Flash News: Edilizia

06/05/2019 - Giornata fitta di audizioni quella di oggi per le Commissioni riunite Lavori pubblici e Ambiente del Senato: sono oltre 15 i soggetti - tra associazioni imprenditoriali, sindacati, cooperative, associazioni del settore immobiliare, professionisti, enti locali - in audizione oggi nell’ambito della conversione in legge del decreto Sblocca Cantieri (DL 32/2019).   Ecco, in tempo reale, le posizioni espresse:   Confedilizia: ‘favorire gli interventi sugli immobili privati’ L’Italia ha un patrimonio immobiliare notevolissimo: 75milioni di unità. Se si favorissero gli interventi su questi beni che sono spesso datati ma bellissimi, borghi e centri storici, si avrebbe un miglioramento sia estetico che in termini di sicurezza. Lo ha detto il presidente di Confedilizia in Senato. “Pensavamo e pensiamo ancora ma con minori speranze che questa fosse una sede importante per intervenire, speriamo che in sede di conversione si possa fare..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/05/2019 – A cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci, il mondo celebra il suo genio con una serie di mostre e rievocazioni. Gli studi e le invenzioni di Leonardo hanno toccato quasi tutte le branche del sapere. In questa sede vogliamo fornire una breve panoramica sulle macchine da cantiere. Ma non solo, perché l’ingegno di Leonardo ha esplorato anche le soluzioni ingegneristiche per la realizzazione di ponti e l’urbanistica immaginando una città ideale.   I modelli, realizzati sulla base dei disegni di Leonardo, sono esposti al Museo nazionale Scienza e Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano.     Gru a doppio braccio Questa doppia gru, oltre a lavorare in altezza, poteva ruotare permettendo rapidi travasi di materiali.  Foto: Museo nazionale Scienza e Tecnologia “Leonardo da Vinci”    Gru girevole Questo modello è un'interpretazione di uno studio per una gru girevole.  Foto: Museo..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/05/2019 – Può rimanere nel regime forfetario il professionista che nel 2019 risulta titolare di una partecipazione e amministratore di una società. Lo ha spiegato l’Agenzia delle Entrate rispondendo all’interpello 133/2019, con cui ha posto anche una serie di paletti.   La domanda è stata posta da un professionista che per la mole di ricavi poteva essere ammesso al regime forfetario, ma era in possesso di una quota di partecipazione al capitale sociale di una Srl nella misura del 72%. Il professionista era anche amministratore della stessa società. L’attività del professionista era inoltre riconducibile a quella della società in cui possedeva la partecipazione.   Regime forfetario, come funziona la normativa L’Agenzia delle Entrate, ripercorrendo il panorama normativo che regola il sistema di tassazione per i professionisti, ha ricordato che il regime forfetario, introdotto dagli articoli da 54 a..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/05/2019 – E’ in vigore da oggi il DM 25 gennaio 2019 sulla sicurezza antincendio nelle abitazioni che introduce misure di prevenzione commisurate all’altezza degli edifici.   Ricordiamo che per “altezza antincendi” negli edifici civili non si intende l’altezza di gronda, ma l’altezza massima misurata dal livello inferiore dell’apertura più alta dell’ultimo piano abitabile e/o agibile, escluse quelle dei vani tecnici, al livello del piano esterno più basso.   Antincendio condomìni: ecco cosa prevedono le nuove regole Il decreto, che aggiorna il DM 246/1987, individua quattro livelli di prestazione antincendio in base all’altezza antincendi dell’edificio: - L.P. 0 per gli edifici di altezza antincendi da 12 metri a 24 metri; - L.P. 1 per gli edifici di altezza antincendi da 24 metri a 54 metri; - L.P. 2 per gli edifici di altezza antincendi..
Continua a leggere su Edilportale.com

Il sequestro disposto venerdì 3 maggio dalla Procura di Avellino riguarda 12 viadotti della stessa A16, ma non la loro intera struttura: solo le barriere. Ecco perché...

