Flash News: Edilizia

25/03/2019 – Se si sostituiscono gli infissi bisogna rispettare requisiti tecnici differenti a seconda della detrazione fiscale che si vuole utilizzare tra bonus ristrutturazione ed ecobonus.   A specificarlo l’Enea nelle Faq relative al bonus casa.   Sostituzione finestre: i requisiti per il bonus ristrutturazione Se si sostituiscono gli infissi, o un qualsiasi intervento di efficienza energetica, l’Enea ricorda che per accedere alle detrazioni fiscali, anche quelle previste per le ristrutturazioni edilizie (50%,) è necessario rispettare dei requisiti tecnici, anche se differenti rispetto a quelli previsti per l’accesso alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica.   Per il bonus ristrutturazione i requisiti tecnici da rispettare sono quelli previsti dal DM 26 giugno 2015 “Requisiti Minimi” o dalla legge regionale sostitutiva e riguardano sia l’involucro che gli impianti. SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/03/2019 - La Commissione UE promuove a pieni voti il progetto DigiPLACE, un’iniziativa a valenza europea promossa da Federcostruzioni e supportata dal Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, che è riuscita a mettere insieme un consorzio di grande valenza politica con l’adesione di ben tre Ministeri europei: - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti italiano;    - Ministere de l'ecologie du developpement durable des transports et du Logement francese;      - Bundesministerium für Verkehr und Digitale Infrastruktur tedesco;        forte partecipazione industriale grazie al coinvolgimento di ANCE e tutte le più importanti Associazioni Europee in rappresentanza della filiera delle Costruzioni       e anche presenza scientifica garantita dal coordinamento del Politecnico di Milano. Il progetto di ricerca è stato selezionato..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/03/2019 – È partito ieri da Napoli Edilportale Tour 2019, giunto alla decima edizione. Questo traguardo ha spinto la redazione Edilportale a fare un bilancio sulle mutazioni dell’edilizia negli scorsi 10 anni e ad immaginare possibili scenari futuri per il settore delle costruzioni.   Sono stati, infatti, presentati i risultati dei tre sondaggi, svolti negli scorsi mesi, sulla domanda nel mercato delle costruzioni, sulla professione e sulle tecnologie. Ne è emerso un quadro dinamico in cui, se da un lato la crisi economica ha avuto impatti negativi sulla committenza pubblica e privata e sui redditi dei progettisti, dall’altro i professionisti sono attivamente alla ricerca di nuove soluzioni per riaffermarsi sul mercato, attraverso l’acquisizione di nuove competenze e l’utilizzo di tecnologie innovative.   Le riflessioni emerse hanno offerto spunti più volte ripresi nel corso del dibattito. Ad esempio, Juri Franzosi,..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/03/2019 – L’installazione di impianti fotovoltaici rientra tra gli interventi di risparmio energetico agevolati con il bonus ristrutturazione per cui è necessario inviare la documentazione all’Enea. Molti contribuenti, però, si sono chiesti se sia necessario trasmettere anche i dati degli eventuali sistemi di accumulo di energia elettrica a servizio degli stessi impianti o per il loro ampiamento.   L’Enea ha risposto a questi dubbi nelle nuove Faq sugli interventi che accedono al bonus casa.   Sistemi di accumulo per impianti fotovoltaici Per gli impianti fotovoltaici che accedono alle detrazioni fiscali del “Bonus Casa” è necessario trasmettere anche i dati degli eventuali sistemi di accumulo di energia elettrica a servizio degli stessi impianti?   L’Enea risponde che non è necessario per gli interventi con data di fine lavori entro il 31 dicembre 2018.   Diventa necessario per gli interventi..