Flash News: Edilizia

30/08/2019 – Proseguono le operazioni legate al Piano di riduzione del rischio sismico degli immobili dello Stato ad opera dell’Agenzia del Demanio.   Sono state, infatti, pubblicate due gare, una in Sicilia e l’altra nel Lazio.   Audit sismico-energetico: in Sicilia bando da 5 milioni Il bando prevede l’affidamento dei servizi di verifica di vulnerabilità sismica, audit energetici, rilievi tecnici e progetti di fattibilità tecnico-economica (PFTE) degli immobili, per un importo complessivo a base d’asta pari a 5.060.113,99 euro.   Si tratta di 8 lotti che riuniscono 47 edifici, alcuni dei quali sono da considerarsi di pregio. I beni si trovano nelle province di Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani. Tra i beni di maggiore pregio si evidenziano la caserma “G. Guccione” Compagnia Carabinieri a Caltanissetta, il Palazzo delle Finanze a Catania, il Palazzo di Giustizia..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/08/2019 - In arrivo 80 milioni di euro per la progettazione delle opere prioritarie per lo sviluppo del Paese.   È stato, infatti, pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit) il DM 171/2019 che ripartisce le risorse destinate alla progettazione di fattibilità di infrastrutture e insediamenti prioritari per lo sviluppo del Paese, alla project review delle infrastrutture già finanziate ed alla predisposizione dei PUMS e dei PSM ed alla progettazione di opere portuali e piani strategici.   Fondo progettazione opere prioritarie: le risorse   Il provvedimento ripartisce le risorse tra: - 15 Autorità Portuali per un totale di 21.343.000 euro; - 14 Città Metropolitane per 20.631.000 euro; - 14 Comuni capoluogo delle Città Metropolitane per 21.343.000 euro; - 37 Comuni capoluogo di Regione o di Provincia autonoma e i Comuni con popolazione superiore a 100mila abitanti per 16.363.000 euro.   La..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/08/2019 – Nuova proroga per l’adeguamento antincendio di asili nido e scuole. Lo ha stabilito l’articolo 4-bis della Legge 81/2019, con cui è stato predisposto il piano straordinario per l'adeguamento.   Antincendio, piano straordinario per l’adeguamento La legge, entrata in vigore il 13 agosto, stanzia 98 milioni di euro complessivi per un Piano straordinario per l'adeguamento alla normativa antincendio degli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico.   Il piano avrà durata triennale. Le risorse sono state ripartite in questo modo: 25 milioni di euro per l'anno 2019, 25 milioni per il 2020 e 48 milioni per il 2021.   Un decreto interministeriale, che dovrà essere adottato dal ministero dell’Interno in accordo con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca (Miur) definirà le misure gestionali di mitigazione del rischio, da osservare sino al completamento..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/08/2019 - È attesa a giorni la pubblicazione del decreto che darà attuazione alla nuova versione dell’incentivo “Resto al Sud”. Il provvedimento, firmato a inizio agosto dal Ministro per il Mezzogiorno, approderà a breve in Gazzetta Ufficiale.   Resto al Sud, incentivi per under 46 e liberi professionisti La prima versione della misura “Resto al Sud” è stata introdotta nel 2017 dalla legge “Mezzogiorno” per sostenere la nascita di nuove attività imprenditoriali promosse da giovani dai 18 ai 35 anni nelle regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia). Le modalità operative sono state definite dal DM 174/2017. Gli incentivi inizialmente erano limitati alle imprese; la Legge di Bilancio 2019 ha poi esteso l’incentivo agli under 46 e ai liberi professionisti.   Resto al Sud,..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/08/2019 – Se da una visura catastale dell’abitazione si riscontrano errori sul numero dei vani e dei metri quadri, come si possono correggere le inesattezze?   A spiegarlo l’Agenzia delle Entrate tramite la posta di FiscoOggi.   Correzione dati catastali: come fare L’Agenzia ha spiegato che quando si riscontrano errori nei dati catastali dei propri immobili, l’interessato può chiedere la correzione nella banca dati del Catasto, presentando una domanda presso gli uffici provinciali - Territorio o, in alcune situazioni, mediante il servizio online “Contact center”.   Nella domanda occorre indicare le proprie generalità, i dati catastali dell’immobile, la situazione riscontrata e le notizie utili alla correzione dell’errore.   Per correggere l’errore sui vani e sui metri quadri dell’immobile si può presentare richiesta online. Occorre essere in possesso dell’identificativo..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/08/2019 – È lecito che il contratto di affitto preveda che sia il conduttore a pagare tutte le tasse sull’immobile? Con la sentenza 6882/2019, la Corte di Cassazione ha risposto di sì. Vediamo perché.   Imu sugli immobili in affitto La controversia è sorta su una clausola del contratto di locazione che prevedeva che al conduttore fosse addossata “ogni tassa, imposta e onere relativo ai beni locati”, tra cui l’Imu. Sulla base di queste considerazioni, un’impresa, che aveva stipulato un contratto di locazione per l’utilizzo di un ufficio, aveva chiesto al locatore la restituzione delle somme versate per il pagamento delle imposte.   Secondo il locatario, la clausola contrastava con l’articolo 1418, comma 1, del Codice Civile, che prevede la nullità dei contratti che vìolano le norme imperative. La norma imperativa in questione è l’articolo 35 della Costituzione,..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/08/2019 – La crisi di Governo, da poco risolta con la soluzione "Conte-bis" lascia il mondo dell’edilizia col fiato sospeso per il ritardo con cui si inizieranno ad affrontare una serie di temi, come la sterilizzazione dell'Iva e la proroga delle detrazioni fiscali sulla casa. Il dialogo per ricostituire una maggioranza ha occupato l’agenda politica, che in questo periodo dell’anno dovrebbe invece concentrarsi sulla manovra economica.   A preoccupare maggiormente professionisti e imprese è la mancanza di coperture, che potrebbe far scattare l’aumento dell’Iva dal 2020. Se, invece, si trovassero le risorse per evitarlo, ci sarebbe spazio per continuare a finanziare anche le detrazioni fiscali?   Vediamo quali potrebbero essere gli scenari   Aumento dell’Iva Senza un intervento, dal 2020 l’Iva aumenterebbe in questo modo: l’aliquota ordinaria passerebbe dal 22% al 25,2%, mentre quella ridotta..
Continua a leggere su Edilportale.com

