al risparmio energetico e, in particolare, quelli che utilizzano fonti rinnovabili di energia, sono riconducibili alla manutenzione straordinaria per espressa previsione normativa (articolo 123, comma 1, Dpr 380/2001).   Negli altri casi, dovrà esserne valutata la riconducibilità..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/02/2019 - Negare i permessi ai committenti che non pagano i progettisti e garantire l’applicazione dell’equo compenso nelle gare. Sono i contenuti della proposta di legge 69/2018 “Disposizioni in materia di equo compenso e di tutela delle prestazioni professionali”, allo studio del Consiglio regionale del Lazio.   No al permesso se non si paga il progettista Analogamente alle norme già approvate in Calabria, Campania, Piemonte e Basilicata, la proposta di legge prevede che l’istanza di autorizzazione sia corredata dalla lettera di affidamento dell’incarico sottoscritta dal committente e che l’Amministrazione, prima di concedere il permesso, acquisisca l’autocertificazione attestante il pagamento delle spettanze da parte del committente.   Equo compenso, indirizzi per gli Uffici regionali L’articolo 2 del ddl regionale stabilisce inoltre che la Regione, gli enti strumentali e le società..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/02/2019 – Risolvere gli aspetti critici del Codice Appalti che, secondo la Commissione Europea, non è conforme alle norme comunitarie. Con questo obiettivo l’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac) ipotizza la modifica delle linee guida n.4 sui contratti pubblici di importo inferiore alle soglie comunitarie. Per farlo ha messo in consultazione, fino al 21 febbraio, un nuovo testo che tiene conto di alcune modifiche normative intervenute con la Legge di Bilancio per il 2019.   Lavori fino a 150mila euro: affidamenti diretti con tre preventivi Per il 2019 le nuove linee guida consentiranno, negli appalti di lavori tra 40mila e 50mila euro, di ricorrere all’affidamento diretto previa richiesta di tre preventivi. Ci si adegua così alla norma transitoria, introdotta dalla Legge di Bilancio, che per i lavori di importo pari o superiore a 40mila euro e inferiore a 150mila euro consente di utilizzare l’affidamento..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/02/2019 – L’Agenzia delle Entrate aggiorna le guide su bonus ristrutturazioni, bonus mobili ed ecobonus con le ultime novità fiscali, riassumendo gli adempimenti richiesti e le procedure da seguire per poterne usufruire.   Bonus ristrutturazioni: proroga e obbligo trasmissione dati Enea La guida al bonus ristrutturazioni ricorda che è possibile usufruire della detrazione Irpef 50% e del limite massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare per le spese di recupero del patrimonio edilizio fino al 31 dicembre 2019.  Salvo che non intervenga una nuova proroga, dal 1° gennaio 2020 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro.   Dal 2018 è stato introdotto l’obbligo di trasmettere all’Enea le informazioni sui lavori effettuati, analogamente a quanto già previsto per la riqualificazione energetica degli edifici. Questa nuova comunicazione è..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/02/2019 – Un lavoratore dipendente, iscritto all’Inps, che svolge contemporaneamente part-time la professione di ingegnere, non può iscriversi ad Inarcassa. Nonostante ciò, deve versare il contributo integrativo alla Cassa di previdenza degli Ingegneri e Architetti liberi professionisti.   Lo ha spiegato la Cassazione che, con la sentenza 3913/2019, ha ribadito l’orientamento espresso anche in passato.   Ingegneri part-time e Inarcassa Secondo la Cassazione, gli ingegneri e gli architetti iscritti ad altre forme di previdenza obbligatorie non possono iscriversi ad Inarcassa. L’esclusione, hanno illustrato i giudici, dipende dall’articolo 3, comma 2, della Legge 179/1958, che ha istituito la Cassa di previdenza degli Ingegneri e Architetti liberi professionisti, nonché dallo Statuto di Inarcassa.   Queste norme non sono state abrogate dalla Legge 335/1995, che ha creato la nuova gestione separata per estendere..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/02/2019 – Saranno i Comuni ad occuparsi della progettazione dei ‘poli innovativi per l’infanzia’ e non più, come inizialmente previsto, il Ministero dell’Istruzione e dell’Università (Miur) con un concorso nazionale di progettazione.   Il dietrofront del Miur è passato in sordina perché annunciato dal Ministero nel corso di un incontro, tenutosi lo scorso settembre, tra i responsabili ministeriali della misura e i rappresentanti dei Comuni selezionati dalle Regioni. I Comuni, quindi, oltre a dover deliberare la cessione delle aree all’INAIL (che finanzia tutto il programma e poi, a regime, percepirà i canoni di locazione dal ministero), dovranno occuparsi della progettazione esecutiva degli interventi.   Poli innovativi per l’infanzia: nessun concorso di progettazione nazionale Il Miur ha giustificato la decisione di non occuparsi di un concorso di progettazione nazionale con obiettivi..
Continua a leggere su Edilportale.com

