Flash News: Edilizia

19/01/2021 - Qual è lo stato di salute dell’acqua in Italia? Nel 2018 il volume di acqua complessivamente prelevato per uso potabile, utilizzato per garantire gli usi idrici domestici, pubblici, commerciali e produttivi sul territorio italiano, è stato pari a 9,2 miliardi di metri cubi.   Un approvvigionamento così consistente - spiega l’Agenzia delle Entrate - s’è reso possibile grazie a un prelievo giornaliero di 25 milioni di metri cubi di acqua, che corrisponde a 419 litri giornalieri per abitante. In realtà, i consumi quotidiani per individuo, restando al dato domestico, si aggirano tra i 130 e i 140 litri, naturalmente con punte anche superiori. Questo è il quadro nel quale si inserisce il ‘bonus idrico’ o ‘bonus rubinetti’, introdotto con la Legge di Bilancio 2021, “un incentivo molto più importante di quanto possa sembrare, sia per l’accennata criticità..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/01/2021 - Un giardino di pertinenza è un valore per la propria abitazione, che sia una casa singola o un appartamento in condominio. Dopo decenni, in cui il verde è stato visto come un costo, a motivo della gestione e della manutenzione, oggi, invece, inizia a crescere ed affermarsi la consapevolezza che esso sia una risorsa.   Allo stesso tempo, il verde per poter vivere e mantenere la sua bellezza nel tempo ha bisogno di un’altra preziosa risorsa: l’acqua, che viene distribuita attraverso l’irrigazione.   Un progetto di un buon giardino o area a verde condominiale, non può prescindere dalla stretta relazione che c’è tra componente vegetazionale e fabbisogno idrico. Ma, se l’irrigazione è fondamentale a preservare la bellezza del giardino e non vanificare l’investimento iniziale, nulla vieta di optare per soluzioni ecosostenibili volte al risparmio idrico, come il recupero delle acque meteoriche.   Recuperare..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/01/2021 - “Con il programma di investimenti che l’Italia deve presentare alla Commissione europea nell’ambito del Next Generation EU, si può e si deve cominciare una trasformazione della mobilità urbana. Pianificando azioni e risorse certe sul trasporto pubblico locale, su quello condiviso a basso impatto ambientale, su isole pedonali e ciclabilità diffusa, oltre a una politica di moderazione della velocità e della riduzione dell’uso dello spazio pubblico da parte dei veicoli privati, anche in sosta. Un fronte su cui l’Italia è in grave ritardo.   E che l’ultima bozza del PNRR sembra dimenticare mettendo ingenti risorse sui trasporti ma sbilanciando gli investimenti sulle grandi opere extra urbane e sull’alta velocità mentre serve un deciso impulso verso le reti di mobilità urbana e verso la sicurezza stradale in città. È necessario prevedere i giusti investimenti..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/01/2021 – La procedura negoziata semplificata deve essere controbilanciata da una maggiore trasparenza. È quanto emerge da un parere che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha reso ad Anas e RFI per il corretto utilizzo delle procedure più snelle introdotte dal Decreto Semplificazioni.   Appalti e Decreto Semplificazioni Il Decreto Semplificazioni (DL 76/2020) ha introdotto una serie di misure per favorire il rilancio dopo la crisi economica causata dall’emergenza Covid-19. Tra queste, la possibilità di ricorrere all’affidamento diretto per gli appalti di lavori fino a 150mila euro, le procedure di gara senza bando fino al raggiungimento delle soglie comunitarie e la procedura negoziata senza bando per gli affidamenti sopra soglia comunitaria, ma solo in caso di estrema urgenza o per contenere la crisi.   Per ragioni di trasparenza, le Stazioni Appaltanti che intendono utilizzare la procedura negoziata senza bando..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/01/2021 – A determinate condizioni, l’installazione di un impianto fotovoltaico dà diritto al Bonus Mobili. Lo ha spiegato l’Agenzia delle Entrate rispondendo su Fisco Oggi alla domanda di un contribuente.   Bonus Mobili, come funziona nel 2021 L’Agenzia delle Entrate ha spiegato che la Legge di Bilancio per il 2021 (L.178/2020) ha prorogato il bonus fiscale fino al 31 dicembre 2021 e ha elevato da 10mila a 16mila euro il tetto di spesa su cui calcolare la detrazione del 50%.   Non sono invece cambiate le regole per usufruire dell’agevolazione.   SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL BONUS MOBILI   Fotovoltaico e Bonus Mobili L’Agenzia delle Entrate ha poi specificato che, come già affermato con la circolare 11/2014, per accedere al bonus mobili è necessario che gli interventi finalizzati al risparmio energetico, realizzati sulla singola unità immobiliare residenziale, siano riconducibili..