28/08/2019 – 870 mila euro in oltre 100 comuni saranno destinati per 140 interventi di rimozione e smaltimento dell’amianto e del cemento-amianto presente in coperture e manufatti di edifici pubblici.   È stato, infatti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 307/2019 con cui il Ministero dell’Ambiente ha approvato la graduatoria dei progetti ammessi al finanziamento della progettazione preliminare e definitiva degli interventi di bonifica in relazione al bando 2017.     Vedi la graduatoria dei progetti ammessi   Bonifica amianto: gli interventi ammessi Questa tranche di finanziamenti riguarda la seconda annualità delle richieste ammesse al contributo per le quali costituisce titolo preferenziale la collocazione in un raggio non superiore a 100 metri da asili, scuole, parchi giochi, strutture di accoglienza, ospedali e impianti sportivi.   Altri criteri sono la presenza di un progetto definitivo/ cantierabile attuabile..
Continua a leggere su Edilportale.com

28/08/2019 – I Comuni avranno tempo fino al 31 marzo 2020 per l’aggiudicazione dei lavori di adeguamento sismico nelle scuole.    È stato, infatti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 471/2019 che proroga il termine per l'affidamento degli interventi autorizzati con DM 1007/2017, previsto il 19 agosto 2019, e modifica alcuni piani regionali.   Antisismica nelle scuole: la storia del Piano Ricordiamo che per interventi antisismici nelle scuole sono stati stanziati 1,058 miliardi di euro provieni dal Fondo Investimenti da 46 miliardi di euro, istituito dalla Legge di Bilancio 2017. Le risorse finanziano interventi di adeguamento sismico, o di nuova costruzione per la sostituzione degli edifici esistenti ove l'adeguamento risulti impossibile, interventi finalizzati all’ottenimento del certificato di agibilità delle strutture, interventi di messa in sicurezza resisi necessari a seguito delle indagini diagnostiche..
Continua a leggere su Edilportale.com

28/08/2019 – Passi avanti per gli interventi contro il dissesto idrogeologico del piano Proteggi Italia. Il Cipe ha approvato la prima fase della pianificazione stralcio 2019, proposta dal Ministero dell’Ambiente e contenente 263 interventi infrastrutturali urgenti, immediatamente eseguibili già nel 2019, che potranno essere realizzati grazie ad uno stanziamento di 315 milioni di euro.   Il piano, spiega la delibera del Cipe, coglie l'opportunità della clausola di flessibilità, accordata all'Italia dalla Commissione europea per gli interventi di natura emergenziale, nell’attesa che venga approvato il disegno di legge “Cantiere Ambiente” per il potenziamento e la velocizzazione degli interventi di mitigazione del dissesto idrogeologico e la salvaguardia del territorio.   Proteggi Italia, il piano stralcio da 315 milioni di euro Dalla ripartizione delle risorse per Regioni, illustrata nella tabella allegata alla delibera,..
Continua a leggere su Edilportale.com

