Flash News: Edilizia

09/05/2019 – Gli spazi esterni, siano essi giardini o terrazzi, sono utilizzati maggiormente con l’arrivo della bella stagione; per sfruttarli spesso si installano strutture temporanee e leggere che proteggono dal sole estivo, come gazebo e ombrelloni.     Chi vuole installare tali strutture, però, deve informarsi sulle autorizzazioni necessarie, tenendo conto che il titolo abilitativo adeguato, necessario a non incorrere in un abuso, può variare a seconda del tipo di struttura che si installa e del contesto in cui è inserito il manufatto.   Gazebo e ombrelloni da giardino: cosa sapere prima di installarli I gazebo di limitate dimensioni e non stabilmente infissi al suolo rientrano negli interventi di edilizia libera e non necessitano di alcun titolo abilitativo, come previsto dal Glossario unico per le opere di edilizia libera. Se di dimensioni più grandi o ancorati al suolo richiederanno,..
Continua a leggere su Edilportale.com

09/05/2019 - L’edilizia del futuro non può essere prevista come se fosse qualcosa di esterno alla nostra volontà ma va costruita con azioni presenti che vadano verso una direzione precisa. Questo il senso dell’intervento di Fabio Millevoi, vicepresidente dell’Associazione futuristi italiani, intervenuto ieri alla tappa di Padova di Edilportale Tour 2019.   Per Millevoi oggi la creatività è un satellite che ruota intorno alle informazioni e ai dati; di conseguenza, anche i bravi progettisti devono ‘creare’ un modello di edilizia del futuro partendo dai dati in loro possesso sulle costruzioni per risolvere bisogni che sì concretizzeranno in futuro.   Nel fare questo, i progettisti devono ricordare che il futuro non è una proiezione del presente ma sarà qualcosa di nuovo. Ad esempio, ha evidenziato come nel passato fosse possibile essere ‘soli’ nel processo edile mentre oggi, e soprattutto..
Continua a leggere su Edilportale.com

09/05/2019 – Un bando da più di 7 milioni di euro per l’antisismica. L’attività rientra nel Piano di riduzione del rischio sismico degli immobili dello Stato.   Piano di riduzione del rischio sismico, il bando Il bando, pubblicato dall’Agenzia del Demanio, riguarda 62 immobili distribuiti in 11 province di Toscana, Umbria, Piemonte e Valle d’Aosta.   Il bando è articolato in 6 lotti, 3 dei quali per i territori di Toscana e Umbria e 3 per Piemonte e Valle d’Aosta.   Oggetto della gara è l’affidamento dei servizi di verifica di vulnerabilità sismica, audit energetici, rilievi tecnici e progetti di fattibilità tecnico-economica (PFTE) degli immobili, per un importo complessivo a base d’asta pari a 7.152.081,77 euro.   I documenti di gara dovranno essere inviati esclusivamente in via telematica entro le ore 12 del 24 giugno 2019.    Piano di riduzione..
Continua a leggere su Edilportale.com

09/05/2019 - Emendamenti mirati, finalizzati a velocizzare i lavori pubblici e a sostenere e tutelare le piccole e medie imprese del comparto dell’edilizia. Puntano a questi obiettivi le proposte avanzate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per migliorare lo Sblocca Cantieri, ora in fase di conversione in legge.   Fondo ‘Salva Cantieri’ Il Mit ha rilevato che l’apertura di procedure di concordato a carico delle imprese di maggiori dimensioni ha implicato problematiche correlate alla soddisfazione dei crediti di subfornitori e subappaltatori che svolgono un ruolo nevralgico per il completamento delle opere pubbliche.    Per questo propone l’introduzione di un meccanismo generale di salvaguardia con un fondo “salva-cantieri”, che consentirà di anticipare una gran parte dei crediti vantati in casi di mancati pagamenti per crisi di impresa. Il Fondo verrebbe alimentato con piccole contribuzioni da parte..
Continua a leggere su Edilportale.com

09/05/2019 - La realizzazione di una veranda rappresenta un intervento di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio con incremento delle superfici e dei volumi e necessita di permesso di costruire; non è, infatti, una pertinenza urbanistica né può essere camuffato da volume tecnico.   A spiegarlo il Tar della Campania nella sentenza 2318/2019 in cui elenca i motivi per cui è necessario il permesso di costruire.   Realizzazione veranda: è un aumento volumetrico   Il Tar ha ricordato che la creazione di un nuovo volume (come la veranda edificata sulla balconata di un appartamento) altera i prospetti e la sagoma dell’edificio, determinando una variazione planovolumentrica e architettonica dell'immobile.   I giudici hanno spiegato, infatti, che, in materia edilizia, una veranda è da considerarsi, in senso tecnico-giuridico, un nuovo locale autonomamente utilizzabile e difetta normalmente del carattere..
Continua a leggere su Edilportale.com

