Flash News: Edilizia

27/11/2019 – Entrano in vigore il prossimo 21 dicembre le nuove norme antincendio per gli impianti termici di portata complessiva superiore a 35 kW, come ad esempio le centrali termiche per il riscaldamento di condomìni e scuole.   È stato, infatti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 8 novembre 2019 che contiene la nuova regola tecnica per la progettazione, la realizzazione e l'esercizio degli impianti per la produzione di calore alimentati da combustibili gassosi, che va a modificare il DM 12 aprile 1996 sulla sicurezza degli impianti termici.   Antincendio impianti termici: campo di applicazione Le disposizioni contenute nel decreto si applicano alla progettazione, realizzazione e esercizio degli impianti per la produzione di calore civili extradomestici di portata termica complessiva maggiore di 35 kW alimentati da combustibili gassosi utilizzati per: 1) climatizzazione di edifici e ambienti; 2) produzione di acqua calda,..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/11/2019 – Nel 2020 il Miur bandirà gare per la messa in sicurezza delle scuole per un valore di un miliardo di euro. Lo ha annunciato il Ministro Lorenzo Fioramonti durante la riunione dell’Osservatorio nazionale per l'Edilizia scolastica, che si è svolta venerdì scorso a Rivoli in occasione della Giornata Nazionale per la Sicurezza nelle Scuole.   Edilizia scolastica, un miliardo di euro nel 2020 Come spiegato dal Ministro Fioramonti, non si tratta di nuove risorse stanziate ex novo, ma di economie di gara registrate dal Miur nell’ambito degli interventi realizzati con i finanziamenti per l’edilizia scolastica, come ad esempio i Mutui Bei e le iniziative “Scuole Sicure” o “Scuole Antisismiche”.   Le risorse, ha affermato Fioramonti, saranno erogate con assegnazione diretta, con bandi che saranno pubblicati dal prossimo anno.   Edilizia scolastica, le risorse in campo Durante la riunione,..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/10/2019 – In caso di mancato versamento dei contributi ai lavoratori, il committente è sempre chiamato in causa. Con la sentenza 27382/2019, la Corte di Cassazione ha affermato che vige sempre la responsabilità solidale a carico del committente, anche quando l’impresa cui ha affidato l’incarico ha subappaltato i lavori a insaputa del committente e violando il contratto in cui era espressamente previsto il divieto di subappalto.   Responsabilità solidale e subappalto, il caso I giudici si sono pronunciati sul caso di un committente che aveva stipulato con un’impresa un contratto per la realizzazione di alcuni lavori. Il contratto escludeva la possibilità del subappalto, ma l’impresa aveva comunque affidato alcune lavorazioni ad un’altra società senza informare il committente.   Successivamente, era emerso che l’impresa subaffidataria non aveva versato i contributi dovuti ai lavoratori. L’Istituto..
Continua a leggere su Edilportale.com

27/11/2019 – Il bonus facciate, new entry nel panorama delle agevolazioni fiscali per chi intende ristrutturare casa, sta prendendo forma. La discussione sugli emendamenti al disegno di legge di Bilancio per il 2020 sta andando avanti e ha falciato le proposte che volevano legare gli interventi sulle facciate a quelli per il risparmio energetico.   Non avranno diritto al bonus neanche gli interventi di manutenzione ordinaria. Si tratta di modifiche provvisorie dal momento che il confronto è in corso. Non è però escluso che, con l’andare avanti della discussione, siano presentate ulteriori proposte che cambino ancora i connotati della detrazione.   Bonus facciate, tetto di spesa a 192mila euro Al momento ha superato la tagliola della Commissione Bilancio l’emendamento (25.1) del Movimento 5 Stelle, che propone un tetto di spesa doppio rispetto al bonus ristrutturazioni, quindi 192mila euro per il 2020 e 96mila euro per gli anni..
Continua a leggere su Edilportale.com

26/11/2019 – La certificazione dei professionisti sui progetti non basterà ad accelerare i tempi di ricostruzione post sisma in quanto la situazione è resa immobile e confusa dal quadro legislativo generale che si è concepito in questi anni.    Ad affermarlo la Rete delle Professioni Tecniche (RPT) che ha duramente criticato il Decreto Sisma, approvato dalla Commissione Ambiente e Territorio della Camera, senza tener conto delle richieste fatte dai professionisti tecnici.   Ricostruzione post sisma: con la certificazione dei tecnici nessuna accelerazione RPT contesta l’autocertificazione dei progetti redatti dai professionisti; in questo modo “si assegnano a questi ultimi ulteriori responsabilità in una situazione resa immobile e confusa dal quadro legislativo generale che si è concepito in questi anni”.   Ricordiamo che il Decreto prevede la possibilità di ottenere subito il contributo per la..
Continua a leggere su Edilportale.com

