Flash News: Edilizia

22/01/2019 – L’Istituto Nazionale di Statistica (Istat) e il Dipartimento della Presidenza del Consiglio Casa Italia hanno aggiornato, al 30 giugno 2018, il quadro informativo integrato sui rischi naturali in Italia (come terremoti, alluvioni e frane).    Nel sito dedicato, infatti, sono forniti, per ciascun Comune, i dati sui rischi naturali, corredati da informazioni demografiche, abitative, territoriali e geografiche aggiornate attraverso l’integrazione di dati provenienti da varie fonti istituzionali, quali Istat, INGV, ISPRA, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.   Rischi naturali: la mappa aggiornata Nel sito compaiono due sezioni distinte: “Indicatori” e “Cartografia”. La prima, relativa agli Indicatori, consente la visualizzazione e l’estrazione di oltre 140 variabili a livello comunale relative a: superficie e altre caratteristiche territoriali;..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/01/2019 – Nella seduta del Comitato Centrale Tecnico Scientifico (CCTS) dei Vigili del Fuoco del 28 novembre 2018 è stata approvata la nuova bozza del cosiddetto "nuovo DM 10/03/1998" sui generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro.   La nuova bozza di decreto che aggiorna il DM 10 marzo 1998 ora attende l'approvazione da parte del Ministero del Lavoro.   A riferirlo il Consiglio Nazionale Ingegneri (CNI) che esplicita le modifiche e le integrazioni richieste (con l'ampia condivisione delle categorie professionali riunite in apposita commissione nella Rete delle Professioni Tecniche) al Capo del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco.     Antincendio nei luoghi di lavoro: le modifiche alla norma Gli Ingegneri hanno evidenziato come il testo sia stato snellito e semplificato, passando dalle 60 pagine iniziali alle 42 del nuovo testo (18 pagine in meno).   Inoltre,..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/01/2019 – Si concludono con un nulla di fatto i tentativi di riforma a breve termine del Codice Appalti. Tutti gli emendamenti al ddl “Semplificazioni” sull’argomento sono stati ritirati. Diversi i motivi della scelta del Governo. In primo luogo l’esigenza di non dilatare i tempi dell’approvazione della legge, ma anche la volontà di approfondire la materia.   Codice Appalti, in arrivo un ddl urgente Durante i lavori delle Commissioni Lavori Pubblici e Affari Costituzionali del Senato, il Governo ha manifestato la volontà di trattare la materia della riforma del Codice Appalti con un disegno di legge di iniziativa parlamentare che conterrà disposizioni urgenti. Il ddl, ha spiegato il capogruppo del M5S in Senato, Stefano Patuanelli, sarà varato subito, in attesa della legge Delega.   “La riforma del codice degli appalti deve essere fatta bene ma ci sono alcune cose che si possono fare prima” ha..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/01/2019 - Si insedierà all’inizio di febbraio il tavolo per affrontare la crisi del settore delle costruzioni. I Ministeri dello Sviluppo Economico e del Lavoro lavoreranno insieme a sindacati e associazioni per esaminare le possibili soluzioni da mettere in campo.   Lo ha annunciato nei giorni scorsi il Vice capo di Gabinetto del MISE, Giorgio Sorial, incassando nelle ore successive, la soddisfazione di del presidente dell’Ance, Gabriele Buia, che ha dichiarato: “se le indiscrezioni saranno confermate, finalmente sembra che il Governo abbia raccolto il nostro invito ad aprire un tavolo specifico per affrontare la crisi che riguarda l’intero settore delle costruzioni”.   “Finora la politica si è mostrata poco attenta nei confronti di quella che è una vera e propria emergenza nazionale che da anni travolge il settore” - ha aggiunto Buia. L’Ance, infatti, aveva rinnovato la richiesta di apertura di un..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/01/2019 - Prevedere regimi premianti per gli interventi efficienziali di sistema; stabilizzare l’ecobonus e semplificare il Conto Termico; consentire lo scambio diretto tra gli appartamenti del condominio dell’energia prodotta negli edifici.   