09/05/2019 – Entra nel vivo la cessione dei crediti corrispondenti alle detrazioni fiscali sugli interventi di riqualificazione energetica e messa in sicurezza antisismica degli edifici. L’Agenzia delle Entrate ha messo online la piattaforma su cui sarà possibile visualizzare, accettare o rifiutare le cessioni del credito comunicate al Fisco dagli amministratori di condominio.   Ecobonus e sismabonus, la piattaforma per la cessione del credito I cessionari potranno accedere alla piattaforma seguendo il percorso “La mia scrivania / Servizi per / Comunicare” e dovranno in seguito cliccare sul collegamento “Piattaforma Cessione Crediti”.   Dopo aver visualizzato i crediti, i cessionari potranno rifiutarli o accettarli. In caso di accettazione, i crediti saranno visibili nel loro cassetto fiscale e potranno essere utilizzati in compensazione tramite modello F24, indicando i codici tributo 6890 (ecobonus) e 6891 (sismabonus), come previsto..
Continua a leggere su Edilportale.com

08/05/2019 - Un investimento di 25 milioni di euro da destinare a circa 300 progetti che hanno come obiettivo la riqualificazione delle periferie attraverso il potenziamento delle attività culturali e creative.   È il piano “Cultura Futuro Urbano”, un progetto del MIBAC che nasce per promuovere iniziative culturali nelle periferie delle città metropolitane e nei capoluoghi di provincia di tutta Italia, attraverso due bandi che sono stati presentati ieri pomeriggio al Collegio Romano, sede del Mibac.   Il Piano d’azione di 25 milioni di euro entro il 2021 finanzierà la realizzazione di nuovi servizi con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dell’intera collettività urbana, donando nuova personalità a scuole, biblioteche e opere pubbliche rimaste incompiute.   Un progetto intersettoriale d’avanguardia - spiega il Mibac - che invita alla collaborazione civica, un patto con..
Continua a leggere su Edilportale.com

08/05/2019 - Apprezzamento per le correzioni al Codice degli Appalti e spirito collaborativo nel proporre numerose modifiche. Così i Comuni e le Province hanno partecipato all’audizione presso le Commissioni Lavori Pubblici e Ambiente del Senato nell’ambito della conversione in legge del decreto Sblocca Cantieri (DL 32/2019).   Comuni: ‘ripristinare procedura negoziata tra 200mila e 1 milione di euro’ Tra le misure che incassano la soddisfazione dell’Associazione dei Comuni Italiani (Anci), c’è il ritorno al Regolamento Unico per la disciplina della fase di esecuzione degli acquisti di lavori, beni e servizi; e la possibilità di scelta delle modalità di acquisto di lavori, beni e servizi oltre le soglie già previste, per i comuni non capoluogo con una deroga all’obbligo di aggregazione prima previsto. Così come l’abrogazione dei termini ristretti per gli adempimenti di pubblicità..
Continua a leggere su Edilportale.com

08/05/2019 - È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 1 febbraio 2019 del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR) che autorizza le Regioni ad utilizzare 1,55 miliardi di euro di mutui BEI per realizzare circa 900 interventi di messa in sicurezza, ristrutturazione e nuova costruzione di scuole.    Gli interventi finanziati sono quelli inclusi nei piani regionali triennali di edilizia scolastica di cui alla programmazione unica nazionale definita nel gennaio 2018, selezionati dalle Regioni e approvati dal MIUR.   Le Regioni potranno quindi realizzarli con mutui da richiedere alla Banca Europea per gli Investimenti (BEI) oppure alla Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa, attraverso Cassa depositi e prestiti (CDP).   Con il DM  appena diffuso, si attiveranno mutui per circa 248 milioni di euro nel 2019, circa 472 milioni di euro nel 2020, circa 398 milioni nel 2021, circa..
Continua a leggere su Edilportale.com

