Flash News: Edilizia

06/11/2018 – Sono detraibili al 50% tutte le spese sostenute per la bonifica da amianto, a prescindere dal fatto che si realizzi un intervento edilizio.   A chiarirlo l’Agenzia delle Entrate tramite la posta di FiscoOggi.   Bonifica amianto, ok alla detrazione anche senza lavori L’Agenzia ha spiegato che la detrazione del 50% relativa alle spese per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio spetta per i lavori di bonifica dall’amianto indipendentemente dalla categoria edilizia in cui gli interventi stessi rientrano.   La detrazione, quindi, spetta a prescindere dalla realizzazione di un intervento di recupero del patrimonio edilizio.   Ne consegue, secondo le Entrate, che il bonus 50% riguardi anche il trasporto dell’amianto in discarica da parte di aziende specializzate.   Bonifica amianto: le condizioni del Bonus ristrutturazioni Ricordiamo che anche nel caso di lavori di bonifica è prevista una detrazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/11/2018 - Al fine di riconoscere il valore delle prestazioni rese dai liberi professionisti e contrastare l’evasione fiscale, il Movimento 5 Stelle pugliese ha presentato la proposta di legge “Norme in materia di tutela delle prestazioni professionali per attività espletate per conto dei committenti privati e di contrasto all’evasione fiscale” a firma di Cristian Casili (nella foto). Verte sullo stesso tema la bozza di proposta di legge dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Bari, sulla quale i progettisti stanno lavorando da tempo.    La proposta di legge del M5S La proposta del M5S prevede che, al momento del rilascio al privato dell’atto autorizzativo in materia di edilizia ed urbanistica, il professionista dichiari che le proprie prestazioni sono state economicamente soddisfatte, indicando anche gli estremi della fattura.   “Nel nostro ordinamento - si..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/11/2018 – In arrivo il sito Enea dedicato alla trasmissione dei dati degli interventi edilizi e tecnologici che beneficiano del bonus ristrutturazioni ma comportano anche risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili.   Lo comunica l’Enea avvisando che il portale sarà operativo non appena il Ministero dello Sviluppo Economico darà il consenso e definirà le modalità operative.   Ristrutturazioni con risparmio energetico: dall’inizio del 2018 in attesa delle istruzioni Ricordiamo che la Legge di Bilancio 2018 ha introdotto l’obbligo di inviare all’Enea una comunicazione per ottenere la detrazione del 50% sugli interventi di ristrutturazione edilizia che consentono anche di conseguire un risparmio energetico. L’obiettivo è monitorare il risparmio energetico che può derivare da un intervento di ristrutturazione e avere un quadro completo dello stato del patrimonio edilizio.   Fino..
Continua a leggere su Edilportale.com

Tra il 2007 e il 2009 l’agenzia del Territorio effettuò un’operazione a tappeto di confronto tra fotografie aeree e mappe catastali, che ha fatto emergere 2,2 milioni di particelle (cioè, porzioni di mappa) su cui erano stati identificati fabbricati mai dichiarati al catasto...

