Flash News: Edilizia

03/04/2020 - Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti assegna ai Comuni 14 milioni di euro per 321 progetti di messa in sicurezza di edifici e strutture pubbliche.   Si tratta di risorse del ‘Fondo Progettazione Enti Locali 2018 e 2019’ non utilizzate dalle Province e città metropolitane alle quali erano state precedentemente assegnate, ma che avevano presentato meno progetti di quanti il Ministero avrebbe potuto finanziare: 272 progetti per 20,4 milioni di euro a fronte di uno stanziamento di circa 35 milioni di euro.   A differenza delle Province e città metropolitane, i Comuni avevano presentato più di 2.000 progetti ritenuti ammissibili ma la cifra che avevano ricevuto, 12,5 milioni di euro, era bastata a finanziarne solo 833. Progettazione enti locali, 14 milioni di euro ai Comuni Da qui la necessità dello spostamento dalle Province e città metropolitane ai Comuni dei 14 milioni di euro inutilizzati,..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/04/2020 - Come filiera dell’edilizia sentiamo la responsabilità “di guardare fin da ora al dopo, a quando dovremo ricostruire questo Paese (grandi opere, rigenerazione urbana, efficientamento energetico, efficientamento sismico, ecc.). Sappiamo infatti che saremo il solo settore che, seppur martoriato e ferito come tutti gli altri, potrà mettersi a lavorare da subito per tutti, con ricadute positive anche per altri settori della nostra economia ai quali servirà necessariamente più` tempo per ripartire, perché´ legati alla ripresa dei consumi interni oltre che internazionali”.   Federcomated: ‘chiediamo interventi immediati’ “Per questi motivi, dopo un attento esame della memoria inoltrata da Confcommercio alla Commissione Bilancio del Senato in merito ai contenuti del decreto ‘Cura Italia’, oltre a condividerne pienamente l’analisi e le proposte avanzate per FARE DI PIÙ,..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/04/2020 – Le disposizioni del Governo per contrastare l’emergenza coronavirus impattano fortemente sulle attività svolte dai geometri. Le attività professionali, infatti, anche se non sono state sospese, devono essere svolte in modo tale da garantire la sicurezza. Per questa ragione il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati (CNGeGL) ha pubblicato un vademecum che spiega come orientarsi nelle mansioni concernenti l'amministrazione condominiale, i cantieri edili, il catasto, la sicurezza antincendio e le valutazioni immobiliari.     Coronavirus, Geometri: come orientarsi nei cantieri aperti La guida del CNG è suddivisa in base agli ambiti di intervento.   Ad esempio, nell’ambito di lavori di coordinamento in cantiere (per le attività non sospese), il CNG suggerisce di adeguare il Piano di sicurezza e coordinamento, valutando se le prescrizioni di profilassi anti-contagio previste..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/04/2020 – Per rilanciare il settore delle costruzioni dopo l’emergenza coronavirus è necessario potenziare e stabilizzare i bonus fiscali per la casa e semplificare gli strumenti urbanistici e le procedure amministrative.   Queste alcune delle azioni proposte per il rilancio dell’edilizia da Fillea Cgil e Legambiente, dalla Federazione degli Ordini degli Architetti P.P.C. del Lazio e da Rete Irene.     Rilancio edilizia con ecobonus, il Piano Fillea-Legambiente Il Piano Fillea-Legambiente prevede di prolungare fino al 31 Dicembre 2025 Ecobonus e Sismabonus per i condomini, prevedendo una riduzione minima del fabbisogno energetico di almeno il 50% o il raggiungimento della classe energetica B per aiutare le famiglie a risparmiare.   A fronte di ulteriori riduzioni dei consumi si potrebbero aumentare gli incentivi in maniera progressiva (innalzare l’attuale incentivo massimo fissato al 75%) sul modello seguito da altri paesi..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/04/2020 – In questo periodo tutti sono molto attenti agli aspetti legati alla pulizia e all’igiene, soprattutto in casa. È lecito quindi chiedersi se i materiali per rivestimenti possono influire in termini di igiene e sicurezza e se è possibile ripensare e riprogettare gli spazi in un’ottica che favorisca la sanificazione, non solo per questa fase di emergenza.   