08/05/2019 – Lo sconto al posto dell’ecobonus, previsto dal Decreto Crescita, piuttosto che essere una misura semplificatoria rischia di mettere a rischio le imprese. È l’opinione espressa dalle associazioni del sistema serramenti, che hanno chiesto al Governo un cambio di rotta.   Sconto al posto dell’ecobonus, il Decreto Crescita Il Decreto Crescita modifica le norme che regolano le detrazioni fiscali riservate ai proprietari che decidono di effettuare interventi di riqualificazione energetica sulle proprie abitazioni.   Il decreto stabilisce che il soggetto che effettuerà gli interventi di efficientamento energetico potrà ricevere un contributo, anticipato dal fornitore che ha effettuato l’intervento, sotto forma di sconto sul corrispettivo spettante. Il contributo sarà recuperato dal fornitore sotto forma di credito d'imposta, di pari ammontare, da utilizzare esclusivamente in compensazione, in cinque..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/05/2019 - Il decreto Sblocca Cantieri manca il suo obiettivo e rischia di produrre come unico risultato il rendere meno trasparente il settore dei lavori pubblici nell’assegnazione dei lavori e dei subappalti, nella definizione e autorizzazione dei progetti, nella vigilanza sulle infiltrazioni della criminalità organizzata, con il rischio di pesanti ricadute sui costi economici e ambientali a carico della comunità.   Lo sostengono le associazioni ambientaliste Kyoto Club, Legambiente e WWF che venerdì scorso hanno inviato le loro osservazioni e proposte di emendamento ai membri delle Commissioni Ambiente e Lavori Pubblici del Senato che entro oggi 7 maggio, con fretta singolare, dovranno votare il provvedimento.   Le critiche delle tre associazioni si concentrano sulle modifiche introdotte dall’articolo 1 del DL 32/2019 a numerose disposizioni del Codice degli Appalti e su quanto stabilito nell’art. 4 e nell’art. 5 dello stesso..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/05/2019 - Infrastrutture efficienti, scuole sicure, città intelligenti e sostenibili, modelli abitativi capaci di rispondere alle nuove esigenze sociali, nuovi spazi urbani pensati per migliorare la vita di chi ci abita e ci lavora sono le priorità per un Paese che ha a cuore la sicurezza e il benessere sociale dei cittadini, che non si arrende all’immobilismo e vuole tornare a crescere.   Questi, in sintesi, sono gli obiettivi sottolineati dall’Associazione nazionale costruttori edili (Ance) durante l’audizione sul decreto Sblocca Cantieri (DL 32/2019) presso le Commissioni riunite Lavori Pubblici e Territorio ed Ambiente del Senato.    Sblocca Cantieri, Ance: primi segnali positivi I decreti Sblocca Cantieri e Crescita, insieme al Documento di Economia e Finanza (Def), rappresentano, secondo il vicepresidente Edoardo Bianchi, che ha rappresentato l’Ance in audizione, un primo segno tangibile della volontà di mettere..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/05/2019 - La lettura del testo del decreto Sblocca Cantieri non conferma le promesse che l’hanno preceduto e non consente, di fatto, molte accelerazioni e semplificazioni delle gare e dei ‘cantieri’, agendo di nuovo più sulla fase di selezione del contraente che dell’esecutore.   Inizia così l’audizione della Rete Professioni Tecniche - rappresentata dal Coordinatore Armando Zambrano e dai consiglieri Maurizio Savoncelli, Francesco Peduto, Mario Braga e Rino La Mendola - presso le Commissioni Lavori Pubblici e Ambiente del Senato nell’ambito della conversione in legge del decreto Sblocca Cantieri (DL 32/2019).   Le più evidenti criticità riguardano le disposizioni su offerta economicamente più vantaggiosa, incentivo ai dipendenti tecnici P.A., estensione dell’ambito di applicazione della procedura aperta, e, in particolare, consente di effettuare interventi di manutenzione, anche..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/05/2019 – Le distanze tra edifici si misurano in modo lineare e non radiale, come invece accade per le distanze rispetto alle vedute. Lo ha spiegato la Cassazione con la sentenza 10580/2019.   I giudici hanno chiuso con questo parere un caso iniziato qualche anno fa alla luce delle norme al momento in vigore. La decisione è stata presa a settembre 2018, anche se poi la pubblicazione è avvenuta nei giorni scorsi.   Bisogna considerare che la normativa sulle distanze sta cambiando. Il decreto Sblocca Cantieri, ora in fase di conversione in legge, prevede infatti una serie di novità.   Distanze tra edifici: si misurano in modo lineare I giudici hanno ricordato che, in base all’articolo 873 del Codice Civile, le distanze tra edifici non possono essere minori di 3 metri. Questo per impedire la formazione di intercapedini nocive.   La norma va applicata nel caso in cui i due fabbricati, sorgenti da bande opposte rispetto alla..
Continua a leggere su Edilportale.com

Svolta “green” al Comune di Sassari con il nuovo regolamento sulla gestione dei rifiuti. Il Consiglio comunale ha dato il via libera, con una votazione all'unanimità, al dispositivo...