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/01/2021 – Se l’intervento di ristrutturazione comporta l’accorpamento o la suddivisione degli immobili, il tetto di spesa del bonus mobili deve essere riferito alle unità immobiliari censite in catasto all’inizio dei lavori e non a quelle risultanti alla fine dei lavori.   Lo spiega l’Agenzia delle Entrate, che nella nuova guida sul Bonus Mobili 2021, oltre a fornire una panoramica sul funzionamento della detrazione, fornisce una serie di risposte ai dubbi pratici più frequenti.   Bonus Mobili nel 2021 La Legge di Bilancio per il 2021 (L.178/2020) ha prorogato fino al 31 dicembre 2021 la detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati all’arredo della casa ristrutturata.   La detrazione del 50% va calcolata su una spesa massima di 16mila euro, a prescindere dall’importo speso per i lavori di ristrutturazione.   L’agevolazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/01/2021 - “Un proprietario di due unità immobiliari e relative pertinenze, che fanno parte di un unico edificio e sono distintamente accatastate e indipendenti, può usufruire delle detrazioni fiscali del Superbonus 110%?”. Lo ha chiesto un contribuente all’Agenzia delle Entrate.   L’Agenzia ha risposto ricordando, in primo luogo, che il comma 9 dell’articolo 119 del Decreto Rilancio, come modificato dalla Legge di Bilancio 2021, prevede che la detrazione del 110% spetti anche con riferimento agli interventi su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche.   L’Agenzia ribadisce che il superbonus 110% spetta alle persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arte o professione, e che devono essere soddisfatti tutti gli altri requisiti previsti dalla..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/01/2021 – Google Earth può essere utilizzato per provare la presenza di un abuso edilizio e risalire alla data della sua realizzazione. Lo ha affermato la Cassazione con la sentenza 37611/2020.   Abusi edilizi e Google Earth I giudici si sono pronunciati sul ricorso presentato dai proprietari di un terreno, che erano stati condannati per aver realizzato una piscina in muratura senza aver ottenuto il permesso di costruire.   Secondo i ricorrenti, non era stata effettuata nessuna istruttoria e le uniche prove, su cui si era basata la condanna, erano delle immagini provenienti da Google Earth. Uno strumento che, a loro avviso, era privo di rilevanza giuridica e non consentiva di valutare l’usura dei materiali, la data effettiva di realizzazione del manufatto e, quindi, l’eventuale prescrizione del reato.   Abusi edilizi, Google Earth può provarli I giudici hanno respinto le motivazioni dei ricorrenti spiegando in primo luogo..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/01/2021 - ‘Infrastrutture per una mobilità sostenibile’ è una delle sei missioni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), che risponde alla richiesta dell’Europa di realizzare un sistema infrastrutturale di mobilità moderno, sostenibile, monitorabile da remoto e sicuro e un sistema portuale competitivo e sostenibile.   Il Documento spiega che la missione ‘Infrastrutture per una mobilità sostenibile’ punta a completare entro il 2026, una prima e significativa tappa di un percorso di più lungo termine verso la realizzazione di un sistema infrastrutturale moderno, digitalizzato e sostenibile dal punto di vista ambientale, tenuto conto delle specificità della orografia del territorio italiano.   Aggiungendo risorse a progetti già esistenti e accelerandoli, nonché introducendone di nuovi, si punterà a realizzare e completare opere che fanno parte di progetti infrastrutturali..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/01/2020 – Il tetto del subappalto resta fermo al 40% per i prossimi sei mesi. Ci sarà la possibilità di affidare le manutenzioni sulla base del progetto definitivo anziché su quello esecutivo. Sono alcune delle novità contenute nel Milleproroghe (DL 183/2020), che ha iniziato il suo iter parlamentare per la conversione in legge, ottenendo il parere favorevole delle Commissioni Ambiente e Lavori Pubblici della Camera.   Queste le principali misure per il settore   Subappalto, il tetto resta al 40% Fino al 30 giugno 2021 resterà invariato al 40% il tetto al subappalto, che dovrà essere consentito nel bando di gara dalle Stazioni Appaltanti. Fino al 31 dicembre 2021, inoltre, saranno sospesi l’obbligo di indicare la terna dei subappaltatori in sede di offerta e le verifiche in sede di gara sul subappaltatore.   La materia dei contratti pubblici sarà oggetto di una revisione organica. La normativa italiana..