05/11/2018 - La Commissione Ambiente e Territorio della Regione Puglia, nella seduta del 31 ottobre, ha approvato la proposta di legge che proroga al 31 dicembre 2019 la scadenza del Piano Casa. Quella appena approvata “sarà l’ultima proroga al Piano Casa - ha detto l’Assessore alla Pianificazione Territoriale, Alfonso Pisicchio -. Abbiamo infatti in mente di strutturare meglio la legge anche grazie alla futura Legge sulla Bellezza, nella quale anche il Piano Casa troverà la sua collocazione. Questa proroga diventa quindi necessaria nelle more di una nuova definizione normativa”.   Piano Casa Puglia verso la proroga al 31 dicembre 2019 Nell’ottica di ampliare la platea dei cittadini interessati alle misure di sostegno all’attività edilizia, la norma concede un ulteriore anno di tempo per la presentazione delle istanze abilitative in materia edilizia per il conseguimento degli incrementi volumetrici. Di conseguenza,..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/11/2018 – Sono opere famose, associate prevalentemente ai nomi delle archistar che le hanno progettate. Ma dietro la loro realizzazione ci sono imprese di costruzione di livello internazionale che operano in tutto il mondo.   Qui dieci opere costruite negli ultimi anni con la partecipazione delle prime dieci imprese di costruzione in Italia. Si tratta della top ten della classifica, stilata dal Gruppo Guamari, dei 50 big del settore edile.   1. Salini Impregilo Salini Impregilo nel 2017 ha registrato un valore della produzione pari a 6.107.241.000 euro. Opera da più di 110 anni nel settore delle grandi opere complesse. Tra i numerosi lavori, c’è il progetto dell’architetto Renzo Piano per il Centro Culturale Fondazione ‘Stavros Niarchos’ ad Atene. L’edificio rappresenta il collegamento ideale tra la città e il mare.  Foto: Salini Impregilo   2. Astaldi  Astaldi nel 2017 ha registrato..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/11/2018 – La programmazione degli investimenti pubblici e privati e la gestione degli appalti passerà attraverso tre nuove strutture di missione. Due saranno istituite nel 2019 perché previste dal disegno di Legge di Bilancio per il 2019: si tratta di InvestItalia, che valuterà tutti i programmi di investimento, e della Centrale per la progettazione delle opere pubbliche. L’altra, la cabina di regia “Strategia Italia” nascerà a breve in base a quanto stabilito dal Decreto “Genova” (DL 109/2018).   Dopo aver abolito la struttura di Missione “Italia Sicura”, che coordinava gli interventi di edilizia scolastica, risanamento idrogeologico e sulla rete idrica, il Governo ha fatto marcia indietro e ha ritenuto opportuno creare delle sovrastrutture per il coordinamento delle attività facenti capo a diversi Ministeri.   L’abolizione delle vecchie strutture era stata motivata con la necessità..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/11/2018 – Prosegue il confronto per la revisione del testo Unico dell’edilizia. Nei giorni scorsi, durante l’assemblea nazionale dell’Associazione nazionale Comuni italiani (Anci) in un seminario organizzato da Anci Lombardia si è fatto il punto della situazione sul tavolo istituito per la modifica della norma del 2001 (Dpr 380/2001).   Il Testo Unico dell’edilizia ha affrontato numerosi cambiamenti e gli operatori del settore, tra cui professionisti, imprese e istituzioni chiedono da tempo un riordino della materia.   Il processo di revisione, partito all’inizio dell’anno, è passato in carico al nuovo Governo, che intende procedere in tempi brevi.   Testo unico edilizia, il punto della situazione Antonio Lucchese, dirigente del Consiglio superiore dei lavori pubblici e coordinatore del tavolo tecnico ministeriale che riunisce Governo, istituzioni locali e ordini professionali, intervenendo al seminario Anci..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/11/2018 - Moduli abitativi autosufficienti. Case stampate in 3D. Nuove tecnologie che avanzano, spesso al centro di grandi eventi e design week, lo spazio ideale in cui imprese e designer possono testare sul campo ciò che poi metteranno sul mercato e disegnare il futuro dell’edilizia. Il nuovo concetto di “abitare” porta con sé l’aria di una vera e propria rivoluzione. La stessa denominazione del “prefabbricato” ha acquisito, negli ultimi anni, un’accezione completamente diversa dal passato, passando da un’immagine negativa di strutture realizzate in serie, prive di ogni stile e personalizzazione, a un’idea di struttura progettata ad hoc, per soddisfare il cliente e i bisogni ambientali. Nell’ottica del cambiamento, gli edifici prefabbricati saranno uno dei temi toccati dal Fidec del 21 novembre. Il Forum Italiano delle Costruzioni sarà il grande evento che animerà il settore edile e..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/11/2018 – In Lombardia è sempre necessario il parere delle commissioni locali per il paesaggio anche per i procedimenti di autorizzazione paesaggistica semplificata.   A chiarirlo la Regione Lombardia nel Comunicato 144/2018 in cui risponde alle richieste degli enti locali lombardi sull’obbligatorietà del parere delle Commissioni paesaggio locali alla luce del DPR 31/2017.   Autorizzazione paesaggistica semplificata: le norme della Lombardia La Regione ha ricordato che la LR 12/2005 prevede l’obbligatorietà del parere delle commissioni per il paesaggio, anche se non vincolante, per l’autorizzazione paesaggistica. Nel DPR 31/2017, parlando del procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica, si legge che «non è obbligatorio il parere delle Commissioni locali per il paesaggio, salvo quanto diversamente disposto dalle leggi regionali».   Poiché il legislatore regionale ha chiaramente..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/11/2018 – “Un miliardo di euro destinati alle infrastrutture idriche". È lo stanziamento economico messo a disposizione dal Ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo per il piano irriguo e le riserve d'acqua, annunciato dal Ministro Gian Marco Centinaio alla trasmissione Frankenstein su Rai2.   Vediamo di ricostruire alcuni dei capitoli di spesa che finanzieranno la realizzazione delle infrastrutture idriche.   Piano Invasi da 250 milioni di euro Le risorse per la realizzazione del Piano Invasi sono state stanziate durante lo scorso Governo con la Legge di Bilancio per il 2018 (Legge 205/2017 comma 523) e ammontano a 250 milioni di euro, 50 milioni annui dal 2018 al 2022.   Per la realizzazione del Piano Invasi, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Mit) ha definito, sulla base dei documenti forniti dalle Autorità di bacino distrettuali, gli interventi necessari e urgenti secondo una..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/11/2018 - La Commissione Lavori pubblici del Senato, nella seduta di martedì 30 ottobre, ha deciso di avviare una indagine conoscitiva sull’applicazione del codice dei contratti pubblici e di audire circa 35 soggetti, tra associazioni imprenditoriali, ordini professionali, associazioni di enti locali, Anac, Corte dei conti, Anas, RFI, Soa, sindacati.   Nel corso della seduta, il senatore Salvatore Margiotta (PD) ha chiesto se il Governo attenderà la conclusione dell’indagine conoscitiva prima di presentare proprie proposte di riforma in Parlamento.   Il Presidente della Commissione, Mauro Coltorti (M5S) ha rassicurato sul fatto che l’Esecutivo attenderà la conclusione di questa fase parlamentare.   Salvini: ‘entro novembre il Codice Appalti sarà riscritto’ Che ne sarà, quindi, della promessa del vicepremier Matteo Salvini che, a metà ottobre, ai costruttori dell’Ance riuniti in Assemblea..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/11/2018 – La chiusura del balcone, con finestre e murature perimetrali, non può essere considerata una serra di pertinenza dell’edificio e necessita di permesso di costruire.   A ribadirlo il Consiglio di Stato nella sentenza 5801/2018 in cui ha respinto l’appello di una proprietaria che aveva realizzato un aumento di volume sul proprio balcone senza permesso, facendolo passare per una ‘serra’.   Chiusura del balcone: serra o veranda? La proprietaria dell’appartamento, pur avendo realizzato una trasformazione (senza permesso di costruire) del proprio balcone attraverso la "realizzazione di una struttura in cemento armato e tamponature laterali in vetro”, era riuscita, in un primo momento, a far passare l’intervento come ‘serra’.   La “serra”, per essere tale, deve avere carattere pertinenziale, essendo destinata al servizio della costruzione esistente, con funzione oggettivamente..
Continua a leggere su Edilportale.com