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/03/2019 – “Abbiamo chiesto un atto di coraggio per sbloccare l’Italia, ma dalle bozze uscite finora questa volontà di cambiare pagina con regole chiare e procedure veloci e trasparenti non emerge”. È il commento del Presidente dell’Ance, Gabriele Buia, dopo l’approvazione in Consiglio dei Ministri del decreto “Sblocca cantieri”.   Sblocca Cantieri, da Ance no ai commissari “Abbiamo chiesto di semplificare le procedure a monte e invece vediamo che si fa ricorso a commissari dotati di ampi poteri di deroga al Codice, al massimo ribasso senza l’obbligo dell’esclusione automatica dell’offerta anomala”.   “Abbiamo proposto al Governo – continua Buia - un pacchetto di norme efficaci che può sbloccare veramente i cantieri senza cedere nulla in fatto di trasparenza e legalità e invece ci sembra di capire che si sta scegliendo un’altra strada meno utile..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/03/2019 – No all’affidamento delle manutenzioni ordinarie e straordinarie su progetto definitivo, e all’incentivo del 2% ai progettisti dipendenti pubblici. Parere positivo, invece, sul pagamento diretto ai professionisti.   È il parere della Rete delle Professioni Tecniche (RPT) sulla bozza di decreto “Sblocca Cantieri” approvato, salvo intese, dal Consiglio dei Ministri.   ‘Sblocca cantieri’, il parere di RPT “Siamo perplessi – sostiene la Rete - sull’efficacia di provvedimenti omnibus, come è il Decreto “Sblocca Cantieri”, attualmente in bozza, che modifica profondamente norme specifiche come il Codice dei contratti ed il testo unico dell’edilizia, rischiando di comprometterne la visione complessiva.  Pur apprezzando le modifiche introdotte rispetto alla prima bozza del decreto, che segnava un passo indietro nella valorizzazione dei concorsi di progettazione, non possiamo..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/03/2019 - Dopo l’esperienza dei Talk di Architettura e Luce del 2017, volge al termine, anche quest’anno, il ciclo di incontri dal tema “Luce naturale nel progetto di Architettura” organizzato da Velux ed Archilovers nell’ambito del Made Expo 2019.  Quattro relatori d’eccezione – Leonardo Cavalli, managing partner di One Works, Patrik Pedò e Juri Pobitzer, fondatori dello studio monovolume architecture+design, Vincenzo Latina e Stefania Manna, founder di Ian+ e attualmente dello studio LGSMA – hanno espresso la propria personale visione sull’inscindibile rapporto tra illuminazione naturale e progetto attraverso un excursus di lavori e collegamenti multidisciplinari che hanno coinvolto una vasta platea di architetti, progettisti, operatori del settore e appassionati di cultura del progetto. Durante i quattro giorni della fiera lo stand Velux di Rho Fiera Milano si è trasformato..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/03/2019 – Cosa accade se una Pubblica Amministrazione prevede un compenso per la progettazione di un’opera, ma poi cambia programma e al professionista viene richiesto un impegno aggiuntivo?   Secondo la Cassazione, nulla. Questo perché bisogna tutelare il preminente interesse pubblico all’equilibrio economico-finanziario delle amministrazioni locali.   Compenso progettista, il caso È quello che si è sentito rispondere un professionista che si è occupato per un Comune di progettazione, direzione dei lavori, misure, contabilità, collaudo amministrativo e coordinamento della sicurezza nell’ambito della realizzazione di una struttura espositiva.   Il Comune aveva previsto un impegno di spesa comprensivo dei costi per la realizzazione dell’opera e dei compensi al professionista.   Successivamente, il Comune aveva optato per delle modifiche progettuali che avevano richiesto al progettista un maggiore..
Continua a leggere su Edilportale.com

