Flash News: Edilizia

29/07/2020 – Prevedere un Durc aggiornato anche per i lavori privati per non rischiare di incentivare il lavoro nero. È la richiesta formulata al Governo da Alessandro Genovesi, segretario generale Fillea Cgil, preoccupato dal corto circuito normativo che potrebbe innescarsi dalla sovrapposizione delle regole sulla validità del Documento unico di regolarità contributiva, presenti nel Decreto Rilancio e nel Decreto semplificazioni.   Durc, il doppio binario per lavori pubblici e privati La proroga del Durc ha affrontato vari ripensamenti. Nelle prime versioni del Decreto Rilancio (DL 34/2020) era stata ipotizzata la proroga al 15 giugno 2020, ma in fase di conversione (L.77/2020) si è deciso di posticipare la scadenza al 29 ottobre 2020.   Su pressione dei sindacati di settore, nel Decreto Semplificazioni (DL 76/2020) è stata introdotta una disposizione in base alla quale, negli appalti pubblici, la validità del Durc non può..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/07/2020 – Se gli oneri per la sicurezza sono pari a zero, l’impresa non può essere esclusa dalla gara d’appalto cui ha partecipato. Non sostenere costi interni per la sicurezza non vuol dire non indicarli nell’offerta. Lo ha spiegato il Consiglio di Stato con la sentenza 4431/2020.   Appalti e oneri per la sicurezza, il caso Il caso preso in esame dal Consiglio di Stato riguarda una gara per l’aggiudicazione del servizio di conduzione dell’infrastruttura ICT del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Una delle imprese partecipanti aveva quantificato in “euro zero” i costi della sicurezza aziendali.   Per questo, e per altri motivi, era stata esclusa dalla gara. Secondo la Stazione Appaltante, dal momento che i costi per la sicurezza sono un elemento essenziale dell’offerta, l’impresa avrebbe dovuto quantificarli in modo corretto e indicarli nell’offerta.   Costi per la sicurezza,..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/07/2020 – È possibile usufruire del bonus ristrutturazione per le spese effettuate in un appartamento dato in comodato, sia esso gratuito o no. Ma cosa accade se il contratto di comodato scade prima della fine della fruizione dell’agevolazione?     A chiarirlo l’Agenzia delle Entrate tramite la posta di FiscoOggi.   Bonus ristrutturazioni nel caso di comodato d’uso L’Agenzia ha ricordato che possono fruire della detrazione tutti i soggetti passivi dell'Irpef che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l'immobile sul quale sono stati effettuati gli interventi.   Di conseguenza, la detrazione per gli interventi di ristrutturazione edilizia, oltre che al proprietario dell’immobile, spetta anche a chi lo detiene sulla base di un contratto di locazione o di comodato, a condizione che abbia il consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.   È necessario,..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/07/2020 - Saranno firmati oggi dal Ministro dello sviluppo economico, Stefano Patuanelli, i due decreti ministeriali attuativi necessari per l’attuazione del superbonus 110%: il ‘Decreto requisiti tecnici e massimali di costo’ e il ‘Decreto asseverazioni’.   Lo ha annunciato lo stesso Ministro Patuanelli in audizione presso la Commissione parlamentare di vigilanza sull’anagrafe tributaria, sulle disposizioni attuative delle misure di efficientamento energetico previste dal Decreto Rilancio a sostegno dell’edilizia.   Decreto requisiti tecnici e massimali di costo Il DM - ha spiegato il Ministro - è allo studio già dal 2013 ed è necessario per scongiurare indebiti aumenti di costo a carico dello Stato. I ‘minimi’ servono anche ai cittadini per valutare i preventivi e ai tecnici che sono chiamati ad asseverare i lavori. Il DM conterrà anche le procedure di controllo a campione.   Nei..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/07/2020 – Se gli oneri per la sicurezza sono pari a zero, l’impresa non può essere esclusa dalla gara d’appalto cui ha partecipato. Non sostenere costi interni per la sicurezza non vuol dire non indicarli nell’offerta. Lo ha spiegato il Consiglio di Stato con la sentenza 4431/2020.   Appalti e oneri per la sicurezza, il caso Il caso preso in esame dal Consiglio di Stato riguarda una gara per l’aggiudicazione del servizio di conduzione dell’infrastruttura ICT del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Una delle imprese partecipanti aveva quantificato in “euro zero” i costi della sicurezza aziendali.   Per questo, e per altri motivi, era stata esclusa dalla gara. Secondo la Stazione Appaltante, dal momento che i costi per la sicurezza sono un elemento essenziale dell’offerta, l’impresa avrebbe dovuto quantificarli in modo corretto e indicarli nell’offerta.   Costi per la sicurezza,..
Continua a leggere su Edilportale.com