Sono alcune delle proposte presentate da ASSISTAL - l’Associazione delle imprese specializzate nella progettazione, fornitura, installazione, gestione e manutenzione di impianti tecnologici, fornitura di Servizi di Efficienza Energetica (ESCo) e Facility Management - alla Commissione Attività produttive della Camera, in vista dell’attuazione e dell’adeguamento della Strategia Energetica Nazionale al Piano Nazionale Energia e Clima per il 2030.   “In questo contesto - ha affermato Angelo Carlini, Presidente ASSISTAL - l’efficienza energetica deve rappresentare la prima soluzione in assoluto al fine di ridurre le importazioni di energia e le emissioni di gas serra, accelerare la decarbonizzazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/01/2019 – Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (CSLLPP) ha approvato le ‘Linee Guida per l’identificazione, la qualificazione ed il controllo di compositi fibrorinforzati a matrice inorganica, denominati FRCM (Fiber Reinforced Cementitious Matrix)’.   Le Linee Guida, in linea con quanto previsto dalle Norme tecniche per le costruzioni (DM 17/01/2018), rientrano fra le numerose iniziative adottate dal Consiglio Superiore dei LL.PP. finalizzate a garanzia della qualità e sicurezza delle opere e delle infrastrutture, sia pubbliche che private, della prevenzione del rischio sismico e della valutazione e messa in sicurezza del patrimonio costruito esistente.   Compositi FRCM: le Linee Guida    Le Linee Guida forniscono le procedure per l’identificazione, la qualificazione ed il controllo dei FRCM, denominati anche TRC (Textile Reinforced Concrete), TRM (Textile Reinforced Mortars) o anche IMG (Inorganic MatrixGrid composites),..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/01/2019 - Nei giorni scorsi il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha firmato il Decreto che approva la Circolare esplicativa delle Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC).   La Circolare esplicativa - spiega il Ministero - è un documento di fondamentale importanza che ha l’obiettivo di fornire agli operatori indicazioni, elementi informativi ed integrazioni, sulle nuove NTC (DM 17 gennaio 2018) e ne favorisce una più corretta, agevole e diffusa applicazione, rispondendo così all’esigenza di migliorare la sicurezza sia delle strutture esistenti che di quelle nuove e contribuendo alla messa in sicurezza del patrimonio immobiliare e infrastrutturale del Paese.   Le novità introdotte da questo nuovo strumento normativo - prosegue la nota - consentiranno una più agevole applicazione del sismabonus, consentendo una progettazione degli interventi di miglioramento sismico degli edifici più corretta,..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/01/2019 – Il rilancio dell’edilizia passa per la ristrutturazione del patrimonio edilizio, traendo spunto dalla tradizione ma puntando su competenze, innovazione, efficienza energetica, sostenibilità e bellezza.   Questo il messaggio che trasmette il rapporto “100 Italian Stories for future Building”, realizzato da Fondazione Symbola e Fassa Bortolo, in collaborazione con la Triennale di Milano, con esperti di settore e con MadeExpo, in cui è illustrato il racconto di cento realtà della filiera edilizia che, mediante l’innovazione, sfidano il futuro.   L’edilizia del futuro sarà sostenibile, innovativa e solidale  Per il presidente di Symbola Ermete Realacci e per il presidente di Fassa Bortolo, Paolo Fassa, ristrutturare il patrimonio  edilizio nazionale vuol dire affrontare le sfide dei cambiamenti climatici e rendere più belle e vivibili le nostre città, andare incontro..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/01/2019 - Definire le procedure per il recupero dei rifiuti derivati dalle attività di trasformazione del territorio. È questo l’obiettivo del tavolo tecnico sulla decostruzione selettiva - composto da esperti e i rappresentanti di UNI e della Rete delle Professioni Tecniche - che ha iniziato nei giorni scorsi i suoi lavori.   