28/08/2019 – Le modifiche agli Indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA), apportate dal Ministero dello Sviluppo Economico con il DM 9 agosto 2019, non piacciono ai commercialisti. Che hanno chiesto, senza successo, di rinviarne l’applicazione.   ISA, le ultime modifiche Il decreto del Mef, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 17 agosto, ha sostituito l’Allegato 10 del DM 27 febbraio 2019, modificando alcuni dati precompilati forniti dall’Agenzia delle Entrate.   Un cambiamento che ha reso necessario l’aggiornamento del software messo a punto a giugno dal Fisco per il calcolo degli ISA e che, come lamentato da molti operatori del settore, richiederà a molti professionisti il ricalcolo degli Indici di affidabilità fiscale   Il decreto limita inoltre la possibilità per il contribuente di modificare le variabili fornite dall’Agenzia delle Entrate, come ad esempio l’anno di inizio attività.   ISA,..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/089/2019 – Nuove risorse per la realizzazione di asili nido al Sud. Lo prevede la delibera del Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) del 4 aprile 2019, che assegna 21 milioni di euro alle Città metropolitane del Mezzogiorno.   Piano straordinario asili nido, 21 milioni al Sud Ad ogni Città Metropolitana del Sud Italia (Bari, Cagliari, Catania, Messina, Napoli, Palermo, Reggio Calabria) saranno assegnati 3 milioni di euro, per un importo complessivo di 21 milioni di euro.   Le risorse integreranno i relativi Patti per lo sviluppo della città. La dotazione finanziaria dei Patti verrà quindi rideterminata nel seguente modo: Reggio Calabria: 136 milioni di euro; Napoli: 311 milioni di euro; Bari: 233 milioni di euro; Cagliari: 171 milioni di euro; Catania: 335 milioni di euro; Messina: 335 milioni di euro; Palermo: 335 milioni di euro.   Piano straordinario asili nido, progetti entro il 30 novembre..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/08/2019 – In arrivo nuovi strumenti finanziari per la costruzione, l’ampliamento e il miglioramento degli impianti sportivi italiani.   Questo l’obiettivo dell’accordo siglato, lo scorso 7 agosto, tra Cassa Depositi e Prestiti (CDP) Istituto per il Credito Sportivo (ICS) per lo sviluppo delle infrastrutture sportive del Paese.   Impianti sportivi: cosa prevede l’accordo La collaborazione sarà in particolare dedicata alla costruzione, all’ampliamento e al miglioramento degli impianti sportivi e al sostegno di attività sociali e culturali, al fine di dare un supporto concreto ad un settore strategico per l’economia del Paese.   Nello specifico, con questo accordo si vuole sostenere il settore attraverso diverse modalità di intervento: dalla consulenza alla Pubblica Amministrazione per investimenti in infrastrutture sportive e culturali che prevedano anche il coinvolgimento di capitali privati, fino..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/08/2019 – In arrivo 58 milioni di euro per finanziare interventi di adeguamento antisismico nelle scuole.   È stato, infatti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 30 aprile 2019 con cui sono stati approvati i piani regionali per un valore complessivo pari ad euro 58.111.670,63 a valere sulle risorse di cui al Fondo ex protezione civile, annualità 2018-2021.   