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/01/2021 - Il termine termoautonomo riferito all’impianto di riscaldamento e di produzione di acqua calda sanitaria (ACS) indica un impianto, destinato alla singola unità abitativa, che è possibile gestire in piena autonomia per quanto riguarda le tempistiche di funzionamento, la temperatura impostata e di conseguenza i consumi che ne derivano.   È a partire dalla fine degli anni 70 che il sistema di riscaldamento autonomo si è progressivamente affermato. Esso funziona per mezzo di un generatore di calore, meglio conosciuto con il nome caldaia. Vi sono diverse tipologie di caldaie, ma quella di tipo murale con funzionamento a metano è tra le più impiegate.   Le prime caldaie autonome ad apparire sul mercato sono state le caldaie di tipo B11, meglio note con la sola lettera “B”; sono generatori a camera di combustione aperta, con prelievo dell'aria comburente dal locale di installazione e scarico dei fumi..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/01/2021 - La movimentazione delle merci nelle aree urbane sta avendo uno sviluppo che viene in larga parte determinato dalla domanda indotta dai cambiamenti continui dei nostri stili di vita e dalla continua evoluzione dei servizi.   Lo rileva il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) che ha messo a punto, attraverso la sua Struttura Tecnica di Missione, insieme con l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), un Documento che intende essere un primo ma fondamentale passo volto a comprendere meglio le sfide che i decisori politici (centrali e locali) devono affrontare nella elaborazione quotidiana di politiche di mobilità sostenibile in ambito urbano.   Il Documento vuole porsi come strumento di orientamento al tema della logistica urbana e soprattutto un approccio olistico alla definizione delle relative politiche. Sono identificate, indicate e descritte le misure e le azioni più idonee per vincere le sfide, mitigando al..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/01/2021 – Il programma per la tutela del territorio e della risorsa idrica potrà contare su 15,03 miliardi di euro. È quanto previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), che ha stanziato 3,97 miliardi di nuove risorse accanto ai 10,85 miliardi già assegnati e ai 200 milioni provenienti da React EU.   Il programma si articola in una serie di iniziative, che partono dalla sicurezza del territorio, attraverso azioni di contrasto ai fenomeni di dissesto idrogeologico, fino agli interventi di forestazione urbana e manutenzione straordinaria degli invasi.   Dissesto idrogeologico e tutela del territorio Dei 3,97 miliardi di nuove risorse stanziati dal Piano, 250 milioni saranno destinati al dissesto idrogeologico, per interventi strutturali e manutenzione attiva del territorio, riqualificazione, monitoraggio e prevenzione. Questi interventi beneficiano di risorse complementari per 160 milioni dagli stanziamenti della..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/01/2021 –  Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) punta a prorogare ulteriormente il Superbonus 110%. Nell'ambito del programma per l'efficientamento energetico e sismico dell'edilizia privata e pubblica da 12,68 miliardi di euro, sono stati stanziati 8,26 miliardi di risorse nuove, che si aggiungono ai 10,26 già a disposizione. Parte di queste risorse coprirà il costo dell'allungamento dei termini della detrazione maggiorata.   Superbonus 110%: proroga a fine 2022 Attualmente, per effetto della Legge di Bilancio per il 2021, il Superbonus 110% si applica alle spese sostenute fino al 30 giugno 2022 o fino al 31 dicembre 2022 per gli interventi sugli edifici di edilizia popolare. Ai condomìni e agli edifici ex Iacp sono concessi altri sei mesi di tempo nel caso in cui sia stato completato il 60% dei lavori prima della scadenza della misura. Per i condomìni, quindi, la scadenza può essere posticipata al..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/01/2021 - Così come per i balconi, anche nel caso di una terrazza si può parlare di risanamento conservativo (intervenire senza demolire) quando il supporto preesistente non presenta livelli di degrado per cui non è possibile né recuperarlo né ripararlo. In questo caso il rifacimento della terrazza è finalizzato al ripristino della funzione di tenuta all’acqua, ovvero alla sua impermeabilizzazione. Inoltre, il costo sostenuto per questo tipo di intervento è recuperabile al 50% grazie al bonus ristrutturazione.   Terrazza, come valutare la recuperabilità Dato che il rifacimento è indirizzato al recupero degli strati di copertura esistenti, è innanzitutto importante stabilire quali sono le cause del degrado: - naturale processo di invecchiamento del manto impermeabile; - utilizzo di materiali non idonei; - cattiva esecuzione della posa in opera; - errori progettuali nella stratigrafia.   