12/02/2019 - “Appaiono francamente poco condivisibili, per non dire inaccettabili, alcuni dei contenuti della lettera che la Commissione europea ha inviato all’Italia circa la normativa nazionale in materia di appalti pubblici". Questo il commento di Carla Tomasi, presidente di Finco, sulla lettera con cui la Commissione Europea ha messo in mora l'Italia perché il Codice Appalti non è conforme alle norme UE.   Oltre che all’Italia, osserva Carla Tomasi in una nota, le lettere sono state recapitate ad altri 14 Stati membri (Bulgaria, Cipro, Cechia, Croazia, Danimarca, Finlandia, Germania, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito, Romania, Svezia e Ungheria). Questo significa che “ci sono specificità nazionali che ogni Stato sente il bisogno di preservare”.   Finco sui limiti a subappalto e avvalimento “Contestare, come fa la Commissione, il limite del 30% del subappalto o il divieto di subappalto o avvalimento..
Continua a leggere su Edilportale.com

12/02/2019 – In arrivo 15 milioni di euro per promuovere la mobilità sostenibile, tra cui la realizzazione di piste ciclabili, nei Comuni con popolazione superiore a 50mila abitanti. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il comunicato con cui il Ministero dell'Ambiente ha dato il via al programma di Incentivazione della Mobilità Urbana Sostenibile (PrIMUS).   Mobilità sostenibile, il programma PrIMUS Il decreto del Ministero dell’Ambiente amplia la portata del “Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro”, istituito dalla Legge 221/2015 e finanziato con 35 milioni di euro. Il programma inizialmente riguardava i Comuni con più di 100mila abitanti, ma alla luce dei dati sul clima e sulle criticità presenti nella mobilità, si è deciso di estenderlo ai Comuni più piccoli.   Il programma cofinanzierà tre linee di intervento: - realizzazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

12/02/2019 – La detrazione per le assicurazioni contro gli eventi calamitosi non spetta per tutte le tipologie di immobili.   A chiarirlo l’Agenzia delle Entrate, tramite FiscoOggi, rispondendo ad un contribuente che chiedeva se l’agevolazione spettasse anche per gli immobili non abitativi.   Detrazione polizza anticalamità: per quali immobili vale Le Entrate hanno chiarito che la detrazione Irpef del 19% dei premi pagati per le assicurazioni aventi a oggetto il rischio di eventi calamitosi, spetta solo alle unità immobiliari a uso abitativo.   Inoltre, ha l’Agenzia ha chiarito che l’agevolazione si applica esclusivamente alle polizze stipulate a partire dal 1° gennaio 2018.   Detraibilità polizze catastrofali: quando è stata introdotta Ricordiamo che la detraibilità fiscale delle polizze catastrofali, cioè le assicurazioni contro il rischio di eventi calamitosi stipulate per..
Continua a leggere su Edilportale.com

12/02/2018 – Gazebo e pensiline richiedono il permesso di costruire in presenza di dimensioni importanti.   Ad affermarlo il Tar della Campania nella sentenza 620/2019.    Gazebo e pensiline: il caso I proprietari di un immobile avevano realizzato un gazebo in ferro di circa 15 mq e una pensilina in ferro e vetri di circa m. 12,00 x 1,60 senza permesso di costruire sostenendo si trattasse di modeste modifiche, sostanzialmente finalizzate ad una migliore fruibilità degli spazi esterni.   Il Comune, però, ne aveva richiesto la demolizione e il ripristino dei luoghi visto che erano state realizzate in mancanza del titolo abilitativo. I proprietari, però, hanno fatto ricorso al Tar sostenendo che “le opere oggetto di sanzione non rientrerebbero nella tipologia della ristrutturazione edilizia, non comportando alcuna modifica delle sagome e dei prospetti dell'immobile, ma nelle opere di manutenzione straordinaria, come tali..
Continua a leggere su Edilportale.com