Antisismica scuole: le risorse a disposizione Le regioni con i maggiori stanziamenti sono: la Lombardia con circa 10 milioni di euro per 11 interventi, la Campania con circa 8 milioni per 3 interventi e la Sicilia con più di 7 milioni di euro per 4 progetti.     Le somme residue non utilizzate dalle regioni, rispetto agli importi assegnati con il DM 93/2019, resteranno nella disponibilità delle singole regioni, per essere successivamente utilizzate insieme ad altre eventuali economie per finanziare ulteriori interventi aventi le medesime finalità.   Antisismica..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/08/2019 – Stanno finalmente per partire gli incentivi alle rinnovabili contenute nel decreto FER 1. Dopo la pubblicazione del decreto (DM 4 luglio 2019) in Gazzetta Ufficiale, il Gestore dei servizi energetici (GSE) ha emanato il regolamento operativo che spiega come ottenere i bonus.   La misura, sostiene il Ministero dello Sviluppo Economico, attiverà la realizzazione di impianti per una potenza complessiva di circa 8.000 MW, un aumento della produzione da fonti rinnovabili di circa 12 miliardi di kWh e investimenti per 10 miliardi di euro.   Gli incentivi del decreto FER 1 Possono partecipare ai bandi per la selezione dei progetti da iscrivere nei registri gli impianti: - di nuova costruzione, integralmente ricostruiti e riattivati, di potenza inferiore a 1MW; - oggetto di interventi di potenziamento qualora la differenza tra la potenza dopo l’intervento e la potenza prima dell’intervento sia inferiore a 1 MW; - oggetto di rifacimento..
Continua a leggere su Edilportale.com

26/08/2019 - A tre anni dal sisma che ha colpito il Centro Italia, il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori e gli Ordini delle Province di Ancona, Fermo, Macerata, Ascoli Piceno, Perugia, Terni, Aquila, Teramo, Rieti hanno lanciato da Camerino, durante il ciclo di seminari su "Architettura contemporanea e contesto storico", un nuovo allarme sui ritardi, le problematiche e le forti criticità che stanno compromettendo le attività di ricostruzione e di messa in sicurezza di edifici e territori.   Cappochin (CNAPPC): ‘grave la mancanza di una strategia’ Giuseppe Cappochin, presidente del Consiglio nazionale degli Architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori (CNAPPC), ha chiesto che “i Presidenti delle Regioni interessate ed i politici locali siano promotori, anche con iniziative radicali, di una significativa svolta nella ricostruzione. È grave la mancanza, ad oggi, di una strategia..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/08/2019 – Le partite Iva che scelgono il regime fiscale forfettario possono usufruire delle detrazioni per familiari a carico?   La risposta dell’Agenzia delle Entrate arriva tramite la posta di FiscoOggi.   Forfettario e detrazione spese familiari L’Agenzia ha ricordato che le partite Iva che scelgono il regime forfettario non hanno diritto alle detrazioni per carichi di famiglia; infatti, i ricavi e i compensi dei contribuenti che aderiscono al regime forfettario non concorrono alla formazione del reddito complessivo ma sono tassati con un’imposta sostitutiva dell’imposta sui redditi, delle addizionali regionali e comunali e dell’imposta regionale sulle attività produttive.   Per questi contribuenti, infatti, il reddito imponibile si calcola applicando all’ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti un coefficiente di redditività, diverso a seconda dell’attività svolta. Da tale reddito..
Continua a leggere su Edilportale.com