06/05/2019 - La Regione Siciliana snellisce la procedura per il rilascio delle autorizzazioni a costruire nelle zone considerate a rischio sismico: gli uffici del Genio civile dell’Isola dovranno concentrare la propria attività di controllo solo su specifici interventi puntualmente individuati dalla DDG 189 del 23 aprile 2019 del Dipartimento tecnico regionale.   Lo fa sapere la stessa Regione in un comunicato, spiegando di aver proceduto a recepire con immediatezza le disposizioni del decreto Sblocca Cantieri.   Se, dunque, restano subordinate al rilascio delle autorizzazioni preventive le opere da effettuare nelle zone ad alta sismicità o ricadenti in aree classificate a rischio idrogeologico, basterà il deposito del progetto accompagnato da una dichiarazione di chi lo ha redatto, per quelle da realizzare nelle zone sismiche considerate a media e bassa sismicità.   Saranno invece esclusi, sia dall’obbligo dell’autorizzazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/05/2019 - Giornata fitta di audizioni quella di oggi per le Commissioni riunite Lavori pubblici e Ambiente del Senato: sono oltre 15 i soggetti - tra associazioni imprenditoriali, sindacati, cooperative, associazioni del settore immobiliare, professionisti, enti locali - in audizione oggi nell’ambito della conversione in legge del decreto Sblocca Cantieri (DL 32/2019).   Ecco, in tempo reale, le posizioni espresse:   Confedilizia: ‘favorire gli interventi sugli immobili privati’ L’Italia ha un patrimonio immobiliare notevolissimo: 75milioni di unità. Se si favorissero gli interventi su questi beni che sono spesso datati ma bellissimi, borghi e centri storici, si avrebbe un miglioramento sia estetico che in termini di sicurezza. Lo ha detto il presidente di Confedilizia in Senato. “Pensavamo e pensiamo ancora ma con minori speranze che questa fosse una sede importante per intervenire, speriamo che in sede di conversione si possa fare..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/05/2019 – A cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci, il mondo celebra il suo genio con una serie di mostre e rievocazioni. Gli studi e le invenzioni di Leonardo hanno toccato quasi tutte le branche del sapere. In questa sede vogliamo fornire una breve panoramica sulle macchine da cantiere. Ma non solo, perché l’ingegno di Leonardo ha esplorato anche le soluzioni ingegneristiche per la realizzazione di ponti e l’urbanistica immaginando una città ideale.   I modelli, realizzati sulla base dei disegni di Leonardo, sono esposti al Museo nazionale Scienza e Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano.     Gru a doppio braccio Questa doppia gru, oltre a lavorare in altezza, poteva ruotare permettendo rapidi travasi di materiali.  Foto: Museo nazionale Scienza e Tecnologia “Leonardo da Vinci”    Gru girevole Questo modello è un'interpretazione di uno studio per una gru girevole.  Foto: Museo..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/05/2019 – Può rimanere nel regime forfetario il professionista che nel 2019 risulta titolare di una partecipazione e amministratore di una società. Lo ha spiegato l’Agenzia delle Entrate rispondendo all’interpello 133/2019, con cui ha posto anche una serie di paletti.   La domanda è stata posta da un professionista che per la mole di ricavi poteva essere ammesso al regime forfetario, ma era in possesso di una quota di partecipazione al capitale sociale di una Srl nella misura del 72%. Il professionista era anche amministratore della stessa società. L’attività del professionista era inoltre riconducibile a quella della società in cui possedeva la partecipazione.   Regime forfetario, come funziona la normativa L’Agenzia delle Entrate, ripercorrendo il panorama normativo che regola il sistema di tassazione per i professionisti, ha ricordato che il regime forfetario, introdotto dagli articoli da 54 a..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/05/2019 – E’ in vigore da oggi il DM 25 gennaio 2019 sulla sicurezza antincendio nelle abitazioni che introduce misure di prevenzione commisurate all’altezza degli edifici.   Ricordiamo che per “altezza antincendi” negli edifici civili non si intende l’altezza di gronda, ma l’altezza massima misurata dal livello inferiore dell’apertura più alta dell’ultimo piano abitabile e/o agibile, escluse quelle dei vani tecnici, al livello del piano esterno più basso.   Antincendio condomìni: ecco cosa prevedono le nuove regole Il decreto, che aggiorna il DM 246/1987, individua quattro livelli di prestazione antincendio in base all’altezza antincendi dell’edificio: - L.P. 0 per gli edifici di altezza antincendi da 12 metri a 24 metri; - L.P. 1 per gli edifici di altezza antincendi da 24 metri a 54 metri; - L.P. 2 per gli edifici di altezza antincendi..
Continua a leggere su Edilportale.com

Il sequestro disposto venerdì 3 maggio dalla Procura di Avellino riguarda 12 viadotti della stessa A16, ma non la loro intera struttura: solo le barriere. Ecco perché...