Ne dà notizia il Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali (CONAF) che partecipa al tavolo.   “Lo scopo di questo tavolo è di definire le prassi per stilare un piano di smaltimento rifiuti che rientri nei workflow digitali e permetta il recupero dei rifiuti così da tutelare l’ambiente e attuare uno sviluppo sostenibile” - ha dichiarato Stefano Villarini, Consigliere CONAF.   “Un obiettivo - prosegue Villarini - che si inserisce perfettamente nell’attività quotidiana dei dottori agronomi, in quanto titolari di competenze e..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/01/2019 – In arrivo 1.115 nuovi spazi innovativi e digitali all’interno delle scuole grazie ai 22 milioni di euro messi a disposizione dal Ministero dell’Istruzione (Miur) per la progettazione di ambienti didattici tecnologicamente all’avanguardia nell’ambito del pacchetto ‘Scuola digitale’.   Il MIUR, infatti, ha pubblicato la graduatoria dei progetti, stilata sulla base dei criteri (alto tasso di dispersione scolastica, disagio negli apprendimenti, ecc) pubblicati nel bando pubblico dello scorso dicembre.     Scuole innovative: la graduatoria dei progetti All’Avviso per la presentazione delle candidature hanno risposto oltre 5.000 istituzioni scolastiche; grazie alle risorse stanziate dal Miur sarà possibile finanziare la progettazione di 1.115 ambienti digitali, di cui 663 nel I ciclo di istruzione e 452 nel secondo.   Il contributo massimo attribuibile dal Miur a ciascuna istituzione scolastica per..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/01/2019 - “No al ripristino dell’incentivo a progettare per i pubblici dipendenti; sì a incentivare i RUP sul rispetto dei tempi e dei costi dell’opera”.   È questa la dura presa di posizione dell’OICE, l’Associazione delle società di ingegneria e architettura aderente a Confindustria, e dell’Associazione nazionale produzione e servizi di Legacoop sulla proposta contenuta nell’emendamento di M5S e Lega all’articolo 5 del disegno di legge di conversione del DL Semplificazione all’esame delle Commissioni del Senato.   Incentivo del 2% ‘pericoloso passo indietro’ In particolare, i progettisti di OICE e Legacoop evidenziano come “la proposta di ripristino dell’incentivo del 2% a favore dei tecnici delle pubbliche amministrazioni che progettano, costituisce un pericoloso passo indietro sul fronte della qualità dei progetti e rischia di ripristinare opache prassi..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/01/2019 - Le sopraelevazioni che non superano il 5% della volumetria complessiva autorizzata e il cui carico non superi quello preesistente all’intervento, potranno essere realizzate senza l’obbligo delle verifiche di sicurezza strutturale ai sensi delle Norme Tecniche per le Costruzioni, tranne che ‘in classe sismica 1’.   Lo prevede un emendamento dei relatori Mauro Coltorti (M5S) e Daisy Pirovano (Lega) al disegno di legge di conversione del DL Semplificazione all’esame delle Commissioni del Senato, che aggiunge un nuovo comma dopo il comma 2 dell’articolo 90, del Testo Unico Edilizia (Dpr 380/2001).   La novità ha l’obiettivo di semplificare il sistema dei controlli previsti per la realizzazione di piccoli ampliamenti degli edifici situati nelle zone a minor rischio sismico.   Le condizioni per evitare di eseguire le verifiche strutturali ai sensi delle NTC (DM 17 gennaio 2018) sono quindi: - che la sopraelevazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/01/2019 – L'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali dell'energia è un obiettivo di interesse primario condiviso nell'ambito della politica energetica europea e nazionale. L’Italia, infatti, si è impegnata a ridurre le emissioni di CO2 attraverso politiche finalizzate ad un uso più efficiente dell’energia, soprattutto nell’edilizia.   Il rispetto delle normative europee sull’efficienza energetica degli edifici richiede un’approfondita analisi del sistema edificio-impianto e la redazione di un progetto di riqualificazione energetica da parte di professionisti e tecnici del settore. Per rendere più efficiente il sistema edificio/impianto si agisce in due direzioni: sull'involucro (coibentazione pareti e coperture, sostituzione di infissi); sugli impianti. L’efficienza energetica in edilizia sarà anche uno dei temi affrontati a Klimahouse 2019..