26/11/2019 - “Il primo decreto legge totalmente ambientale realizzato in Italia. Una misura che il governo ha ritenuto urgente e necessaria”. Così il Ministero dell’Ambiente definisce il Decreto Clima, la cui legge di conversione è stata approvata dal Senato nei giorni scorsi e ora è all’esame della Camera.   Cambiamenti climatici, i dati L’Italia - ricorda il Ministero, citando la rivista The Lancet - è prima in Europa per morti premature da esposizione alle polveri sottili PM2.5, le vittime nel 2016 sono state ben 45.600. “Il clima e la qualità dell’aria sono temi ai quali la politica non può più derogare, perché ad essere minacciata è la salute dell’umanità”.   Il rapporto ‘Cambiamenti clima­tici, desertificazione, degrado terrestre, sostenibilità del territorio, sicurezza alimentare e flussi di gas serra negli ecosistemi terre­stri’..
Continua a leggere su Edilportale.com

26/11/2019 – Nell’ambito dell’appalto integrato saranno consentite verifiche successive all’aggiudicazione, a condizione che i costi di realizzazione dell’opera non aumentino.   È uno dei meccanismi contenuti nella bozza del regolamento attuativo del Codice Appalti. Il testo, messo a punto dai tecnici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit), dovrebbe essere approvato entro il 16 dicembre, come previsto dal decreto Sblocca Cantieri. A partire dalla sua entrata in vigore, spazzerà via il sistema di “soft law” composto dalle linee guida dell’Anac e dai decreti ministeriali attuativi del Codice Appalti.   Appalto integrato e indagini post aggiudicazione Con lo Sblocca Cantieri è stato reintrodotto l’appalto integrato fino al 31 dicembre 2020. Si tratta, lo ricordiamo, di una modifica temporanea, per dare sostegno al mercato delle costruzioni nell’attesa che venga completata..
Continua a leggere su Edilportale.com

26/11/2019 – A partire dal 9 dicembre 2019 gli under 46 ed i professionisti residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia potranno accedere agli incentivi previsti da ‘Resto al Sud’ e presentare i progetti sulla piattaforma online di Invitalia.   È stato, infatti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 134/2019 relativo all'ampliamento della platea dei beneficiari della misura ‘Resto al Sud’ con una dotazione finanziaria complessiva di 1.250 milioni di euro.   Resto al Sud, come funziona per i professionisti Il decreto definisce l’attività libero-professionale come quella svolta da “soggetti iscritti in ordini o collegi professionali nonché dagli esercenti le professioni non organizzate in ordini o collegi disciplinate dalla legge 14 gennaio 2013, n. 4”.     Grazie alle modifiche apportate dal decreto, che entrerà in vigore il prossimo 8..
Continua a leggere su Edilportale.com

25/11/2019 - “L’evento che si è verificato sull’autostrada A6 Torino-Savona è simile a quello di qualche anno fa in Sicilia, che interessò il viadotto di Scillato. Come esempio cito anche il crollo del ponte sul Rio Santa Lucia, della statale n.195 tra Cagliari e Capoterra dello scorso anno, ma sono purtroppo tante le criticità di tipo idrogeomorfologico che interessano le infrastrutture del Paese”.     Queste le parole di Francesco Peduto, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi intervenendo sul crollo del viadotto ‘Madonna del Monte’ sull’A6 Torino-Savona a causa di una frana. “Si stima - spiega Peduto - che circa il 90% delle problematiche legate alle infrastrutture italiane sono determinate non da fattori strutturali, bensì dovute a criticità idrogeologiche. In tal senso, le parole d’ordine sono sempre le stesse: prevenzione, manutenzione del territorio e delle..
Continua a leggere su Edilportale.com

25/11/2019 - Per i periodi di imposta in corso dal 1° gennaio 2020 al 2022, alle imprese alberghiere esistenti alla data del 1° gennaio 2017, potrebbe essere riconosciuto un credito di imposta per i lavori di ristrutturazione edilizia e l’ammodernamento delle strutture ricettive.   La proposta è contenuta in uno degli emendamenti dei relatori al ddl di conversione del Decreto Fiscale in esame alla Camera.   La misura ripropone quella introdotta qualche anno fa dal Decreto ArtBonus che riconosceva il bonus per gli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e di risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, di eliminazione delle barriere architettoniche, di incremento dell’efficienza energetica e per l’acquisto di mobili e componenti d’arredo. Secondo l’emendamento al Decreto Fiscale, il credito di imposta sarà pari al 30% delle spese sostenute, fino ad un massimo di 200.000 euro nei periodi di..
Continua a leggere su Edilportale.com