28/07/2020 – Dopo una lunga attesa, il Regolamento attuativo del Codice Appalti è pronto. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha ricevuto il nuovo testo dalla Commissione di esperti. Nel frattempo, però, il Codice Appalti è stato modificato dal DL Semplificazioni.   La nuova bozza del Regolamento non tiene conto delle modifiche. Potrebbe quindi essere necessario aggiornare il testo definitivo. In alternativa, si potrebbe attendere la scadenza del periodo di deroga post emergenza Covid. In questo caso, il Regolamento tornerebbe attuale il prossimo anno.   Codice Appalti, il testo del Regolamento attuativo Il Regolamento attuativo supererà l’attuale sistema di soft law, lanciato nel 2016 con l’obiettivo, fallito, di snellire l’applicazione delle norme sui contratti pubblici.    Con il Regolamento, confluisce in un unico testo la normativa in materia di responsabile unico del procedimento, progettazione,..
Continua a leggere su Edilportale.com

28/07/2020 – La natura di un intervento edilizio può giustificare il diniego del permesso di costruire in sanatoria? Il Tar Lombardia, con la sentenza 1268/2020, ha affermato di no, perché devono essere fornite altre motivazioni.   Abusi edilizi, il caso della chiusura di un porticato I giudici si sono pronunciati sul caso di una cooperativa, che aveva realizzato, senza alcun permesso, la chiusura di un porticato annesso all’edificio di sua proprietà. Oltre alla chiusura, il nuovo locale era stato dotato di piastrelle, impianto di illuminazione e a gas per ilo riscaldamento.   Il Comune, dopo un sopralluogo, aveva imposto la demolizione delle opere realizzate e il ripristino della condizione preesistente. La cooperativa aveva quindi presentato una richiesta di permesso di costruire in sanatoria.   Il Comune aveva negato il permesso in sanatoria affermando che l’intervento fosse qualificabile come ristrutturazione edilizia con..
Continua a leggere su Edilportale.com

28/07/2020 – Il superbonus 110% potenzia la detrazione fiscale già esistente per la riqualificazione antisismica con l’obiettivo di mettere in sicurezza il patrimonio edilizio. Come il superbonus permetterà di migliorare la risposta antisismica degli edifici? Quali interventi sono indispensabili? Il mancato riferimento alle classi di rischio sismico è davvero un limite? Qual è il ruolo dei professionisti tecnici in questo processo?   Il webinar, organizzato da Edilportale con la collaborazione di Knauf Italia e Samsung Climate Solutions,brand di Samsung, dal tema “Superbonus 110% per gli interventi antisismici” risponderà a queste e ad altre domande e offrirà spunti interessanti sulla questione.   ISCRIVITI AL WEBINAR   Interverranno: Edoardo Cosenza - Professore di tecnica delle costruzioni UniNA e Presidente ReLUIS Davide Bellotti - Ricercatore Dipartimento Costruzioni e Infrastrutture..
Continua a leggere su Edilportale.com