La..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/01/2021 - L’Agenzia del Demanio ha bandito tre gare per audit sismici ed energetici su immobili dello Stato dislocati in diverse aree di Roma. Complessivamente i servizi in fase di affidamento si attestano su un valore di circa 8,4 milioni di euro a base d’asta e coinvolgono più di 360 mila mq.   Uno dei tre bandi è quello per il servizio di verifica di vulnerabilità sismica, diagnosi energetica, e rilievi architettonici, tecnologici ed impiantistici da restituire in modalità BIM dell’immobile di Sant’Andrea al Quirinale, nel rione Monti, complesso immobiliare vincolato, la cui attuale configurazione risale agli anni ‘30 del secolo scorso. Il bando ha un importo a base d’asta di oltre 530 mila euro. La scadenza per presentare l’offerta è fissata al 19 gennaio 2021.   Stessi servizi in gara per gli immobili di via delle Messi D’Oro, quasi 30 mila mq di ex laboratori e uffici nel..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/01/2021 - L’OICE, l’Associazione delle società di ingegneria e di architettura italiane, aderente a Confindustria, prende nuovamente posizione rispetto alle progettazioni interne da parte di una struttura pubblica di progettazione e sui rischi di un ritorno ad una ‘Italstat del Progetto’, a valle dell’intesa siglata fra Investitalia e Agenzia del Demanio per attivare con 20 milioni progetti per il riuso e la riqualificazione di immobili pubblici.   “Il recente accordo siglato fra Investitalia e Agenzia del Demanio - afferma OICE - ci lascia molto perplessi perché è frutto di una scelta sbagliata, ideologica, quantomeno antistorica e che non poggia su dati di realtà. In Italia, checchè se ne dica, non manca affatto la capacità di progettare, anzi! Le nostre società di progettazione sono assolutamente ricercate all’estero per la qualità tecnica che sanno esprimere. La capacità..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/01/2021 - Il restyling della facciata di un condominio che effettua parte degli interventi in una zona non espressamente citata dalla normativa ma assimilata ad essa dell’ente competente può usufruire del bonus facciate 90%? Lo ha chiesto un contribuente all’Agenzia delle Entrate.   Con la Risposta 23 dell’8 gennaio 2021, l’Agenzia ha detto di sì. Vediamo perché.   Il quesito è stato posto da un condominio che deve effettuare lavori di rinnovamento e consolidamento della facciata esterna di edifici. Parte degli interventi interessano la ‘zona di completamento B3’ e una parte un’area (minima) destinata ad ‘attività terziarie’. L’istante evidenza che l’intero fabbricato possiede le stesse caratteristiche funzionali, tipologiche e d’uso degli edifici confinanti della ‘zona di completamento B3’ (in cui parzialmente ricade), mentre non ha nulla in comune..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/01/2021 - È stato approvato nella tarda serata di ieri dal Consiglio dei Ministri il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) che dovrà dare attuazione, nel nostro Paese, al programma Next Generation EU, varato dall’Unione europea per far fronte alla pandemia.   L’azione di rilancio del Paese delineata dal Piano - spiega il Governo - è guidata da obiettivi di policy e interventi connessi ai tre assi strategici condivisi a livello europeo: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica, inclusione sociale. Il Piano consente di affrontare, in modo radicale, le profonde trasformazioni imposte dalla duplice transizione, ecologica e digitale, una sfida che richiede una forte collaborazione fra pubblico e privato.    Inoltre, attraverso un approccio integrato e orizzontale, si mira al rafforzamento del ruolo della donna e al contrasto alle discriminazioni di genere, all’accrescimento delle competenze, della capacità..
Continua a leggere su Edilportale.com

12/01/2021 - Criteri di ripartizione delle spese, modalità di lettura da remoto, costi di fatturazione, contabilizzazione individuale dei consumi.   Sono, in sintesi, i contenuti del Documento sul tema della contabilizzazione del calore e la ripartizione delle spese nei condomini relative ai servizi di riscaldamento e alla produzione di acqua calda sanitaria che AiCARR, ANACI, ANTA, CNI e CNPI*, dopo un attento studio, hanno sottoscritto e pubblicato.   Il documento, dal titolo ‘Considerazioni sull’attuazione del Dlgs 14 luglio 2020, n. 73. Attuazione della direttiva (UE) 2018/2002 che modifica la direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica’ prende in considerazione i punti di maggiore interesse per i condòmini e gli occupanti delle unità immobiliari.   È importante - spiegano le associazioni e i soggetti firmatari del documento - ricordare che “il principio ispiratore e la finalità del Decreto sono..