31/10/2018 – In arrivo la revisione dell’etichettatura per l’efficienza delle sorgenti luminose e nuovi requisiti per il rendimento luminoso degli apparecchi.   A prevederlo due provvedimenti in fase di consultazione UE: il nuovo regolamento dell’Unione Europea sull’etichettatura delle sorgenti luminose (consulta qui il provvedimento) e il regolamento sulla progettazione ecocompatibile per i prodotti di illuminazione (consulta qui il provvedimento).   Efficienza energetica illuminazione: nuova etichettatura in arrivo Il nuovo regolamento, in consultazione fino al 6 novembre, prevede un’etichettatura per tutte le sorgenti luminose (a incandescenza, alogene, fluorescenti, HID e LED) e rivede le classi di efficienza energetica, che ora arrivano a A +++, approvando una scala che va dalla classe “A”(più efficiente) alla classe "G" (meno efficiente).   Le nuove classi sono state definite direttamente..
Continua a leggere su Edilportale.com

31/10/2018 – Sono in arrivo quasi 100 miliardi di euro per gli investimenti in edilizia, sicurezza e infrastrutture da realizzare nei prossimi quindici anni. Lo prevede la bozza di disegno di Legge di Bilancio per il 2019. Rispetto alla versione del 23 ottobre, il testo del 29 ottobre, che dovrebbe ora approdare in Parlamento, ritocca leggermente qualche cifra.   Fondo Investimenti per le Amministrazioni centrali A questo Fondo saranno destinati 50,2 miliardi di euro, di cui 2.900 milioni di euro per l'anno 2019, di 3.100 milioni di euro per l'anno 2020 e di 3.400 milioni per ciascuno degli anni dal 2021 al 2033. La bozza del 23 ottobre aveva previsto una dotazione di 51,3 miliardi di euro.   Il testo stabilisce che negli stessi decreti, da approvare per la ripartizione delle risorse, dovrà essere disposta la revoca dei finanziamenti non utilizzati entro 18 mesi dalla loro assegnazione.   Le risorse saranno destinate a tutti gli investimenti..
Continua a leggere su Edilportale.com