Nello scorso focus abbiamo parlato dei purificatori d’aria che sono in grado di ridurre in maniera significativa gli effetti nocivi dei principali inquinanti presenti nell’aria. In questo focus ci soffermeremo sulle superfici con ‘potere antibatterico’ che possono facilitare l’igiene negli ambienti interni.   Superfici antibatteriche: perché sono importanti Le superfici, soprattutto piani per poggiare gli oggetti e pavimenti, sono ‘potenzialmente’ le parti più contaminate delle case in quanto entrano ogni giorno a contatto..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/04/2020 – Come funziona l‘ecobonus legato all’installazione di schermature solari? Come varia lapercentuale della detrazione fiscale? Quali requisiti tecnici bisogna soddisfare per fruirne?   L’Enea risponde a queste domande nel Vademecum sulle schermature solari che può essere utile per i progettisti che vogliono approfondire il funzionamento dei bonus legati alla riqualificazione dell’esistente e al risparmio energetico in questo periodo di stop dei cantieri.   Schermature solari: come funziona l’ecobonus L’Enea spiega che sono agevolabili l’acquisto e la posa in opera di schermature solari e/o chiusure tecniche mobili oscuranti elencate nell’allegato M al D.Lgs 311/2006, montate in modo solidale all’involucro edilizio o ai suoi componenti e installate all’interno, all’esterno o integrate alla superficie vetrata.   L’agevolazione vale per gli edifici che, alla data d’inizio..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/04/2020 - Il Gruppo Operativo ‘Ordinamento’ del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) ha messo a punto una bozza di riforma dell’ordinamento della professione di architetto che il CNAPPC ha sottoposto agli Ordini provinciali.   “L’obiettivo, impegnativo ed ambizioso, che si vuol perseguire - spiega il CNAPPC - è quello di superare l’attuale frammentario quadro normativo che disciplina la nostra professione con una legge unitaria che sia innovativa e che rafforzi il ruolo sociale della professione di Architetto nell’interesse pubblico e in attuazione dei principi costituzionali, tra cui l’art. 9 della Costituzione”.   La riforma - si legge nella lettera agli Ordini - rafforza la funzione sociale dell’architetto; reintroduce l’albo unico, senza sezioni; introduce la possibilità di avvalersi del titolo di specialista; ripristina livelli minimi..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/04/2020 – Aprile è arrivato. A breve sarano resi noti i contenuti del decreto che immetterà una nuova dose di soldi pubblici nel sistema economico provato dall’epidemia da coronavirus.   Coronavirus, le incognite del decreto di aprile Nella giornata di oggi il Governo dovrebbe chiedere al Parlamento l’autorizzazione allo sforamento del bilancio. Dalla risposta dipenderà la portata delle nuove misure. Nei giorni scorsi, il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha lasciato intendere che il nuovo stanziamento non sarà inferiore a 25 miliardi di euro. Tra le ipotesi ci sono misure per la riapertura dei cantieri, che potrebbero basarsi sulla nomina di commissari ad-hoc o su deroghe al Codice Appalti, come avvenuto con lo "Sblocca Cantieri". In campo anche lo stanziamento di maggiori risorse per i professionisti. Il confronto è ancora in atto.   Di "alleggerimento di alcune regole che hanno limitato..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/04/2020 – La sospensione di tutte le attività non fondamentali durerà fino al 13 aprile 2020. Poi si valuterà la prospettiva di una fase 2, quella della convivenza con il virus, prima di entrare nella fase 3, quella dell'uscita dell'emergenza con il ripristino delle attività lavorative e sociali.   A dichiararlo il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha annunciato nella conferenza stampa di ieri sera di aver firmato il DPCM 1° aprile 2020 che proroga fino al 13 aprile 2020 le misure per il contenimento del contagio previste dal DPCM 22 marzo 2020 e del DPCM 25 marzo 2020.   Coronavirus, i cantieri che rimangono fermi Rimangono sospese, quindi, tutte le attività già fermate dai precedenti decreti: le costruzioni di nuovi edifici residenziali e non residenziali, lo sviluppo di progetti immobiliari, i lavori di demolizione e tutte le attività di preparazione del cantiere edile..