26/08/2019 – Chi acquista un immobile da un’impresa può usufruire dell’ecobonus o del bonus ristrutturazioni per i lavori da essa effettuati prima della compravendita? Dipende da diversi fattori, ha spiegato l’Agenzia delle Entrate con la risposta 313/2019.   Lavori di riqualificazione svolti dall’impresa e detrazioni, il caso L’Agenzia si è pronunciata sul caso di un contribuente che aveva acquistato un appartamento da una società. La società, nell’ambito della dismissione dell’intero palazzo, aveva effettuato interventi di riqualificazione delle parti comuni, come la sostituzione della caldaia e la tinteggiatura dei vani scala. Non aveva però chiesto le detrazioni fiscali e il pagamento era stato effettuato con bonifico ordinario.   Dal momento che i lavori di riqualificazione erano rientrati nella trattativa sulla compravendita, l’acquirente ha chiesto all’Agenzia delle Entrate..
Continua a leggere su Edilportale.com

23/08/2019 – È possibile usufruire del bonus ristrutturazione per le spese effettuate in un appartamento dato in comodato gratuito dai genitori, proprietari dell'immobile, ai figli?   Alla domanda risponde l’Agenzia delle Entrate tramite la posta di FiscoOggi.   Bonus ristrutturazione: il caso del comodato gratuito L’Agenzia ha risposto che la detrazione per gli interventi di ristrutturazione edilizia, oltre che al proprietario dell’immobile, spetta anche a chi lo detiene sulla base di un contratto di locazione o di comodato, a condizione che abbia il consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.   Le Entrate, però, specificano che è necessario che l’atto attestante la detenzione risulti regolarmente registrato al momento di avvio dei lavori o al momento del pagamento delle spese ammesse in detrazione, se precedente.   Come ribadito nella circolare 13/E del 31 maggio 2019, non sarà..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/08/2019 – L’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) ha aggiornato le Linee Guida n. 11, sul rispetto dei limiti “80-20” nelle concessioni.   Le modifiche, prevalentemente formali, si sono rese necessarie dopo i cambiamenti avvenuti per effetto del “Decreto Sblocca cantieri”, che ha prorogato al 31 dicembre 2020 i termini per l’adeguamento.   Codice Appalti, il limite 80 – 20 nelle concessioni Ricordiamo che, in base al Codice Appalti, i titolari di concessioni di lavori, di servizi pubblici o di forniture di importo pari o superiore a 150mila euro, già esistenti prima dell’entrata in vigore del Codice (18 aprile 2016) e non affidate con gara pubblica o con la procedura del project financing, hanno l’obbligo di mandare in gara l’80% dei lavori e possono svolgere in house solo il 20% delle lavorazioni. In questi limiti sono compresi anche i lavori di manutenzione.   Il Codice aveva..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/08/2019 - Ancora in aumento la produzione nazionale dei rifiuti speciali che, nel 2017, sfiora i 140 milioni di tonnellate (quasi il 3% in più rispetto al 2016). Cresce solo la produzione di rifiuti non pericolosi (+3,1%), mentre rimane stabile quella di rifiuti pericolosi (+0,6%, corrispondente a 60 mila tonnellate).   I rifiuti complessivamente gestiti aumentano del 4% e l’Italia si conferma leader nel riciclo segnando un +7,7% delle quantità avviate a recupero di materia ed una diminuzione dell’8,4% di quelle destinate allo smaltimento. Nel 2017 i rifiuti importati (oltre 6 milioni di tonnellate) sono il doppio di quelli esportati (3 milioni di tonnellate).   La quantità maggiore arriva dalla Germania, quasi 2 milioni di tonnellate (dei quali il 96% rifiuti metallici) seguiti da quelli provenienti dalla Svizzera, oltre 1 milione di tonnellate, dalla Francia, 824 mila tonnellate e dall’Austria, 733 mila tonnellate.   I rifiuti..
Continua a leggere su Edilportale.com