03/05/2019 - È confermato nel testo del decreto Crescita (DL 34/2019) pubblicato in Gazzetta Ufficiale, lo stanziamento di 500 milioni di euro per l’anno 2019 in favore dei Comuni per realizzare interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile.   I 500 milioni di euro - a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione (FSC), il Fondo destinato al riequilibrio economico e sociale tra le diverse aree del Paese - sono attribuiti a ciascun Comune sulla base della popolazione residente: - 50.000 euro ai Comuni fino a 5.000 abitanti; - 70.000 euro ai Comuni tra 5.001 e 10.000 abitanti; - 90.000 euro ai Comuni tra 10.001 e 20.000 abitanti; - 130.000 euro ai Comuni tra 20.001 e 50.000 abitanti; - 170.000 euro ai Comuni tra 50.001 e 100.000 abitanti; - 210.000 euro ai Comuni tra 100.001 e 250.000 abitanti; - 250.000 euro ai Comuni con oltre 250.000 abitanti.   Le risorse sono destinate ad opere pubbliche in materia di: a) efficientamento energetico,..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/05/2019 - Le imprese di costruzione o di ristrutturazione immobiliare che acquistano interi fabbricati per demolirli, ricostruirli e rivenderli entro i successivi 10 anni, pagano l’imposta di registro e le imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa di euro 200 ciascuna.   Lo prevede l’articolo 7 ‘Incentivi per la valorizzazione edilizia’ del decreto Crescita (DL 34/2019) appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale.   La ricostruzione deve essere conforme alla normativa antisismica, deve consentire il conseguimento della classe energetica A o B e può essere realizzata anche con variazione volumetrica rispetto al fabbricato preesistente, ove consentita dalle vigenti norme urbanistiche.   Nel caso in cui le suddette condizioni non vengano rispettate, le imposte di registro, ipotecaria e catastale sono dovute nella misura ordinaria e ad esse si aggiungono una sanzione del 30% delle stesse imposte e gli interessi di mora a decorrere..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/05/2019 - Favorire la rigenerazione urbana, la riqualificazione del patrimonio edilizio e delle aree urbane degradate, la riduzione del consumo di suolo, lo sviluppo dell’efficienza energetica e delle fonti rinnovabili e il miglioramento e l’adeguamento sismico degli edifici.   Anche a questo - oltre che ad accelerare la realizzazione delle opere pubbliche - punta il decreto Sblocca Cantieri (DL 32/2019) in via di conversione in legge al Senato, intervenendo sul Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001).   L’articolo 5 ‘Norme in materia di rigenerazione urbana’ del decreto-legge elenca le finalità: - indurre una drastica riduzione del consumo di suolo; - favorire la rigenerazione del patrimonio edilizio esistente; - incentivare la razionalizzazione di detto patrimonio edilizio; - promuovere e agevolare la riqualificazione di aree urbane degradate con presenza di funzioni eterogenee e tessuti edilizi disorganici o incompiuti,..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/05/2019 – Le tende da sole permettono, grazie alla loro capacità schermante, di proteggersi dal sole estivo, sfruttando maggiormente gli spazi esterni.   A seconda del tipo di struttura che si installa e del luogo nel quale ci si trova, bisogna richiedere specifiche autorizzazioni al Comune di appartenenza (consultando il Regolamento Edilizio) o al condominio in cui si risiede.    Tende da sole: cosa sapere prima di installarle Quando si installano manufatti leggeri per gli spazi esterni, è importante comprendere se l’intervento sia assimilabile ad interventi di edilizia libera; la realizzazione di tali strutture ha sempre generato dubbi sulle autorizzazioni necessarie ma la pubblicazione del Glossario unico per le opere di edilizia libera ha aiutato (anche se permangono alcuni dubbi) a mettere ordine in questo campo, specificando le tipologie di manufatti leggeri che rientrano negli interventi di edilizia libera e che non..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/05/2019 – Nel 2018 aumenta, anche se lievemente, il numero delle compravendite immobiliari nelle migliori classi energetiche (+6%), mentre è sceso sotto il 50% il peso sul mercato degli immobili di classe G, la peggiore.    Ad evidenziarlo il Report sulle dinamiche del mercato immobiliare in funzione delle caratteristiche energetiche degli edifici, frutto della collaborazione tra l’ENEA, l’Istituto per la Competitività (I-Com) e la Federazione Italiana degli Agenti Immobiliari Professionisti (FIAIP), presentato lo scorso 30 aprile a Roma.   Efficienza energetica, il peso della classe energetica nelle compravendite   Il Report, pur confermando l’importante peso che hanno gli immobili di classe G (classe energetica più scadente), ne registra un lieve calo rispetto all’anno precedente: nel 2018 le compravendite si attestavano tra il 37% (nel caso delle villette) e il 46% (nel caso delle ville unifamiliari)...