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/01/2019 – Sta per sbloccarsi la situazione di professionisti e imprese che vantano crediti nei confronti di Regioni ed Enti locali. È attiva la piattaforma con cui Cassa Depositi e Prestiti (CdP) anticiperà ai fornitori i pagamenti della Pubblica Amministrazione maturati al 31 dicembre 2018.   Pagamenti PA, la soluzione di Cassa Depositi e Prestiti CdP presterà agli Enti le risorse necessarie al pagamento dei debiti ai loro fornitori a condizioni favorevoli. In questo modo sarà possibile raggiungere un duplice obiettivo: non gravare sulle casse delle Pubbliche amministrazioni e far ottenere a professionisti e imprese la liquidazione dei loro crediti.   La misura contribuirà a risolvere il problema della mancanza di liquidità, che in questi anni ha portato diversi soggetti a cessare la propria attività.   Pagamenti PA, sull’Italia il faro di Bruxelles In Europa la Direttiva 2011/7/UE sui ritardi..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/01/2019 – Promuovere una rivoluzione culturale per rendere il processo di rigenerazione urbana conveniente e aderente alla realtà. È la proposta per il contrasto al consumo di suolo presentata dall’Associazione nazionale costruttori edili (Ance) in audizione presso le Commissioni riunite Agricoltura e Territorio ed Ambiente del Senato.   L’Ance, rappresentata dal vicepresidente Filippo Delle Piane, ha presentato una serie di proposte per far sì che i disegni di legge n. 86 e n.164 risolvano le criticità presenti nel patrimonio edilizio e infrastrutturale, evitando che restino provvedimenti avulsi dalla realtà.   Consumo di suolo netto pari a zero e rigenerazione L’Ance ha spiegato che l’obiettivo europeo del “consumo netto pari a zero” non impone il divieto di occupazione di nuovo territorio. L’occupazione infatti è consentita a condizione che “avvenga a saldo zero”,..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/01/2019 - Si è svolta ieri, nella Sala degli Arazzi del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), la presentazione della proposta di regole applicative del Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica, messa a punto dal MISE e da Invitalia.   Il Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica - spiega il MISE - è stato istituito dal Dlgs 102/2014 attuativo della Direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica ed è finalizzato a mobilitare maggiori risorse private per la realizzazione di interventi di efficienza energetica realizzati da imprese, ESCO e Pubblica Amministrazione su edifici, impianti e processi produttivi e integra gli strumenti di incentivazione dedicati al raggiungimento degli obiettivi nazionali di efficienza energetica.   La Legge di Stabilità per il 2018, ricordiamo, ha previsto che una sezione del Fondo - con dotazione massima di 150 milioni di euro - sia dedicata all’ecoprestito cioè al rilascio..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/01/2019 – Assicurare che le compravendite avvengano in linea con i più elevati standard di sicurezza, anche sotto il profilo urbanistico ed edilizio.   Questo l’obiettivo del protocollo d’intesa siglato dal Collegio dei Geometri e Geometri laureati della provincia di Palermo e dal Consiglio Notarile dei Distretti Riuniti di Palermo e Termini Imerese. Il protocollo regionale si pone in continuità con quello nazionale siglato l’11 dicembre 2014 fra Geometri e Notai.     Compravendite: accordo tra geometri e notai palermitani Grazie all’accordo, che avrà la durata di tre anni, sarà possibile avviare un’indagine completa su un immobile o su un patrimonio immobiliare rendendo note tutte le notizie che il compratore dovrebbe conoscere prima di procedere all’acquisto.   La partnership è finalizzata alla tutela dei soggetti che, a vario titolo, intervengono nella negoziazione poiché..