28/07/2020 – Negli edifici vincolati non è obbligatorio effettuare uno degli interventi trainanti per ottenere il superbonus 110%.   La Legge 77/2020, di conversione del DL Rilancio, infatti, prevede che se l’edificio è sottoposto ad almeno uno dei vincoli previsti dal codice dei beni culturali e del paesaggio (Dlgs 42/2004) o gli interventi strutturali siano vietati da regolamenti edilizi, urbanistici e ambientali, è possibile accedere comunque all’agevolazione.   Superbonus 110%: le condizioni per fruirne senza lavori trainanti In tali casi, il superbonus 110% si applica a tutti gli interventi di riqualificazione energetica, previsti dall’ecobonus, anche se non eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi trainanti.     Per ottenere il beneficio, è necessario che tali interventi portino a un miglioramento minimo di 2 classi energetiche oppure, ove non possibile, il conseguimento della classe..
Continua a leggere su Edilportale.com

28/07/2020 - Lavori in un appartamento in condominio, in una villetta singola o in un immobile vincolato; interventi di realizzazione del cappotto, di sostituzione dell’impianto termico o di ristrutturazione.   Nella Guida al Superbonus 110%, l’Agenzia delle Entrate illustra alcuni casi pratici e spiega se e come i contribuenti possono usufruire dell’agevolazione.     1. Carlo vive in un appartamento all’interno di un condominio, che non dispone di un sistema centralizzato di riscaldamento, che sta effettuando degli interventi di efficientamento energetico (ad esempio cappotto termico) che beneficiano del Superbonus, conseguendo il miglioramento delle due classi energetiche. Decide di avviare una ristrutturazione, sostituendo la caldaia e gli infissi e ristrutturando i servizi igienici.   Nella situazione prospettata: - o per la sostituzione della caldaia e delle finestre comprensive degli infissi potrà beneficiare del Superbonus..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/07/2020 - Il parquet è considerato un materiale delicato e quando si tratta di doverlo pulire i molteplici dubbi non mancano. La detersione di un parquet cambia a seconda della finitura: parquet verniciato o parquet oliato; per ciascuna delle tipologie ci sono prodotti specifici da utilizzare per mantenere inalterata nel tempo la bellezza del pavimento. Che sia oliato o verniciato, per i locali a normale uso abitativo è sufficiente una pulizia settimanale del pavimento. In questo modo si garantisce una manutenzione ordinaria della superficie, a cui si potrà aggiungere una straordinaria ma che potrà essere procrastinata nel tempo quanto più l’ordinaria è eseguita con costanza ed attenzione. In generale su un parquet non vanno mai usati detergenti con caratteristiche schiumogene, abrasive, corrosive, acide, sia di natura chimica che naturale. Anche se la verniciatura o l’oliatura servono a rendere il parquet idrorepellente impedendo..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/07/2020 – Il quarto appuntamento con i giurati della nuova edizione degli Archiproducts Design Awards ha come protagonisti l'architetto Patrik Schumacher, a capo di Zaha Hadid Architect, e gli architetti Dagmar Štepánová, fondatrice dello studio ceco Formafatal, e Davide Macullo. Anche loro condividono il personale punto di vista sulla cultura del progetto e le aspettative sulle candidature degli ADA 2020. Patrik Schumacher - “Non vedo l'ora di vedere progetti che riconoscono e sfruttano le nuove potenzialità del nostro tempo” Patrik Schumacher è a capo di Zaha Hadid Architects dalla morte di Zaha Hadid nel 2016. È entrato a far parte dello studio nel 1988 ed è stato fondamentale nello sviluppo di Zaha Hadid Architects perchè diventasse uno dei più forti 'marchi' di architettura e design a livello mondiale.  Quali caratteristiche dovranno avere i prodotti..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/07/2020 - A pochi giorni dall’inaugurazione del nuovo viadotto sul Polcevera a Genova, ENEA, i Politecnici di Torino e Milano e le Università di Pisa, Padova, Perugia, Camerino, Messina e della Campania hanno dato vita al Consorzio Fabre, l’alleanza tecnico-scientifica che metterà in campo gli esperti più qualificati e le tecnologie più avanzate per monitorare e valutare lo stato di salute delle infrastrutture stradali del nostro Paese e per promuovere e coordinare le attività che riguardano la classificazione del rischio strutturale e ambientale.   