31/10/2018 – La centrale per la progettazione delle opere pubbliche costerà 100 milioni di euro all’anno. Lo prevede l’ultima bozza (30 ottobre) del disegno di Legge di Bilancio per il 2019, che sta per iniziare il suo iter in Parlamento. e darà lavoro a un numero incerto di persone.  Il costo della struttura sembra essere l'unica certezza. Le bozze che si stanno susseguendo stanno rivedendo al ribasso il numero di persone che ci lavorerà e aumentando le sue funzioni.   Centrale per la progettazione, dal 2019 100 milioni all’anno Rispetto alla precedente bozza del 23 ottobre, viene quantificato il costo della nuova struttura. Il ddl autorizza infatti una spesa di 100 milioni di euro annui a partire dal 2019. Non è invece indicato con quali risorse sarà coperto questo costo.   Incerto il numero di persone che lavorerà all’interno della centrale per la progettazione. La prima versione..
Continua a leggere su Edilportale.com

31/10/2018 – Quali interventi di ristrutturazione edilizia richiedono il permesso di costruire e per quali opere basta la Scia?   A chiarito il Consiglio di Stato che nella sentenza 5984/2018 spiega quali titoli abilitativi sono necessari nel caso di una ‘ristrutturazione edilizia’.   Ristrutturazione edilizia: quali interventi coinvolge Il Consiglio di Stato ha spiegato che “in termini generali costituiscono interventi di ristrutturazione edilizia quegli interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possano portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”.   I Giudici hanno aggiunto che “la ristrutturazione nelle forme dell’intervento “conservativo” o “ricostruttivo” si pone in continuità con tutti gli altri interventi edilizi cosiddetti minori (manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento..
Continua a leggere su Edilportale.com

Il servizio è disponibile su impresa.italia.it...

30/10/2018 - L’Italia del buon ecosistema urbano è principalmente l’Italia che fa, che fa bene e spende bene le sue risorse, che si evolve e pianifica le trasformazioni future, che non s’accontenta dello scenario contemporaneo, che in uno o più ambiti produce ottime performance o raggiunge l’eccellenza.   È l’Italia dei capoluoghi in testa alla graduatoria di Ecosistema Urbano di quest’anno: Mantova, Parma, Bolzano, Trento e Cosenza. Ed è anche l’Italia dell’AreaC e della mobilità condivisa di Milano, della gestione dei rifiuti di Oristano, Parma, Trento, Mantova, Treviso e Pordenone, della tramvia di Firenze (e magari in prospettiva quella dell’ambiziosa rete su binari di Palermo), che contiene lo spreco di acqua come Macerata e Monza, che investe sul solare come Padova, che teleriscalda 6mila studenti delle superiori come ha..
Continua a leggere su Edilportale.com