Continua a leggere su Edilportale.com

01/04/2020 – Gare rettificate e domanda pubblica in calo. Sono i risultati dei provvedimenti restrittivi, adottati per contrastare l’epidemia da coronavirus, messi in luce nel report dell’Ufficio studi e banche dati dell’OICE, l’Associazione delle società di ingegneria e architettura aderente a Confindustria.   Progettazione, rettificate 139 procedure Dal 9 al 27 marzo sono state rettificate 139 procedure di affidamento di incarichi di ingegneria e architettura. Si tratta del 28,1% del totale delle 494 gare pubblicate.  Rispetto allo stesso periodo del mese precedente l’incremento è di quasi 15 volte. È anche evidente l’accelerazione delle sospensioni dovuta agli effetti dell’articolo 103 del decreto “Cura Italia” entrato in vigore il 18 marzo. La rettifica, spiega Oice, consiste nella proroga dei termini per la presentazione delle offerte o nella sospensione della gara o, ancora, nell’annullamento..
Continua a leggere su Edilportale.com

01/04/2020 – Pur essendo ferme le principali attività in cantiere, i progettisti non smettono di approfondire il funzionamento delle detrazioni fiscali legate alla riqualificazione dell’esistente e al risparmio energetico.   Per agevolargli il compito, l’Enea ha pubblicato l’aggiornamento del Vademecum su Infissi e serramenti che spiega quando è possibile detrarre gli infissi al 65% e quando al 50%.     Sostituzione finestre: ecco come variala percentuale di detrazione L’Enea ha chiarito che l’aliquota di detrazione dell’ecobonus per la sostituzione delle finestre varia dal 50% al 65%. In particolare, si avrà: -una detrazione del 50% delle spese totali sostenute fino al 31 dicembre 2020 nel caso delle singole unità immobiliari; - una detrazione del 65% delle spese totali sostenute dal 1 gennaio 2020 fino al 31 dicembre 2020 nel caso di interventi che interessino le parti comuni degli edifici..
Continua a leggere su Edilportale.com

01/04/2020 – Dopo i segnali incoraggianti, che mostravano una ripresa dopo un periodo di crisi, il settore delle costruzioni torna ad essere duramente colpito, mentre per un nuovo recupero si dovrà aspettare molto probabilmente il prossimo anno.   A tracciare questo quadro è stato l’ufficio studi di Confindustria nel documento “Le previsioni per l’Italia. Quali condizioni per la tenuta ed il rilancio dell’economia?”.   Coronavirus, il calo per l’edilizia Confindustria stima che, in termini di produzione, nelle costruzioni si registrerà un calo del 7% nel 2020. Ipotizzando una ripresa delle attività, nel 2021 la produzione tornerà a crescere. L'aumento si attesterà sul 4%: una ripresa parziale, che non riuscirà quindi a compensare la perdita subita a causa dell’emergenza sanitaria in atto. Questo significa che non basterà un anno per compensare il calo causato dagli..