Conclusioni nella causa C 526/17, Commissione / Italia. La Commissione ritiene che la proroga, stabilita nel 2009, dal 2028 al 2046 della concessione di lavori relativa all'autostrada Civitavecchia-Livorno costituisca la modifica di un termine essenziale di tale concessione...

21/03/2019 – Conclusa la nona edizione di MADE expo, si possono tirare le somme sulle tendenze che hanno caratterizzato la fiera di quest’anno incentrata sul tema della ‘qualità dell’abitare’.   La manifestazione – che ha registrato la presenza di circa 900 espositori e più di 90.000 visitatori - ha proposto un’ampia selezione di materiali, soluzioni e sistemi per la progettazione, il cantiere e l’edilizia, la filiera completa del serramento, i sistemi di involucro, le soluzioni outdoor e di schermatura dalla luce, il mondo delle finiture e degli interni.  MADE expo, le tecnologie per serramenti MADE expo ha dato ampio spazio ai serramenti e alle novità tecnologiche che permettono di massimizzare l’apporto di luce naturale. Una novità 2019 per i serramenti è stata presentata da Internorm con la finestra HF410, il modello in legno/alluminio con l’innovativa..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/03/2019 - “L’aumento delle compravendite, tornate ad attestarsi non distanti da quota 580 mila, nonché l’ennesima riduzione di intensità della flessione dei prezzi registrata sia nelle città maggiori sia in quelle intermedie, rappresentano il portato di una dinamica rialzista la cui intensità pare ora destinata a ridursi”.   “L’entità della frenata dipenderà dall’efficacia delle misure di politica economica poste in essere, oltre che dalla disponibilità del sistema bancario a continuare ad assecondare la pulsione proprietaria delle famiglie italiane, anche in un contesto di maggiore precarietà reddituale”.   È quanto emerge dal 1° Osservatorio sul Mercato Immobiliare 2019 di Nomisma presentato il 20 marzo a Milano e che ha analizzato la congiuntura immobiliare italiana con uno specifico focus sulle seguenti città intermedie: Ancona, Bergamo, Brescia,..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/03/2019 - Parte oggi da Napoli la decima edizione di Edilportale Tour, l’evento in 20 tappe che indaga il mondo delle costruzioni - la committenza, i progettisti, le imprese e le aziende di produzione - e prova a delineare l’edilizia dei prossimi 10 anni.   A dieci anni dalla prima edizione, Edilportale Tour si conferma l’evento più atteso da architetti, ingegneri, designer, tecnici dell’edilizia e dell’architettura, con numerose aziende coinvolte, importanti relatori e un ricco panel di patrocini.   Edilportale Tour 2019, i temi Negli ultimi anni il mondo dell’edilizia ha affrontato profondi cambiamenti: un contesto socio-economico in forte mutamento, una committenza con nuovi bisogni e dinamiche, nuove competenze richieste ai progettisti e soluzioni tecnologiche innovative.   Questo quadro rende indispensabile la condivisione del processo con tutti i protagonisti, per condividere temi e problematiche, cercare nuove..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/03/2019 – In un impianto di riscaldamento centralizzato destinato ad una pluralità di utenze, nel caso di sostituzione dei generatori di calore con generatori a condensazione aventi efficienza stagionale maggiore o uguale al 90% si possono installare i sistemi di termoregolazione evoluti delle classi V, VI e VII e quindi fruire dell’aliquota del 65%?   La domanda si trova nelle nuove Faq a cui l’Enea dà risposta.   Ecobonus 65% e sistemi di termoregolazione evoluti Secondo l’Enea non è possibile installare i sistemi di termoregolazione evoluti ed usufruire dell’ecobonus 65% nel caso prospettato.   Per prima cosa, infatti, l’Enea spiega che i sistemi di regolazione evoluti delle classi V, VI VIII sono destinati ad apparecchi di riscaldamento modulanti e agiscono “modulando l’uscita dall’apparecchio di riscaldamento”.   Dalle definizioni di questi sistemi di regolazione evoluti..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/03/2019 – Più vicine le modifiche urgenti al Codice Appalti. Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera alla bozza di decreto “Sblocca Cantieri” e le novità annunciate nei giorni scorsi dovrebbero essere confermate.   Il condizionale è d’obbligo. L’approvazione è infatti avvenuta con la formula “salvo intese”. Questo significa che il testo non è blindato, ma che potrebbe essere ulteriormente rivisto man mano che andrà avanti il dialogo interno al Governo.   I ritocchi al Codice Appalti sembrano però definitivi. Nella bozza, lo ricordiamo, c’è anche la razionalizzazione degli interventi in zona sismica. Durante la riunione del CdM è stato inoltre avviato l’esame del decreto per la crescita, il rilancio degli investimenti e l’innovazione.   Sblocca Cantieri, le modifiche al Codice Appalti Confermato il ritorno al regolamento attuativo unico,..
Continua a leggere su Edilportale.com

20/03/2019 – Come ormai sappiamo, il BIM è un innovativo processo basato sulla raccolta e l'uso delle informazioni, geometriche e non geometriche, che riguardano la progettazione, la gestione e la manutenzione dell'opera costruita. Non esiste una definizione universalmente accettata di BIM, anche se diversi enti autorevoli hanno pubblicato definizioni in merito. Per la progettazione impiantistica (comunemente chiamata MEP, acronimo di Mechanical, Electrical and Plumbing) la definizione rilasciata dalla Cooperative Research Centre (CRC), ente di riferimento in Australia, è considerata la più adatta: “il BIM è una tecnologia model-based collegata a un database contenente le informazioni del progetto e la rappresentazione grafica, la documentazione per la costruzione e le analisi.” Un progetto BIM contiene tutte le informazioni relative all’opera e alla sua realizzazione, comprese le caratteristiche fisiche, funzionali e le..
Continua a leggere su Edilportale.com

20/03/2019 - È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 27 febbraio 2019 contenente una serie di modifiche agli indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa) approvati con i DM 23 marzo 2018 e DM 28 dicembre 2018, applicabili al periodo d’imposta 2018 e quindi nella dichiarazione dei redditi 2019.   Isa: le modifiche  Tra gli interventi correttivi contenuti nel decreto troviamo: - modifiche per le imprese che cambiano la loro contabilità, passando dal criterio di competenza a quello di cassa o viceversa; - misure di ciclo settoriale, necessarie per tener conto degli effetti economici dell’andamento congiunturale; - modifiche alla territorialità;  - indici di concentrazione della domanda e dell’offerta per area territoriale, per situazioni di vantaggio o svantaggio competitivo, secondo la collocazione territoriale. Il software realizzato dall’Agenzia delle Entrate, da utilizzare per l’applicazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