12/02/2019 – Dopo un’attesa durata diversi mesi, è stata finalmente pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Circolare applicativa delle Norme Tecniche per le Costruzioni – NTC 2018.   Obiettivo della circolare, si legge nei capitoli introduttivi, è “offrire al progettista una linea guida e rendere univoca l’interpretazione per agevolare l’uso delle Norme”.   NTC 2018, gli obiettivi della circolare La circolare spiega che il percorso progettuale può essere sintetizzato nelle fasi della concezione, della verifica, della esecuzione e del controllo. Dato che la concezione attiene alla creatività del progettista, la normativa si occupa della verifica, della esecuzione e del controllo.   Per ogni costruzione civile, si legge nella circolare, le valutazioni del livello di sicurezza richiedono una quantificazione conseguita attraverso il filtro del modello di calcolo individuato e del metodo di analisi prescelto...
Continua a leggere su Edilportale.com

12/02/2019 - Il mercato del BIM in Italia sta crescendo velocemente nel settore pubblico. Nel 2018, infatti, l’ammontare delle gare di progettazione in BIM è salito a 246 milioni di euro. Una crescita pari a 8 volte, se confrontata con i 36 milioni registrati nel 2017. Inoltre, si nota una chiara accelerazione nel quarto trimestre del 2018, quando si toccano gli 80 bandi per 163 milioni di euro.  E' quanto emerge dallo studio "BIM-MONITORING: L’innovazione e il mercato in Italia" condotto dal Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (Cnappc) e dal Cresme, che commentano “La rivoluzione del BIM è partita e, in alcuni casi, prima ancora della sua obbligatorietà” L’analisi del numero di bandi in BIM mostra che si è passati da circa 30 procedure nel biennio 2015-2016 a 99 iniziative nel 2017 e poi a  291 procedure nel 2018, il..
Continua a leggere su Edilportale.com

11/02/2019 – Nel 2017 la quota dei consumi energetici complessivi coperta da fonti energetiche rinnovabili (FER) è stata pari al 18,3%; si consolida, quindi, il peso delle rinnovabili nel sistema energetico nazionale.   A evidenziarlo il GSE nel rapporto “Energia da fonti rinnovabili in Italia - 2017”.   FER in crescita nel 2017 Il Rapporto sottolinea la crescita di FER rispetto al 2016: la quota dei consumi energetici complessivi coperta da FER è stata pari al 18,3% nel 2017, un valore superiore sia al dato 2016 (17,4%) sia – per il quarto anno consecutivo – al target assegnato all’Italia dalla Direttiva 2009/28/CE per il 2020 (17,0%).   A fronte della sostanziale stabilità dei consumi totali, questa dinamica è legata principalmente a condizioni climatiche favorevoli, quali il buon irraggiamento che ha consentito di registrare il record storico nella produzione fotovoltaica (24,4 TWh, +10,3% rispetto..
Continua a leggere su Edilportale.com

11/02/2019 – Fabbriche, opere di ingegneria e centri di produzione che hanno condizionato l’economia delle zone in cui si trovano, dando lavoro a molte persone. Oggi in molti casi sono abbandonati o in rovina, ma c’è chi crede che abbiano ancora tanto da offrire e raccontare.   Qui scopriamo una piccola selezione dei luoghi del cuore tutelati dal Fondo Ambiente Italiano (FAI).   Tonnara del Secco, San Vito lo Capo – Trapani È stata attiva dal Quattrocento fino agli anni Sessanta. Poi, data la sua posizione a picco sul mare, la struttura è stata venduta all’azienda turistica Valtur e ha fatto da set alla serie tv “Il Commissario Montalbano” e al film “Cefalonia”. Oggi è abbandonata.  Foto: Fondo Ambiente Italiano   Miniere di Montevecchio, Arbus - Medio Campidiano Il complesso, formato da cantieri e da un centro direzionale, è stato attivo dal 1848 al 1991. È stato..
Continua a leggere su Edilportale.com

11/02/2019 - È stata pubblicata da UNI, lo scorso 7 febbraio, la UNI/TS 11300-2:2019 “Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale, per la produzione di acqua calda sanitaria, per la ventilazione e per l’illuminazione in edifici non residenziali”.   La nuova norma sostituisce la versione del 2014 e, rispetto a quest’ultima, contiene le seguenti novità:   - adeguamento a carattere editoriale alla premessa e all’introduzione raccordandole alle UNI/TS 11300 pubblicate nel 2016; - conversione a testo “normativo” di una nota “informativa” sui sistemi di regolazione; - aggiunta di un’appendice sul calcolo dei fabbisogni energetici di acqua calda sanitaria in presenza di recuperatori di calore dai reflui delle docce; - eliminazione dell’appendice E (Calcolo della prestazione energetica di edifici..
Continua a leggere su Edilportale.com