In particolare, i consorziati valuteranno i rischi - statico, fondazionale, sismico e idrogeologico - e promuoveranno la verifica, il controllo e il monitoraggio delle infrastrutture, oltre allo sviluppo e all’utilizzo di tecniche innovative negli interventi di riparazione e miglioramento di ponti, viadotti e altre strutture esistenti.   “Il nome ‘Fabre’..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/07/2020 – Pubblicata la nuova Regola Tecnica Verticale (RTV) per la progettazione della prevenzione incendi di musei, gallerie, esposizioni, mostre, biblioteche e archivi in edifici sottoposti a tutela aperti al pubblico.    Il DM 11 dicembre 2019 con le nuove norme tecniche si applica agli edifici sottoposti a tutela ai sensi del Dlgs 42/2004, aperti al pubblico, contenenti una o più attività soggette al DPR 151/2011.   Prevenzione incendi: cosa prevede la RTV Ai fini della regola tecnica, le aree dell’attività sono classificate in base alla presenza di persone o sostanze infiammabili in: locali aperti al pubblico dedicati a sale espositive, sala lettura, sala di consultazione e relativi servizi; aree non aperte al pubblico, adibite ad uffici e servizi; depositi; laboratori restauro, officine, falegnamerie.     Sono considerate aree a rischio specifico le aree dove si detengano o trattino sostanze o..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/07/2020 – Cosa accade se un contribuente non si è potuto avvalere per intero dell’agevolazione prima casa per parziale incapienza? Può chiedere di poter utilizzare la rimanente parte del bonus in diminuzione delle imposte dovute per un secondo atto di compravendita?   A rispondere alle domande l’Agenzia delle Entrate nella Risposta 223/2020 in cui tratta il caso di un istante che non ha fruito del credito d’imposta in quanto la prima compravendita era soggetta a Iva; di conseguenza, ha scelto di recuperare il credito in diminuzione dall’Irpef ma ne ha potuto utilizzare solo una parte in quanto non vi era sufficiente capienza. L’istante ha, quindi, chiesto se il beneficio inutilizzato potesse essere recuperato con il successivo acquisto di un immobile per la villeggiatura.     Agevolazioni prima casa: le alternative del beneficio   L’Agenzia, nel delineare la risposta, fa un quadro della normativa..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/07/2020 – Il quarto appuntamento con i giurati della nuova edizione degli Archiproducts Design Awards ha come protagonisti l'architetto Patrik Schumacher, a capo di Zaha Hadid Architect, e gli architetti Dagmar Štepánová, fondatrice dello studio ceco Formafatal, e Davide Macullo. Anche loro condividono il personale punto di vista sulla cultura del progetto e le aspettative sulle candidature degli ADA 2020. Patrik Schumacher - “Non vedo l'ora di vedere progetti che riconoscono e sfruttano le nuove potenzialità del nostro tempo” Patrik Schumacher è a capo di Zaha Hadid Architects dalla morte di Zaha Hadid nel 2016. È entrato a far parte dello studio nel 1988 ed è stato fondamentale nello sviluppo di Zaha Hadid Architects perchè diventasse uno dei più forti 'marchi' di architettura e design a livello mondiale.  Quali caratteristiche dovranno avere i prodotti..
Continua a leggere su Edilportale.com

24/07/2020 - Le pareti divisorie assolvono l’importante funzione di delimitare gli ambienti della propria abitazione. Ad esse vengono richieste capacità di isolamento acustico e isolamento termico, robustezza e resistenza al fuoco, nonché la capacità di contenere gli impianti sottotraccia. Nell’ambito di una ristrutturazione d'interni o di una nuova costruzione qual è il materiale più idoneo da utilizzare per la loro realizzazione? Blocchi in laterizio, blocchi in calcestruzzo o sistemi in cartongesso? Pareti divisorie in blocchi di laterizio Il sistema costruttivo di tramezzi con blocchi di laterizio è il più tradizionale, esso prevede che i blocchi siano tenuti assieme con malta lungo i giunti orizzontali e verticali; i blocchi possono avere altezze e spessori differenti, questo determinerà una variazione della percentuale di foratura e di conseguenza della massa volumica. I fori, a loro volta, possono essere..
Continua a leggere su Edilportale.com