20/03/2019 - Uno stanziamento di 80 milioni di euro per un “Piano straordinario di messa in sicurezza delle strade”, rivolto ai comuni con meno di 2 mila abitanti delle aree interne del Sud e delle Isole.   Lo ha deciso la cabina di regia del Fondo sviluppo e coesione, presieduta dal ministro per il Sud Barbara Lezzi, nella riunione di lunedì scorso.   La Cabina di regia decide le assegnazioni programmatiche del FSC prima che la deliberazione del CIPE rendano le assegnazioni definitive e operative. Il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, era presente per l’Anci, nella veste di responsabile politico per le politiche di coesione territoriale.   La somma stanziata per il Piano di messa in sicurezza delle strade dei piccoli Comuni delle aree interne - spiega l’Anci in una nota -, verrà ripartita in quote uguali fra le otto regioni interessate, sarà disponibile per l’intero anno in corso e finanzierà..
Continua a leggere su Edilportale.com

20/03/2019 - Dopo il calo di gennaio a febbraio il mercato torna in campo positivo: le gare di sola progettazione sono state 227 (di cui 61 sopra soglia) per un importo di 58,1 milioni di euro (51,6 sopra soglia); rispetto a gennaio il numero cresce del 20,7% e il loro valore del 101,2%; rispetto a febbraio 2018 -33,2% in numero e -1,1% in valore.   Sempre per la sola progettazione, febbraio non riesce però a recuperare il calo di gennaio: nel primo bimestre 2019 le gare sono state 415, per un valore di 87,0 milioni di euro; rispetto al primo bimestre 2018 il numero delle gare si riduce del 30,9% (positivo il numero delle gare soprasoglia a +27,5%) e il valore del 3,0% (ancora positivo il valore delle gare soprasoglia a +33,5%).   Secondo l’aggiornamento al 28 febbraio dell’Osservatorio OICE-Informatel, nel primo bimestre 2019 per tutti i servizi di ingegneria e architettura sono state bandite 735 gare per un importo complessivo di 189,0 milioni di euro..
Continua a leggere su Edilportale.com

20/03/2019 – In programma per il primo pomeriggio di oggi la discussione delle misure per sbloccare i cantieri fermi e aprirne velocemente di nuovi. Semplificazione del Codice Appalti, sostegno ai piccoli Comuni e snellimento degli interventi in zona sismica stanno per arrivare sul tavolo del Consiglio dei Ministri.   Codice Appalti, le modifiche urgenti Nel piano complessivo di revisione del Codice Appalti, oggi saranno gettate le basi per le prime modifiche considerate urgenti.   Si tornerà quasi sicuramente ad un unico regolamento attuativo, abbandonando il sistema di line guida Anac e regolamenti ministeriali monotematici. Il nuovo regolamento dovrà essere emanato entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione dello Sblocca cantieri.   Sarà eliminato l’obbligo di indicare la terna dei subappaltatori già nella fase di offerta, ma dovrebbe restare in piedi il tetto del 30%.   In caso di appalto..
Continua a leggere su Edilportale.com

20/03/2019 – In arrivo nuove misure per la riqualificazione edilizia, energetica ed antisismica degli edifici. Le novità, che inizialmente avrebbero dovuto far parte del decreto “Sblocca Cantieri”, sono state invece inserite in un altro decreto, contenente le misure urgenti per la crescita economica, messo a punto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.   Sismabonus La bozza propone “l’estensione alle zone 2 e 3 del bonus previsto solo per gli edifici in zona 1”.   Anche se il testo non lo specifica, dovrebbe trattarsi dell’agevolazione per l’acquisto di case antisismiche, non di quello per la realizzazione dei lavori di adeguamento o miglioramento antisismico. Quest’ultimo, infatti, è già attivo per le zone classificate a rischio 1, 2 e 3. SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL SISMABONUS   Se la proposta contenuta nel decreto per la crescita economica dovesse passare, chi..
Continua a leggere su Edilportale.com