Continua a leggere su Edilportale.com

02/05/2019 – Il Fondo ‘Sport e Periferie’ potrà contare su maggiori risorse nell’immediato, assicurandosi, nel 2019, 45 milioni di euro, in luogo dei 10 milioni previsti.   È stata, infatti, pubblicata la Delibera 10/2019 con cui il CIPE rimodula i fondi, anticipando le risorse previste per gli anni futuri dalla Delibera Cipe 16/2018.   Fondo Sport e periferie: la rimodulazione delle risorse La delibera modifica l’articolazione finanziaria del Piano operativo sport e periferie in questo modo: - anno 2019: milioni di euro 45,00 (in luogo di 10,00); - anno 2020: milioni di euro 25,00 (in luogo di 10,00); - anno 2021: milioni di euro 25,00 (in luogo di 10,00); - anno 2022: milioni di euro 25,00 (in luogo di 10,00); - anno 2023: milioni di euro 25,00 (in luogo di 10,00); - anno 2024: milioni di euro 20,00 (in luogo di 10,00); - anno 2025: milioni di euro 85,00 (in luogo di 190,00).   Le risorse dal 2019 al..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/05/2019 - Per la realizzazione delle infrastrutture prioritarie, e il completamento di quelle ferme, il decreto Sblocca Cantieri prevede il silenzio assenso e l’accorciamento dei termini previsti dalle norme in materia di tutela dei beni culturali e ambientali. Si tratta di un numero di norme elevato e secondo il dossier elaborato dal Servizio studi del Senato bisognerebbe circostanziare meglio su quali disposizioni lo Sblocca Cantieri andrà ad impattare. Lo sblocco delle opere ferme passa anche attraverso il potenziamento del ruolo dei commissari straordinari. Figure già presenti nel panorama normativo, che potranno agire agilmente in deroga alle leggi sugli appalti, in collaborazione con le neonate cabine di regia governative.   Beni culturali e ambiente, silenzio assenso e tempi dimezzati Per sbloccare la realizzazione delle opere, il decreto stabilisce il principio del silenzio-assenso per il rilascio di determinati atti amministrativi..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/05/2019 – “Gravi problemi di aspettative erronee, elusione fiscale, concorrenza sleale, eccessiva concentrazione del mercato, confusione, incertezza, rischio di una gran quantità di contenzioso futuro con l’Agenzia delle entrate e, per di più, un aggravio per la sostenibilità dei flussi del bilancio pubblico a parità di attività incentivate. Senza, per inciso, semplificare nulla”. Così Rete Irene, network di imprese per la riqualificazione energetica degli edifici, commenta una delle novità introdotte dal Decreto Crescita, in vigore dal 1° maggio.   Sconto immediato al posto di Ecobonus e Sismabonus Il Decreto Crescita modifica le norme che regolano le detrazioni fiscali riservate ai proprietari che decidono di effettuare interventi di messa in sicurezza antisismica e riqualificazione energetica sulle proprie abitazioni.   Il decreto stabilisce che il soggetto che effettuerà gli interventi..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/05/2019 – Favorire l’acquisto di case antisismiche e la realizzazione di interventi di messa in sicurezza ed efficientamento energetico sulle proprie abitazioni. Con l’obiettivo di smuovere il mercato, e contemporaneamente promuovere la riqualificazione del patrimonio edilizio, il Decreto Crescita, in vigore dal 1° maggio, amplia e modifica le norme sulle detrazioni fiscali.   Sismabonus per l’acquisto case antisismiche Il Decreto Crescita potenzia il bonus per chi acquista una casa antisismica. Chi comprerà una unità immobiliare in un edificio demolito e ricostruito in zona 1, 2 o 3, potrà ottenere una detrazione pari al 75% del prezzo se dalla realizzazione degli interventi deriva una riduzione del rischio sismico che determini il passaggio a una classe di rischio inferiore, o dell’85% se si ottiene invece il passaggio a due classi di rischio inferiore.   Fino ad ora, questa possibilità è stata..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/05/2019 – Interventi in zona sismica più snelli dalla denuncia al collaudo. Lo prevede il decreto Sblocca Cantieri (DL 32/2019) che ha iniziato il suo iter di conversione in legge al Senato.   Opere strutturali nelle zone sismiche Il decreto modifica e semplifica il Testo unico dell’edilizia (Dpr 380/2001) spiegando che la costruzione di opere “realizzate con materiali e sistemi costruttivi disciplinati dalle norme tecniche in vigore” devono essere denunciate dal costruttore allo sportello unico. Rispetto al passato, nel testo non si parla più di opere in conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura metallica e viene eliminato il passaggio della trasmissione della denuncia di inizio di attività dallo sportello unico al competente ufficio tecnico regionale.   