24/07/2020 - In Italia cresce più il cemento che la popolazione: nel 2019 sono nati 420 mila bambini mentre il suolo ormai sigillato è avanzato di 57 milioni di metri quadrati, al ritmo di 2 metri quadrati al secondo. È come se ogni nuovo nato italiano portasse nella culla ben 135 mq di cemento.   I dati arrivano dal Rapporto ISPRA SNPA “Il consumo di suolo in Italia 2020” presentato il 22 luglio scorso. L’edizione 2020 si arricchisce di contributi provenienti da 12 Osservatori delle Regioni e Province autonome, anche grazie al progetto Soil4Life.   Lo spreco di suolo - spiega Ispra - continua ad avanzare nelle aree a rischio idrogeologico e sismico e la Sicilia è la regione con la crescita percentuale più alta nelle aree a pericolosità idraulica media. Non mancano segnali positivi: la Valle d’Aosta, con solo 3 ettari di territorio impermeabilizzato nell’ultimo anno, è la prima regione italiana..
Continua a leggere su Edilportale.com

24/07/2020 – Sono detraibili al 110% tutti i lavori, anche se di manutenzione ordinaria e straordinaria, collegati all’intervento trainante che accede al superbonus 110%.   A ribadirlo l’Agenzia delle Entrate nella Risposta 224/2020 in cui un contribuente chiedeva se potessero essere agevolati con il bonus per gli interventi antisismici anche interventi minori correlati.   Superbonus 110%: gli interventi accessori collegati rientrano sempre L’Agenzia delle Entrate ritiene che rientrino gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria necessari al completamento dell'opera finalizzati alla riduzione del rischio sismico del condominio del quale fa parte l’immobile.   Secondo le Entrate, infatti, anche per il superbonus 110% vale il principio secondo cui l'intervento di categoria superiore assorbe quelli di categoria inferiore a esso collegati o correlati.     La detrazione al 110%, quindi, spetta, nei limiti..
Continua a leggere su Edilportale.com

24/07/2020 – Possono optare per la cessione del credito d'imposta relativo al superbonus 110% tutti i contribuenti che possiedono un reddito soggetto a Irpef e che sostengono le spese agevolabili, anche coloro che aderiscono al regime forfettario.   Il chiarimento arriva da parte dell’Agenzia delle Entrate tramite la Risposta 224/2020 in cui un contribuente in regime forfettario chiede un parere in merito alle spese ammesse al bonus e alla corretta modalità di pagamento all'impresa esecutrice dei lavori alla quale verrà ceduto il credito, avendo intenzione di utilizzare la cessione a parziale pagamento del corrispettivo.   Cessione del credito Superbonus 110%: nessun limite di reddito L’Agenzia chiarisce che ai fini del meccanismo non rileva la circostanza che il reddito non concorra alla formazione della base imponibile Irpef in quanto assoggettato a tassazione separata o a un regime sostitutivo della stessa imposta, come il “forfettario”.   Questo..
Continua a leggere su Edilportale.com

24/07/2020 - L’Agenzia delle Entrate ha finalmente pubblicato la Guida al superbonus 110%, il documento che fornisce le prime indicazioni sull’agevolazione dedicata al miglioramento energetico e sismico degli edifici e propone una serie di casi pratici per spiegarne l’applicazione.   La Guida illustra, attraverso una ricca carrellata di casi pratici, tutto quello che c’è da sapere sull’agevolazione introdotta dal Decreto Rilancio. L’incentivo consiste in una detrazione del 110% delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 per gli interventi che aumentano l’efficienza energetica degli edifici e per quelli antisismici. La guida fornisce, inoltre, indicazioni sulla possibilità introdotta dal Dl Rilancio di cedere la detrazione o di richiedere al fornitore uno sconto immediato con la possibilità per quest’ultimo di cederlo ulteriormente.   Superbonus 110%, per quali immobili si può..
Continua a leggere su Edilportale.com