19/03/2019 - Sarà naturale, per un evento come la Rassegna Urbanistica Nazionale dell’Istituto Nazionale di Urbanistica “Mosaico Italia: raccontare il futuro”, in programma dal 3 al 6 aprile a Riva del Garda (il 5 aprile l’Inu nella stessa sede terrà il suo trentesimo Congresso), che ha l’obiettivo di aprire una discussione su tutti i principali temi e le priorità connesse all’urbanistica e al governo del territorio, occuparsi di adattamento climatico.   L’Inu su questa tematica, abbinata alla pianificazione del mare, ha dedicato una Community coordinata da Francesco Musco, con compiti, dice lui stesso, di “sperimentazione e amplificazione”.   Musco sottolinea il paradosso costituito da una parte dall’ormai innegabile urgenza globale dell’adattamento climatico, dall’altra dall’assenza di strumenti obbligatori e “cogenti” per applicare gli interventi per..
Continua a leggere su Edilportale.com

19/03/2019 - Un contesto socio-economico in forte mutamento, una committenza con nuovi bisogni e dinamiche, nuove competenze richieste ai progettisti e soluzioni tecnologiche innovative.   Sono questi gli elementi che delineano il quadro di profondo cambiamento che il mondo dell’edilizia ha affrontato negli ultimi anni e che stanno stimolando il dibattito facendo emergere visioni e soluzioni.   Per immaginare gli scenari dei prossimi 10 anni e discuterne insieme nel corso di Edilportale Tour 2019, abbiamo lanciato un sondaggio volto a capire quali sono i più nuovi prodotti e processi e le migliori tecnologie sul mercato, utili all’edilizia del futuro. Ecco i risultati.   I progettisti che hanno risposto al questionario sono per il 60% architetti e ingegneri e per il 20% geometri; oltre l’80% degli interpellati ha un’età compresa tra i 26 e i 55 anni; il 46% opera nel Sud e Isole, il 34% nel Nord e il 20% nel Centro..
Continua a leggere su Edilportale.com

19/03/2019 - Reintroduzione dell’appalto integrato, potenziamento del potere di precontenzioso e di controllo dell’Anac, introduzione di regole semplificate per i piccoli Comuni. Sono le richieste formulate dall’Anci durante il tavolo istituzionale di venerdì a Palazzo Chigi sul tema delle infrastrutture, dello sblocco dei cantieri e delle modifiche urgenti al Codice Appalti.   Sblocca cantieri, Anci chiede norme più semplici Dopo aver appreso le proposte contenute nella bozza di decreto "Sblocca Cantieri", il presidente dell’Associazione nazionale Comuni italiani (Anci), Antonio Decaro, ha presentato una serie di proposte, tra cui la creazione di una regolazione più semplice, unitaria ed omogenea potenziando il potere di precontenzioso e di controllo di ANAC.   Partendo da questo presupposto, l’Anci ha chiesto il ritorno al regolamento attuativo unico del Codice Appalti, eliminando il sistema..
Continua a leggere su Edilportale.com

19/03/2019 – “Dalle parole ai fatti”. È l’appello lanciato dall’Associazione nazionale costruttori edili (Ance) dopo l’incontro a Palazzo Chigi con il Premier, Giuseppe Conte, il vicepremier, Luigi Di Maio, e il Ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli. Al centro del meeting la situazione delle infrastrutture e le norme per la velocizzazione dei lavori.   Il presidente dell’Ance, Gabriele Buia, ha valutato positivamente l’apertura del Governo, ma ha segnalato una serie di problemi urgenti da risolvere, anche alla luce delle proposte contenute nella bozza di decreto "Sblocca Cantieri", che domani approderà in Consiglio dei Ministri.   Alla riunione ha partecipato anche una delegazione di Confindustria, che ha sottolineato il calo degli investimenti causato, oltre che dalla crisi economica, da un sistema normativo ingessato.   Ance: norme troppo complesse L’Ance ha chiesto..
Continua a leggere su Edilportale.com

19/03/2019 – Semplificazioni sì, ma senza toccare le conquiste del Codice Appalti in vigore. Così la Rete delle Professioni Tecniche (RPT) all’incontro di venerdì scorso con il premier, Giuseppe Conte, il vicepremier, Luigi Di Maio, e il Ministro delle infrastrutture, Danilo Toninelli.   Commentando le proposte contenute nella bozza di decreto "Sblocca Cantieri", RPT ha proposto nuovamente la sua idea di snellimento delle procedure per lo sblocco dei lavori, che non rinuncia alla qualità della progettazione.   Sblocca Cantieri, mantenere le conquiste del Codice Appalti “Il vigente Codice dei contratti pubblici - ha afferamto RPT - per i professionisti dell’area tecnica ha rappresentato una importante conquista. La separazione dell’attività di progettazione da quella di esecuzione, l’affidamento dei lavori sulla base del progetto esecutivo e la rigida delimitazione del ricorso all’appalto..
Continua a leggere su Edilportale.com