Continua a leggere su Edilportale.com

16/01/2019 – Le spese relative alla manutenzione, protezione e restauro dei beni vincolati ai sensi del Dlgs 42/2004 accedono a una specifica detrazione che, però, non si può cumulare con quella prevista per il risparmio energetico.   A ricordarlo l’Agenzia delle Entrate tramite la posta di FiscoOggi.   Restauro beni culturali: la detrazione prevista Per le spese relative alla manutenzione, protezione e restauro di un bene vincolato è prevista una detrazione del 19%; tale agevolazione spetta anche in relazione alle spese sostenute per ordinare e inventariare gli archivi privati di interesse storico a condizione che si riferiscano ad interventi di carattere straordinario da realizzare immediatamente dopo l’apposizione del vincolo.   La detrazione spetta ai soggetti obbligati alla manutenzione, protezione o restauro delle cose vincolate che vantano un titolo giuridico che attribuisca loro la proprietà, il possesso o la..
Continua a leggere su Edilportale.com

16/01/2019 - Uno dei prodotti mainstream di questo Natale 2018 è stato Amazon Echo, un dispositivo che con il suo alter ego Alexa porta nelle case l’intelligenza artificiale in una forma snella ed economicamente accessibile. E’ interessante osservare come il prodotto, così come il suo analogo Google Home, è stato posto infatti sul mercato contestualmente ad interruttori wireless offerti a prezzi nell’ordine di poche decine di euro. Non si tratta più dunque di domandarsi quando l’intelligenza artificiale sarà accessibile alla stragrande maggioranza delle famiglie, ma in che modo è concretamente possibile utilizzarla per semplificare la vita delle persone. È proprio su questi aspetti che si è concentrato il sondaggio online promosso da Edilportale in collaborazione con IDEA TOLOMEO**.   Come cambia la domanda di domotica da parte dei clienti finali? La prima parte del sondaggio è stata..
Continua a leggere su Edilportale.com

16/01/2019 – Realizzare una sopraelevazione non è sempre possibile. Oltre al rispetto delle norme urbanistiche sulle distanze minime e le altezze massime consentite, è fondamentale assicurare la sicurezza antisismica. Non sono invece importanti i materiali utilizzati.   Questo, in sintesi, il giudizio espresso dalla Corte di Cassazione con la sentenza 121/2019.   Sopraelevazione e normativa antisismica Secondo la Cassazione, per la corretta applicazione della normativa antisismica, non si può edificare innestando il proprio muro in aderenza a quello di una costruzione preesistente. Le due costruzioni devono rimanere separate da un giunto tecnico o da un altro accorgimento per ridurre la rigidità delle strutture e rendere flessibili le due unità in caso di terremoto.   Non è importante, hanno sottolineato i giudici, la tecnica costruttiva utilizzata. Quello che rileva è che l’aggancio del nuovo manufatto..