In caso di omessa denuncia dei lavori, il costruttore è punito con la pena dell'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda da 103..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/04/2019 – Quali requisiti devono soddisfare i dispositivi multimediali per il controllo da remoto per accedere all’ecobonus?   Le caratteristiche di tali dispositivi sono state elencate dall’Agenzia delle Entrate nella Guida all’ecobonus e dall’Enea nei Vademecum.   Dispositivi per il controllo da remoto: ecco quando accedono all’ecobonus Per le spese sostenute tra il 1° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2019, è prevista una detrazione per l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda o climatizzazione delle unità abitative. L’obiettivo è aumentare la consapevolezza dei consumi energetici da parte degli utenti e a garantire un funzionamento più efficiente degli impianti.   La detrazione spetta nella misura del 65% dell’intero importo speso, senza un limite massimo..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/04/2019 – No ad uno Stato di polizia tributaria. Ad affermarlo è l’Associazione italiana Dottori commercialisti, che ha messo sotto accusa il Decreto Sblocca Cantieri (DL 32/2019).   A finire sotto esame è una norma dello Sblocca Cantieri che modifica l’articolo 80 del Codice Appalti (D.lgs. 50/2016) sulle cause di esclusione dalle gare.   Sblocca Cantieri e esclusione dalle gare In base al Decreto Sblocca cantieri, “un operatore può essere escluso dalla partecipazione a una procedura d'appalto se la stazione appaltante è a conoscenza e può adeguatamente dimostrare che lo stesso non ha ottemperato agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse o dei contributi previdenziali non definitivamente accertati”.   Possono invece essere ammessi gli operatori che abbiano ottemperato ai loro obblighi “pagando o impegnandosi in modo vincolante a pagare le imposte o i contributi previdenziali..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/04/2019 – Sono state concepite per velocizzare l’apertura dei cantieri. Sono le modifiche al Codice Appalti introdotte dal decreto “Sblocca cantieri” (DL 32/2019). Prescindendo dalle considerazioni sui tempi di approvazione della norma (il primo via libera del CdM è arrivato il 21 marzo, il secondo il 18 aprile e l'entrata in vigore il 19 aprile, cui bisogna aggiungere i 60 giorni per la conversione in legge), un po’ rallentati rispetto all’obiettivo di accelerazione dell’iter dei lavori, il decreto introduce misure che, in alcuni casi, sembrano limitare la concorrenza nell’ottica della semplificazione e non piacciono ai progettisti.   Progettisti, ci sarà meno lavoro? Una delle disposizioni che ha suscitato le proteste dei professionisti è la reintroduzione (seppur a tempo) dell'appalto integrato: questa procedura non sarà più vietata per le opere i cui progetti definitivi siano approvati..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/04/2019 – Il compenso del consulente tecnico di ufficio (CTU), chiamato a valutare un immobile pignorato, può essere calcolato sul prezzo di vendita e non sul valore di stima. Ma non solo, perché al professionista possono solo essere corrisposti acconti fino al 50% del valore di stima.   La Corte Costituzionale, con la sentenza 90/2019 ha chiuso il cerchio di una vicenda iniziata qualche anno fa con le proteste dei professionisti contro la Legge 132/2015, con cui sono state definite una serie di misure in materia fallimentare, tra cui i compensi dei professionisti esperti chiamati a collaborare con i giudici.   CTU, come funziona la determinazione dei compensi La Legge 132/2015 prevede che al momento dell’esproprio, il giudice determini il valore dell’immobile in base al valore di mercato e agli elementi forniti dal tecnico nominato. Il tecnico calcola la superficie, il valore per metro quadro in base alle..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/04/2019 - Dall’avvio del Conto Termico ad oggi, sono state circa 202.000 le richieste di incentivi, corrispondenti a 546 milioni di euro impegnati, di cui 388 milioni per interventi realizzati da privati e 158 per interventi realizzati dalla Pubblica Amministrazione.   