23/07/2020 – In questo periodo di ripresa delle normali attività, è necessario porre più che la solita attenzione alle norme anti-contagio, soprattutto per ciò che riguarda la pulizia e l’igiene di casa, uffici e strutture pubbliche.   La disinfezione: i bonus disponibili per gli ambienti di lavoro Le superfici sono ‘potenzialmente’ contaminate dall’eventuale presenza del virus; ecco perché è necessario provvedere alla loro pulizia attraverso prodotti specifici.   Il Legislatore, per favorire i processi di igienizzazione negli ambienti di lavoro, ha previsto un credito d'imposta in misura pari al 60% delle spese sostenute nel 2020 per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, nonché per l'acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti.   Il credito d'imposta..
Continua a leggere su Edilportale.com

23/07/2020 - La Regione Marche ha approvato le ‘Misure di sicurezza anti-contagio Covid 19 nei cantieri pubblici’.   Si tratta di Linee Guida e un elenco-voci relativo alle misure di sicurezza anti-contagio, da utilizzarsi ai fini dell’aggiornamento dei documenti di gara o progettuali in conseguenza dell’emergenza sanitaria in corso, finalizzato alla riapertura dei cantieri pubblici e alla consegna dei nuovi cantieri, fino al termine della crisi emergenziale.   “Con questo documento - afferma la vicepresidente della Regione Marche, Anna Casini - intendiamo fornire un sostegno concreto alle imprese in questo momento particolarmente delicato, in cui l’attuazione di queste misure anti-contagio ha comportato nuove e maggiori spese, riconducibili sia ai costi della sicurezza, a carico delle stazioni appaltanti, che agli oneri aziendali della sicurezza, a carico degli operatori economici”.   Cantieri pubblici, nelle Marche linee..
Continua a leggere su Edilportale.com

23/07/2020 - Un plafond di 20 milioni di euro per la concessione di mutui agevolati volti al completamento di interventi su beni culturali pubblici.   Lo mette a disposizione dei Comuni l’Istituto per il Credito Sportivo (ICS), attraverso il Protocollo d’Intesa Art Bonus firmato con Arte Lavoro e Servizi S.p.A. (ALES), la società in house del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali (MiBAC) impegnata in attività di supporto alla conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale e l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI).   I finanziamenti dovranno essere utilizzati per completare il fabbisogno finanziario necessario all’integrale realizzazione dei progetti, a condizione che questi abbiano ottenuto donazioni con Art Bonus per un importo di almeno il 51% del costo complessivo dell’Intervento. Per i Comuni delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia la soglia è ridotta..
Continua a leggere su Edilportale.com

23/07/2020 - Assoclima, l’Associazione dei Costruttori di Sistemi di Climatizzazione, vede con favore il Decreto Rilancio e il superbonus 110% “perché la tecnologia impiantistica oggi disponibile può in molti casi consentire il doppio salto di classe agli edifici esistenti”.   Lo ha dichiarato Roberto Saccone, Presidente Assoclima per il triennio 2017-2020, al termine della tavola rotonda dal titolo “Il rilancio del settore della climatizzazione: strumenti, opportunità e criticità”, organizzata per discutere delle ultime novità legislative di interesse per il comparto, con particolare riferimento agli strumenti del superbonus del 110% e della cessione del credito contenuti nel Decreto Rilancio.     Climatizzazione, Assoclima: ‘superbonus 110% utile al rilancio’ “Come Assoclima - ha spiegato Saccone - stiamo lavorando per sviluppare delle simulazioni con esempi rappresentativi del..
Continua a leggere su Edilportale.com