Continua a leggere su Edilportale.com

16/01/2019 – Quando una struttura di copertura è assimilabile a una pergotenda, che rientra tra le opere di edilizia libera per cui non è richiesta alcuna autorizzazione, e quando è classificata come ‘tettoia’ per cui è necessario chiedere il permesso di costruire?   A fare maggiore chiarezza due sentenze del Consiglio di Stato: la sentenza 5737/2018, in cui si spiega quale sia la caratteristica principale di una pergotenda, e la sentenza 58/2019, in cui si chiariscono alcune differenze dimensionali tra tettoie e pergotende.   Pergotenda: qual è la sua funzione principale Nella sentenza 5737/2018 i Giudici hanno spiegato che per ‘pergotenda’ si intende una struttura in cui “l’opera principale sia costituita non dalla struttura in sé, ma dalla tenda, quale elemento di protezione dal sole o dagli agenti atmosferici, con la conseguenza che la struttura deve qualificarsi in termini di mero..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/01/2019 - Dare conto delle innovazioni e dei cambiamenti che attraversano la pianificazione e il governo del territorio nel nostro Paese. È questo l’obiettivo, sia sul versante dell’esposizione dei progetti che degli incontri di approfondimento, della Rassegna Urbanistica Nazionale “Mosaico Italia: raccontare il futuro” organizzata dall’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU) a Riva del Garda dal 3 al 6 aprile prossimi.   Quella che stiamo vivendo - spiega l’INU - è infatti una fase storica caratterizzata da rapidissime trasformazioni che è inevitabile si ripercuotano anche in questo settore. Alcune, significative per molti aspetti tra cui l’impatto economico, riguardano gli aspetti dello spostamento delle persone e delle merci.   L’INU se ne occupa attraverso la Community “Mobilità urbana e logistica”, coordinata da Mauro D’Incecco, secondo cui è importante che questi..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/01/2019 - Il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha assegnato i 50 milioni di euro la costruzione di nuove palestre e per la messa in sicurezza di quelle esistenti.   Le risorse - stanziate nell’ambito della programmazione triennale nazionale per l’edilizia scolastica 2018-2020 e rese disponibili con l’avviso pubblico pubblicato a dicembre 2018 - serviranno alla realizzazione di 93 interventi: 77 riguardano la messa in sicurezza delle strutture esistenti, soprattutto dal punto di vista antisismico, i restanti 16 prevedono la realizzazione di nuovi edifici.   I finanziamenti più cospicui andranno alla Lombardia (oltre 6,6 milioni di euro), alla Campania (5 milioni), alla Sicilia (4,6 milioni), al Lazio (4,1 milioni) e al Veneto (3,8 milioni). Sardegna ed Emilia Romagna, rispettivamente con 16 e 12 progetti, sono le Regioni nelle quali si realizzeranno più interventi; seguite da Basilicata, Campania e Lazio,..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/01/2019 – Limitare ai piccoli Comuni le deroghe al Codice Appalti introdotte con la Legge di Bilancio per il 2019. È l’obiettivo di un emendamento al ddl ‘Semplificazioni’ presentato dai senatori M5S Agostino Santillo, Stefano Patuanelli e Ugo Grassi.   Codice Appalti, le deroghe della Legge di Bilancio 2019 Il comma 912 della legge di Bilancio per il 2019 amplia per un anno la portata degli affidamenti diretti e delle procedure negoziate.   In attesa di una riforma più organica del Codice Appalti (D.lgs. 50/2016), fino al 31 dicembre 2019 le Stazioni Appaltanti potranno procedere all'affidamento di lavori di importo pari o superiore a 40mila euro e inferiore a 150mila euro mediante affidamento diretto previa consultazione, ove esistenti, di tre operatori economici. Per i lavori di importo compreso tra 150mila e 350mila euro si potrà utilizzare la procedura negoziata previa consultazione di..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/01/2019 – Un passo indietro per le garanzie conquistate dai progettisti. Un emendamento al disegno di legge per la semplificazione, presentato dal Governo, propone di cancellare l’obbligo che la Pubblica Amministrazione paghi il professionista anche se non ottiene il finanziamento dell’opera progettata.   Obbligo di pagamento del progettista a rischio scomparsa L’obbligo di pagamento al progettista, introdotto con il Codice Appalti del 2016 (D.lgs. 50/2016), rischia di scomparire riportando in uno stato di incertezza i professionisti che svolgono un incarico per la pubblica Amministrazione.   Secondo l’emendamento del Governo, in caso di mancato finanziamento dell’opera progettata, al progettista verrebbe riconosciuta un’indennità comprensiva delle spese sostenute.   Per la quantificazione dell’indennità da versare al progettista, l’emendamento ipotizza una sorta di “Decreto Parametri-ter”,..
Continua a leggere su Edilportale.com