20/08/2019 – Il contribuente che ha ereditato un immobile e, con esso, il diritto a fruire delle quote residue di detrazione per i lavori di ristrutturazione, perde l’agevolazione per l’annualità di riferimento se affitta la casa anche solo per un breve periodo dell’anno.   A chiarirlo l’Agenzia delle Entrate nella risposta all’interpello n. 282 in cui un contribuente chiede di poter continuare a usufruire della detrazione Irpef per l’immobile ricevuto in successione, nel caso in cui sia concesso in locazione solo per brevi periodi nel corso dell’anno.   Immobile ereditato: cosa significa ‘detenzione materiale e diretta del bene’ Secondo il contribuente, se si affitta solo per brevi periodi, la “detenzione materiale e diretta del bene” rimane al proprietario come previsto dall’articolo 16-bis del Tuir.   L’Agenzia, nel suo riscontro normativo, ricorda che “in caso..
Continua a leggere su Edilportale.com

19/08/2019 - È tornato a crescere, grazie alla ripresa degli investimenti nelle costruzioni (+3,1% nel 2018), il settore dei serramenti e delle facciate; le prospettive di sviluppo della domanda sono positive e superiori alla crescita attesa del PIL per il 2019 e per il biennio 2020-2021 (con un tasso di crescita attorno al 2,5% annuo).   Lo ha detto Carmine Garzia, responsabile scientifico dell’Ufficio Studi Unicmi, presentando il Rapporto 2019 sul mercato italiano dell’involucro edilizio, nel corso del Forum Unicmi tenutosi a luglio, che ha visto la partecipazione di oltre 80 imprenditori.   “Nel 2019 - ha spiegato Garzia - la domanda di serramenti e facciate supererà i 4,8 miliardi di euro, e sarà trainata dalle ristrutturazioni nel segmento residenziale (che da solo vale oltre 3 miliardi di Euro). Nel 2021 si tornerà sopra gli 8 milioni di unità finestre vendute. Continuerà una moderata ripresa della domanda..
Continua a leggere su Edilportale.com

Il decreto crescita ha introdotto, accanto alla “vendita” del credito d’imposta, la possibilità di ottenere uno sconto sul prezzo della ristrutturazione. Due soluzioni diverse che presentano pro e contro

16/08/2019 – Le infrazioni alla normativa ambientale accertate nell’intero 2018 sono state 28.137, più di 77 al giorno, più di 3,2 ogni ora; il numero dei sequestri ha superato quota 10.000 e le contestazioni da parte delle forze dell’ordine salgono a 1.108, più di tre al giorno, con un incremento rispetto all’anno precedente pari a +129.    Questi alcuni dati contenuti all’interno del Rapporto Ecomafia 2019 realizzato da Legambiente in collaborazione con tutte le Forze dell’ordine, con le Capitanerie di porto e con altri organi di polizia giudiziaria come le Agenzie delle dogane e dei monopoli.   Reati contro l’ambiente: i numeri del rapporto Nel 2018 cala, seppur di poco, il bilancio complessivo dei reati contro l’ambiente che passa dagli oltre 30mila illeciti registrati nel 2017 ai 28.137 reati (più di 3,2 ogni ora) accertati lo scorso anno, soprattutto a causa della netta flessione, fortunatamente,..
Continua a leggere su Edilportale.com