I dati arrivano dall’ultimo aggiornamento del contatore del Conto Termico (disciplinato dal DM 28 dicembre 2012 e dal DM 16 febbraio 2016) del Gestore dei Servizi Energetici (GSE) che monitora l’andamento degli incentivi impegnati attraverso il meccanismo che supporta la realizzazione di interventi di efficienza energetica e impianti termici alimentati a fonti rinnovabili presso privati e Pubbliche Amministrazioni.   SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL CONTO TERMICO   L’impegno di spesa per il 2019 del Conto Termico - spiega il GSE - ammonta complessivamente a 153 milioni di euro, con un incremento di 20 milioni rispetto al mese..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/04/2019 – Si sono diffusi a fine Ottocento sfruttando lo sviluppo dell’energia elettrica su larga scala e iniziative pubblicitarie sui benefici derivanti dal loro utilizzo. Sono i radiatori, nati come preziosi elementi di design che riproducevano le forme delle stufe con un approccio tecnologico tutto nuovo.   La storia dei radiatori è esposta al Musée Electropolis di Mulhouse (Francia) e ripresa dal progetto Google Arts & Culture. Vediamo alcuni esempi.   Inizialmente, come dimostra questo modello, i radiatori erano oggetti costosi da esibire e si badava poco alla loro efficienza.  Foto: Musée Electropolis   A fine Ottocento, la diffusione delle lampade a incandescenza permise lo sviluppo di nuove tecnologie. Questo modello è stato utilizzato fino al secondo dopoguerra come fonte di calore supplementare. La maniglia serviva infatti a facilitare lo spostamento da un ambiente all’altro.  Foto: Musée..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/04/2019 – In arrivo un concorso unico per 100 professionisti, di cui 80 tecnici, che lavoreranno allo sblocco delle opere ferme. A prevederlo è la bozza di Decreto Crescita.   Decreto Crescita, in arrivo concorsi per 80 tecnici Il decreto prevede l’assunzione di 80 unità di elevata professionalità tecnica nei settori dell’ingegneria (stradale, strutturale, edile e idraulica), dell’architettura e della geologia, oltre a 20 giuristi, esperti di gare e contratti pubblici, per accelerare l’affidamento delle gare e sbloccare risorse e cantieri.   A ogni Provveditorato interregionale alle Opere pubbliche saranno assegnate 3 risorse amministrative (2 al Provveditorato Piemonte/Liguria) e 12 professionalità tecniche (14 per quello di Roma). In questo modo la norma intende risolvere il blocco del turnover.   Gli oneri per queste assunzioni ammontano a “euro 324.000 per l’anno 2019 e 3.890.000 a decorrere..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/04/2019 – Le partite Iva che erano in regime semplificato o ordinario (perché non presentavano i requisiti ai fini dell’applicazione del regime forfetario) ma che non hanno conseguito ricavi e compensi superiori a 65mila euro possono, a partire dal 2019, passare al regime forfetario.   A chiarirlo la Circolare 9/2019 dell’Agenzia delle Entrate in cui vengono specificati i requisiti e gli ambiti di applicazione del regime forfetario (introdotto dalla Legge di Stabilità 2015 e profondamente innovato dalla Legge di Bilancio 2019).   Come passare al nuovo regime forfetario L’Agenzia chiarisce che grazie alle modifiche normative operate dalla Legge di Bilancio 2019, i contribuenti che erano in regime semplificato perché non presentavano i requisiti ai fini dell’applicazione del regime forfetario, a partire dal 2019 possono applicare questo regime, senza dover fare alcuna comunicazione né esercitare una specifica..
Continua a leggere su Edilportale.com

I bonus fiscali per i lavori e le innovazioni tecnologiche in condominio. A questi due aspetti è dedicato lo speciale Casa che Il Sole 24 Ore propone lunedì. Si parte con L'Esperto...

26/04/2019 – Lo sviluppo sostenibile e la green economy possono portare in sei anni alla creazione di 800.000 posti di lavoro in Italia.   Questo scenario è stato prefigurato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile nel Rapporto “Rilanciare l’economia e l’occupazione in Italia con misure e politiche al 2025 per 5 obiettivi strategici di green economy” presentato a Roma nel mese di aprile in occasione del Meeting di primavera, in preparazione degli Stati generali della green economy del 2019.   La Fondazione per lo sviluppo sostenibile, in collaborazione con gli economisti di Cles Srl, ha calcolato che realizzando le misure proposte nel rapporto per raggiungere 5 obiettivi green si attiverebbero circa 190 miliardi di investimenti con circa 682 miliardi di aumento della produzione e 242 miliardi di valore aggiunto, creando circa 800.000 nuovi posti di lavoro al 2025.    Sviluppo sostenibile:..
Continua a leggere su Edilportale.com