 30/10/2018 – Parte dalla Puglia il servizio di assistenza telefonica gratuita dell’Agenzia delle Entrate sui servizi catastali.     Servizi catastali: parte il servizio di assistenza in Puglia Per i cittadini pugliesi, l’assistenza telefonica dell’Agenzia delle Entrate, tramite il numero verde gratuito 800.90.96.96, si estende alle informazioni catastali su case e terreni.   I consulenti del Centro di assistenza telefonica dell’Agenzia risolveranno, quindi, i dubbi dei cittadini su accatastamenti e correzioni dei dati catastali, volture di fabbricati e terreni, variazioni di colture e altri argomenti legati agli immobili.   Inoltre, forniranno assistenza per l’utilizzo del Geoportale, il servizio web disponibile sul sito internet dell’Agenzia che permette di cercare e visualizzare in maniera dinamica le particelle presenti nella cartografia del territorio nazionale.   Assistenza catastale: presto attiva..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/10/2018 – Un periodo transitorio per alleggerire l’impatto dei nuovi obblighi sulla fatturazione elettronica. Lo prevede il Decreto Fiscale (DL 119/2018), in vigore dal 24 ottobre, che sta iniziando il suo iter parlamentare per la conversione in legge.   Fatturazione elettronica, i nuovi obblighi Ricordiamo in primo luogo che la Legge di Bilancio 2018 (L. 205/2017) ha introdotto l’obbligo di emissione e ricezione delle fatture elettroniche riferite alle operazioni di cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati in Italia, nonché l’obbligo di trasmissione telematica dei dati relativi alle operazioni di cessione di beni e di prestazione di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato.   L’obbligo è in vigore dal 1° luglio 2018 per le operazioni relative ai subappalti. Dal 1° gennaio 2019 si applicherà sia..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/10/2018 – Si amplia la portata della misura “Resto al Sud”. Il disegno di legge di Bilancio per il 2019 (bozza del 29 ottobre) prevede l’estensione delle agevolazioni ai professionisti e agli imprenditori fino a 45 anni.   Resto al Sud anche per i professionisti Come annunciato dal Governo, potranno accedere alle agevolazioni della misura “Resto al Sud” anche i professionisti. La misura, introdotta  dalla legge “Mezzogiorno” e regolata dal  DM 174/2017, finora ha incentivato solo i progetti imprenditoriali mentre i professionisti sono stati espressamente esclusi.   Resto al Sud, il limite di età sale a 45 anni Il ddl di Bilancio 2019 prevede anche un’estensione in termini di età. Sia gli imprenditori sia i professionisti potranno usufruire della misura fino al quarantacinquesimo anno di età. Le agevolazioni fino ad ora hanno riguardato i progetti imprenditoriali..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/10/2018 – Il Governo intende confermare gli attuali limiti di detraibilità collegati ai bonus per la casa (detrazioni per le ristrutturazioni, bonus mobili ed ecobonus).   A dichiararlo il Ministero delle Economie e delle Finanze (Mef) in risposta a una interrogazione alla Camera presentata da Sestino Giacomoni (Forza Italia).   Bonus per la casa: nel 2019 stessi limiti di spesa Il deputato di Forza Italia aveva chiesto spiegazioni circa i bonus per la casa 2019. Il Mef ha risposto che nel disegno di legge di bilancio 2019, oltre alla "proroga delle agevolazioni per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2019, saranno confermati per ogni tipologia di intervento i limiti di detraibilità previsti dalla normativa attualmente vigente".   Questo significa che anche per il 2019 chi avvia una ristrutturazione potrà detrarre dall’Irpef il 50% le spese sostenute con un limite massimo di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare.   Stesso..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/10/2018 – ‘No alla creazione di una nuova Italstat* per la progettazione delle opere pubbliche’. La proposta di istituire una ‘Centrale per la progettazione delle opere pubbliche’ da integrare nell’Agenzia del Demanio, contenuta nella bozza di legge di bilancio è inaccettabile.   È questa la dura presa di posizione della Rete delle Professioni Tecniche (RPT) e dell’Associazione delle società di ingegneria e architettura aderente a Confindustria (OICE) sull’ipotesi di assegnare all’Agenzia del Demanio il ruolo di progettista di opere pubbliche, stazione appaltante e soggetto di committenza delegata da parte di altre Amministrazioni.   RPT e OICE, al fine di garantire la qualità delle prestazioni professionali e la trasparenza nel processo di esecuzione delle opere pubbliche, ritengono che sia necessario puntare ad una chiara distinzione tra controllori e controllati, riservando ai liberi..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/10/2018 – Che si tratti di trovate turistiche o storie con una base di realtà, alimentate da credenze popolari e suggestioni personali, ci sono luoghi che più di altri sono considerati sinistri e misteriosi.   Il gruppo Holidayguru ha stilato la classifica dei dieci luoghi più paurosi del mondo. Località che potrebbero ispirare qualche turista temerario nel periodo di Halloween.   Isla de la Muñecas, Città del Messico - Messico  Si narra che il custode dell'isola negli anni Cinquanta ritrovò il corpo di una ragazzina annegata nelle vicinanze e per ricordarla appese la sua bambola ad un albero, ma poi, forse posseduto dallo spirito della ragazzina, abbia incominciato ad appendere sempre più bambole. Foto: Màs Mèxico.com   Aokigahara, Yamanashi - Giappone  Questa foresta, alle pendici del Monte Fuji, è conosciuta anche come foresta dei suicidi per il triste primato..
Continua a leggere su Edilportale.com