Continua a leggere su Edilportale.com

12/01/2021 - Un’impresa che intende realizzare un intervento di demolizione e ricostruzione di una abitazione in un comune sito in “zona sismica 3B” secondo la normativa regionale, ha chiesto all’Agenzia delle Entrate se i propri clienti potranno beneficiare del sismabonus per l’acquisto della casa.   Il dubbio nasce da fatto che la nuova abitazione sarà costruita sui resti di una precedente che è classificata ‘a rischio crollo ridotto in caso di terremoto’ ma le categorie di rischio fissate dall’ente territoriale non coincidono con quelle indicate dalla norma nazionale.   Con la Risposta 25 dell’8 gennaio 2021, l’Agenzia osserva che alcune Regioni, scostandosi dalle indicazioni proposte dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, che ha suddiviso l’Italia in quattro zone sismiche (dalla più pericolosa 1 alla meno pericolosa 4), hanno classificato il loro territorio con..
Continua a leggere su Edilportale.com

12/01/2021 - Per un’abitazione unifamiliare sulla quale si intendano eseguire lavori di ristrutturazione con ampliamento (ma senza demolizione), si ha diritto al superbonus 110% solo per le spese riferibili alla parte esistente e non anche a quella di nuova costruzione.   Lo afferma l’Agenzia delle Entrate con la Risposta 24 dell’8 gennaio 2021.   La domanda riguarda un’abitazione unifamiliare funzionalmente indipendente con accesso esclusivo da via pubblica, sulla quale il proprietario intende effettuare un intervento di ristrutturazione senza demolizione con ampliamento del volume riscaldato, oltre a interventi di efficientamento energetico (cappotto esterno, pompa di calore e fotovoltaico) sulla parte di edificio esistente, che porteranno ad un miglioramento di due classi energetiche dell’immobile.   L’Agenzia chiarisce che ai fini del superbonus 110% gli interventi, a eccezione dell’impianto fotovoltaico, devono riguardare..
Continua a leggere su Edilportale.com

11/01/2021 - Le strutture in calcestruzzo armato (c.a.), in particolar modo quelle a contatto con l’esterno, sono soggette a possibili processi di deterioramento a motivo dell’azione degli agenti atmosferici, dell’inquinamento e della salsedine, qualora siano localizzate in prossimità del mare.   Che siano rifinite o faccia a vista, l’alterazione delle strutture in calcestruzzo può interessare la parte più superficiale fino ad arrivare in profondità, causando per esempio: 1) il distacco del copriferro; 2) il distacco di spessori maggiore del copriferro e che interessano in parte il nucleo originario della struttura; 3) la perdita consistente della sezione originaria, nei casi più critici.   Situazioni di questo genere richiedono un pronto intervento di ricostruzione. Nel primo caso sarà necessario in intervento di ricostruzione corticale: viene ricostruito uno spessore di qualche centimetro (generalmente..
Continua a leggere su Edilportale.com

11/01/2021 - È stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale dell’Emilia Romagna la legge regionale 14 del 29 dicembre 2020 finalizzata a promuovere la rigenerazione urbana dei centri storici, favorire gli interventi di qualificazione edilizia che beneficiano del superbonus 110% e recepire le norme di semplificazione in materia di governo del territorio di cui al DL Semplificazioni.   La legge interviene su molteplici aspetti: si va dalla rivisitazione della definizione degli interventi sul patrimonio edilizio esistente (quali ad esempio manutenzione straordinaria, distanza tra edifici, demolizione-ricostruzione e requisiti igienico-sanitari) alla semplificazione, su tempistica e certezza dei titoli abitativi, alla valutazione dello stato legittimo (accertamento delle tolleranze costruttive).   Tra le misure previste in attuazione del Decreto Semplificazioni, ci sono significativi snellimenti per velocizzare il rilascio dei titoli abilitativi, assicurando il rispetto..
Continua a leggere su Edilportale.com

11/01/2021 - La demolizione e ricostruzione, con la messa in sicurezza dal punto di vista antisismico, di un fabbricato collabente (F/2) fruisce del superbonus 110%, a condizione che si tratti di una ristrutturazione edilizia. Lo precisa l’Agenzia delle Entrate nella Risposta 17 del 7 gennaio 2021. L’Agenzia fa riferimento alla definizione di ristrutturazione edilizia di cui all’articolo 3, comma 1, lettera d), del Testo Unico dell’Edilizia (Dpr 380/2001) nel cui perimetro sono stati recentemente aggiunti dal DL Semplificazioni “gli interventi di demolizione e ricostruzione di edifici esistenti con diversa sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche, con le innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica, per l’applicazione della normativa sull’accessibilità, per l’istallazione di impianti tecnologici e per l’efficientamento energetico”.   Edifici..
Continua a leggere su Edilportale.com