Continua a leggere su Edilportale.com

01/04/2020 - Scatterà oggi alle 12.00 l'apertura della procedura, sui siti web delle Casse di Previdenza private (Inarcassa, Cipag, ecc), per richiedere l’indennizzo di 600 euro per il mese di marzo, previsto dal DL Cura Italia e disciplinato dal decreto attuativo dei Ministri del Lavoro e dell’Economia, pubblicato sul sito web del Ministero del Lavoro.   Le Casse aderenti all’Adepp hanno concordato che il modulo sarà disponibile a partire dalle ore 12 di oggi 1° aprile e sarà attivo fino al 30 aprile.   600 euro anche a chi non è in regola con i contributi A differenza della prima bozza di decreto attuativo, il testo pubblicato oggi non contiene il requisito della regolarità in materia di obblighi contributivi. Sono stati, dunque, ascoltati coloro i quali nei giorni scorsi avevano protestato contro questa clausola ritenendola inopportuna in un momento di grave difficioltà per..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/03/2020 – Nei concorsi di idee, le offerte non devono essere dettagliate. È sufficiente che rappresentino delle proposte ideative e, in ogni caso, non si può andare oltre il livello di dettaglio previsto per il progetto di fattibilità tecnica ed economica.   Sono le conclusioni cui è giunto il Tar Molise con la sentenza 91/2020.   Concorso di idee, il caso Un Comune aveva bandito una procedura aperta in unico grado per l’aggiudicazione del Concorso di idee denominato “Scuole Sicure” per la progettazione di scuole innovative. Successivamente era stato pubblicato il bando per l'acquisizione di tre proposte progettuali relative alla realizzazione dei lavori. Al vincitore sarebbe stato riconosciuto un premio di 3mila euro e, previa procedura negoziata senza pubblicazione di bando, l’affidamento dell’incarico di progettazione definitiva ed esecutiva, nonché il coordinamento della sicurezza in fase..
Continua a leggere su Edilportale.com

31/03/2020 – Per far fronte all’emergenza sanitaria causata dal coronavirus, il Decreto “Cura Italia” ha dato alle aziende la possibilità di ricorrere alla cassa integrazione. L’Istituto nazionale per la previdenza sociale (Inps) ha chiarito che non è necessario un accordo sindacale preventivo, ma è sufficiente una informativa. Scettica Fillea Cgil, che teme una “pratica furbesca”.   Coronavirus e cassa integrazione, il chiarimento dell’Inps Il Decreto Cura Italia (DL 18/2020) ha dato, ai datori di lavoro che hanno dovuto interrompere la loro attività, la possibilità di ricorrere alla cassa integrazione. Le domande, spiega l’Inps con una circolare, possono essere trasmesse con la nuova causale denominata “COVID-19 nazionale”, per periodi decorrenti dal 23 febbraio 2020 al 31 agosto 2020 e per una durata massima di 9 settimane.   L’Inps, con la circolare 27/2020,  ha..
Continua a leggere su Edilportale.com

31/03/2020 – Garantire a tutti i professionisti iscritti ad Inarcassa provvedimenti celeri senza lunghe procedure burocratiche per far fronte alla crisi finanziaria dovuta al coronavirus.   Questa la richiesta del Consiglio Nazionale Ingegneri (CNI) contenuta nella lettera, firmata dal Presidente Armando Zambrano, indirizzata al Presidente Inarcassa.   Emergenza coronavirus, CNI chiede a Inarcassa meno burocrazia Il CNI, pur accogliendo con favore le prime iniziative a favore degli iscritti, chiede ad Inarcassa di riconsiderare il pacchetto di proposte suggerito dagli Ingegneri, soprattutto alla luce dell’aggravarsi progressivo della crisi economica che sta già fortemente colpendo gli iscritti.   Il CNI nella lettera suggerisce alcuni punti di ordine pratico, come la riduzione al minimo delle procedure burocratiche per l’accesso ai benefici già deliberati, specie per ciò che concerne le famiglie colpite da virus Covid-19. Basterebbero..
Continua a leggere su Edilportale.com

31/03/2020 – Sospensione di 52 giorni dei termini per le procedure di appalto. Con una circolare diramata nei giorni scorsi, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit) ha dato un’interpretazione al Decreto Cura Italia (DL 18/2020).   Coronavirus e appalti, sospensione di 52 giorni Il Mit ha spiegato che l’articolo 103 del Decreto “Cura Italia” ha disposto la sospensione dei termini dei procedimenti amministrativi pendenti o iniziati dopo la data del 23 febbraio 2020. In questi casi, non si tiene conto del periodo intercorrente tra il 23 febbraio e il 15 aprile 2020. Il Dl ha inoltre prorogato la scadenza di certificati, permessi e concessioni fino al 15 giugno 2020.   Nella sua circolare, il Mit ha chiarito che la sospensione si applica anche alle procedure di appalto e concessione disciplinate dal Codice Appalti (D.lgs. 50/2016).   I termini delle procedure di affidamento di appalti e concessioni, pendenti alla data del..