03/05/2019 - È confermato nel testo del decreto Crescita (DL 34/2019) pubblicato in Gazzetta Ufficiale, lo stanziamento di 500 milioni di euro per l’anno 2019 in favore dei Comuni per realizzare interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile.   I 500 milioni di euro - a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione (FSC), il Fondo destinato al riequilibrio economico e sociale tra le diverse aree del Paese - sono attribuiti a ciascun Comune sulla base della popolazione residente: - 50.000 euro ai Comuni fino a 5.000 abitanti; - 70.000 euro ai Comuni tra 5.001 e 10.000 abitanti; - 90.000 euro ai Comuni tra 10.001 e 20.000 abitanti; - 130.000 euro ai Comuni tra 20.001 e 50.000 abitanti; - 170.000 euro ai Comuni tra 50.001 e 100.000 abitanti; - 210.000 euro ai Comuni tra 100.001 e 250.000 abitanti; - 250.000 euro ai Comuni con oltre 250.000 abitanti.   Le risorse sono destinate ad opere pubbliche in materia di: a) efficientamento energetico,..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/05/2019 - Le imprese di costruzione o di ristrutturazione immobiliare che acquistano interi fabbricati per demolirli, ricostruirli e rivenderli entro i successivi 10 anni, pagano l’imposta di registro e le imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa di euro 200 ciascuna.   Lo prevede l’articolo 7 ‘Incentivi per la valorizzazione edilizia’ del decreto Crescita (DL 34/2019) appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale.   La ricostruzione deve essere conforme alla normativa antisismica, deve consentire il conseguimento della classe energetica A o B e può essere realizzata anche con variazione volumetrica rispetto al fabbricato preesistente, ove consentita dalle vigenti norme urbanistiche.   Nel caso in cui le suddette condizioni non vengano rispettate, le imposte di registro, ipotecaria e catastale sono dovute nella misura ordinaria e ad esse si aggiungono una sanzione del 30% delle stesse imposte e gli interessi di mora a decorrere..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/05/2019 - Favorire la rigenerazione urbana, la riqualificazione del patrimonio edilizio e delle aree urbane degradate, la riduzione del consumo di suolo, lo sviluppo dell’efficienza energetica e delle fonti rinnovabili e il miglioramento e l’adeguamento sismico degli edifici.   Anche a questo - oltre che ad accelerare la realizzazione delle opere pubbliche - punta il decreto Sblocca Cantieri (DL 32/2019) in via di conversione in legge al Senato, intervenendo sul Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001).   L’articolo 5 ‘Norme in materia di rigenerazione urbana’ del decreto-legge elenca le finalità: - indurre una drastica riduzione del consumo di suolo; - favorire la rigenerazione del patrimonio edilizio esistente; - incentivare la razionalizzazione di detto patrimonio edilizio; - promuovere e agevolare la riqualificazione di aree urbane degradate con presenza di funzioni eterogenee e tessuti edilizi disorganici o incompiuti,..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/05/2019 – Le tende da sole permettono, grazie alla loro capacità schermante, di proteggersi dal sole estivo, sfruttando maggiormente gli spazi esterni.   A seconda del tipo di struttura che si installa e del luogo nel quale ci si trova, bisogna richiedere specifiche autorizzazioni al Comune di appartenenza (consultando il Regolamento Edilizio) o al condominio in cui si risiede.    Tende da sole: cosa sapere prima di installarle Quando si installano manufatti leggeri per gli spazi esterni, è importante comprendere se l’intervento sia assimilabile ad interventi di edilizia libera; la realizzazione di tali strutture ha sempre generato dubbi sulle autorizzazioni necessarie ma la pubblicazione del Glossario unico per le opere di edilizia libera ha aiutato (anche se permangono alcuni dubbi) a mettere ordine in questo campo, specificando le tipologie di manufatti leggeri che rientrano negli interventi di edilizia libera e che non..
Continua a leggere su Edilportale.com