Continua a leggere su Edilportale.com

31/03/2020 – Superata l’emergenza coronavirus, sarà necessario gettare le fondamenta su cui costruire la ripresa, soprattutto del settore delle costruzioni, attraverso una radicale semplificazione.   Ad affermarlo la Rete delle Professioni Tecniche (RPT) che ha trasmesso al Ministero delle Infrastrutture una serie di proposte, esaminate nel corso di un incontro tra Presidenza del Consiglio ed altri Ministeri il 25 marzo, per superare le problematiche che ostacolano le opere di efficientamento sismico ed energetico di cui il nostro patrimonio edilizio ha urgente bisogno.   Modifica del Testo Unico: le semplificazioni per l’edilizia Oltre a recepire tutte le modifiche al Testo Unico che si sono susseguite negli ultimi vent’anni, la RPT propone semplificazioni per le demolizioni e ricostruzioni, per l’esecuzione degli interventi di ripristino, le tolleranze costruttive, la prescrizione degli abusi minori e la regolarizzazione edilizia.   Ad..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/03/2020 – In arrivo nuovi criteri ambientali minimi (CAM) per la progettazione e la gestione del verde pubblico e la fornitura di prodotti per la cura del verde.   Il Ministero dell’Ambiente, infatti, sta per pubblicare il decreto che revisiona e aggiorna le norme per lo sviluppo sostenibile degli appalti verdi.   Criteri ambientali minimi per il verde pubblico: le novità I nuovi CAM, la cui applicazione diverrà obbligatoria dopo 120 giorni dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, riguarderanno l’affidamento dei servizi di progettazione, manutenzione e gestione del verde pubblico e la fornitura di prodotti per la cura del verde.   Il decreto prevede nuovi strumenti di pianificazione per migliorare la cura e la valorizzazione del patrimonio verde presente in città, basati sulla conoscenza effettiva del territorio anche attraverso la realizzazione di censimenti delle vegetazioni locali.   Inoltre, vengono introdotte..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/03/2020 – Anche se al momento le principali attività in cantiere sono ferme, i progettisti possono ‘sfruttare’ questo periodo per approfondire il funzionamento delle detrazioni fiscali legate alla riqualificazione dell’esistente, come il nuovo bonus facciate. L’Enea, infatti, ha pubblicato un Vademecum sul Bonus Facciate in cui spiega per quali interventi è necessario l’invio dei dati all’Enea, quali sono i requisiti tecnici che bisogna assicurare e quale documentazione è necessario produrre.     Bonus facciate: gli interventi con obbligo di comunicazione all’Enea L’Enea ricorda che gli interventi sulle strutture opache verticali delle facciate esterne per i quali occorre trasmettere i dati all’ENEA sono: - quelli influenti dal punto di vista energetico; - quelli che interessano l’intonaco per oltre il 10% della superficie disperdente lorda complessiva degli edifici esistenti,..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/03/2020 – Il settore delle costruzioni potrebbe perdere 34 miliardi di euro di investimenti nel 2020. È la stima tracciata dall’istituto di ricerca Cresme, che ha analizzato le possibili conseguenze dell’impatto dell’emergenza sanitaria e diffuso alcuni risultati durante un seminario da remoto.   Cresme, gli investimenti perdono 34 miliardi di euro Prima dell’emergenza sanitaria, le costruzioni stavano vivendo una fase di crescita. A fine 2019 ci si attendeva una crescita complessiva del 2,4% (che dava seguito al +3% dell’anno passato), trainata dall’attività nuova costruzione, soprattutto in ambito infrastrutturale. Gli investimenti attesi per il 2020 ammontavano quindi a 141 miliardi di euro.   Con l’emergenza sanitaria in atto, invece, gli investimenti potrebbero fermarsi a 107 miliardi di euro, cioè 34 miliardi in meno. Paragonando i dati con il 2019 (138 miliardi), la caduta è quantificabile..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/03/2020 - Inarcassa rende disponibili per gli associati i finanziamenti senza interessi, decisi nell’ambito degli interventi deliberati il 13 marzo 2020, finalizzati a fronteggiare l'emergenza Covid-19.   Si tratta dei Finanziamenti in conto interessi fino a 50.000 euro, da restituire in 5 anni senza interessi, che restano in carico a Inarcassa e che saranno erogati tramite convenzione con l'Istituto Tesoriere Banca Popolare di Sondrio.   Lo fa sapere Inarcassa con un comunicato pubblicato oggi sul proprio sito.   Coronavirus, beneficiari e finalità del finanziamento Possono accedere al finanziamento agevolato Covid-19 tutti gli iscritti ad Inarcassa, senza limiti di età, in regola per il rilascio del certificato di regolarità contributiva alla data della richiesta. Il finanziamento può essere concesso per: - qualsiasi esigenza di liquidità nello svolgimento dell’attività professionale..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/03/2020 - Anche i professionisti iscritti alle Casse di Previdenza private riceveranno l’indennizzo di 600 euro per il mese di marzo. Lo prevede il decreto (vedi bozza) firmato sabato dai Ministri del Lavoro, Nunzia Catalfo, e dell’Economia, Roberto Gualtieri.   Le risorse arriveranno dal ‘Fondo per il reddito di ultima istanza’ istituito dall’articolo 44 del DL Cura Italia e destinato ad autonomi e liberi professionisti. Ai professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria di cui ai Dlgs 509/1994 e 103/1996 sono destinati 200 milioni di euro sul totale dei 300 milioni che costituiscono la dotazione del Fondo.   L’importo di 600 euro - ha spiegato la Ministra - “sarà riconosciuto ai lavoratori che abbiano percepito, nel 2018, un reddito complessivo non superiore a 35mila euro e ai lavoratori che, sempre nel 2018, abbiano percepito un reddito complessivo compreso tra 35mila e 50mila euro..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/03/2020 - Inarcassa rende disponibili per gli associati i finanziamenti senza interessi, decisi nell’ambito degli interventi deliberati il 13 marzo 2020, finalizzati a fronteggiare l'emergenza Covid-19.   Si tratta dei Finanziamenti in conto interessi fino a 50.000 euro, da restituire in 5 anni senza interessi, che restano in carico a Inarcassa e che saranno erogati tramite convenzione con l'Istituto Tesoriere Banca Popolare di Sondrio.   Lo fa sapere Inarcassa con un comunicato pubblicato oggi sul proprio sito.   Coronavirus, beneficiari e finalità del finanziamento Possono accedere al finanziamento agevolato Covid-19 tutti gli iscritti ad Inarcassa, senza limiti di età, in regola per il rilascio del certificato di regolarità contributiva alla data della richiesta. Il finanziamento può essere concesso per: - qualsiasi esigenza di liquidità nello svolgimento dell’attività professionale..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/03/2020 - E' dunque ufficiale. Il Salone del Mobile 2020 è stato cancellato. Inizialmente slittato a giugno a causa del Coronavirus, è stato annullato in via definitiva . La comunicazione ufficiale, giunta questo pomeriggio, era stata anticipata da un articolo pubblicato ieri sera su Milano Finanza. Ecco quanto si legge nel comunicato diffuso dall'ufficio stampa: Il Salone del Mobile.Milano sospende l’edizione 2020 riprogrammando l’appuntamento dal 13 al 18 aprile 2021. Il perdurare della situazione di emergenza, che si sta espandendo in quasi tutti i Paesi del mondo, ha portato i vertici del Salone del Mobile.Milano alla scelta del rinvio. Le condizioni che avevano indotto lo spostamento da aprile a giugno, annunciato il 25 febbraio, sono completamente cambiate. Si è cercato di mantenere fino all’ultimo la data di giugno per consentire un regolare svolgimento della Manifestazione ma lo scenario che si profila oggi ha..
Continua a leggere su Edilportale.com