25/11/2019 – Novità in arrivo per gli impianti di climatizzazione e condizionamento considerati rilevanti ai fini della sicurezza antincendio: presto potrebbero prevedere l’utilizzo di fluidi refrigeranti a minor incidenza sull'effetto serra anche se ‘poco infiammabili’.   È stata inviata, infatti, alla Commissione europea lo scorso 11 novembre la bozza di DM recante “Disposizioni di prevenzione incendi per gli impianti di climatizzazione inseriti nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi”.   Antincendio: le novità per impianti di condizionamento Il DM sancisce il via libera all'uso di fluidi refrigeranti a minor incidenza sull'effetto serra seppur classificati come a bassa infiammabilità. Ad oggi, infatti, è obbligatorio usare solo fluidi refrigeranti non infiammabili o non infiammabili e non tossici negli impianti di condizionamento presenti all’interno delle..
Continua a leggere su Edilportale.com

25/11/2019 – Da Nord a Sud dell’Europa, architettura e mobilità sostenibile sono sempre più connesse. Spazi urbani vengono ridisegnati, le stazioni diventano spazi di aggregazione e da “non luoghi” si trasformano in punti di riferimento per le città.   Legambiente, nel corso del convegno “L’architettura della nuova mobilità”, organizzato nei giorni scorsi in collaborazione con Ferrovie dello Stato, ha raccontato l’esperienza di alcune città molto diverse tra loro.   Scalo Farini e San Cristoforo, Milano Verde e sostenibilità sono il cuore del progetto per la riqualificazione delle aree che sorgono intorno a scali ferroviari dismessi. Il concorso, lanciato a ottobre 2018, è stato vinto da OMA e Laboratorio Permanente. L’iniziativa si inserisce nell’Accordo di Programma sottoscritto nel 2017 dal Comune di Milano, Regione Lombardia, Ferrovie dello Stato Italiane (con Rete..
Continua a leggere su Edilportale.com

25/11/2019 – Si chiama “Programma Casa Mia” e prevede uno stanziamento di 16,7 miliardi di euro per la realizzazione di 600mila alloggi di edilizia sociale a consumo di suolo zero, antisismici e con elevate prestazioni energetiche. La proposta è stata formalizzata dal Movimento 5 Stelle con un emendamento del senatore Marco Pellegrini al disegno di legge di Bilancio 2020.   Casa Mia, programma di quindici anni Le risorse, stanziate fino al 2034, si sommeranno alle politiche di edilizia residenziale pubblica attuate dagli enti territoriali.   Sarà finanziata la progettazione e realizzazione di alloggi sociali. Oltre alla riduzione del consumo di suolo, alla sicurezza antisismica e all’efficientamento energetico, lo scopo del programma è la promozione, da parte dei Comuni, di politiche urbanistiche mirate alla rigenerazione dei tessuti degradati.   Il 5% degli alloggi sarà destinato alla locazione temporanea dei residenti..
Continua a leggere su Edilportale.com

25/11/2019 – I redditi medi delle professioni ordinistiche si attestano sui 36 mila euro ma esiste una forte discrepanza tra le diverse professioni; ad esempio il reddito medio di ingegneri e architetti è circa 25 mila euro ma se ci si sposta nel regime forfettario la media scende a 10 mila euro.      Questi alcuni dati messi in luce dal Rapporto 2019 sulle libere professioni in Italia, curato dall'Osservatorio libere professioni di Confprofessioni, coordinato dal professor Paolo Feltrin, e presentato giovedì scorso a Roma durante il Congresso nazionale dei professionisti italiani, promosso dalla Confederazione italiana libere professioni.   Redditi dei professionisti: ingegneri e architetti in calo L'analisi sui redditi professionali, basata sui dati dell’Associazione degli Enti Previdenziali Privati (AdEPP), mostra una forte polarizzazione tra chi vede aumentare in modo significativo i propri redditi e chi vede assottigliarsi..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/11/2019 – Inizia a prendere forma l’archivio informatico nazionale delle opere pubbliche (AINOP). È entrato in vigore il DM 8 ottobre 2019, attuativo del Decreto “Genova”, che definisce le modalità di condivisione dei dati relativi ad opere e lavori pubblici per consentire il monitoraggio costante sull’efficienza e la sicurezza delle infrastrutture e programmare eventuali interventi di riqualificazione e manutenzione.   Dal momento dell’entrata in vigore (21 novembre 2019) iniziano a decorrere i termini per caricare i dati nel sistema e completare il censimento delle opere. Le tempistiche variano a seconda della dotazione informatica dell’ente e dall’effettivo possesso di tutte le informazioni sulle opere. “Presto sul sito del Ministero delle Infrastrutture ci sarà il contatore delle opere sbloccate – ha commentato il Ministro Paola De Micheli - La sfida sarà trasformare le risorse stanziate..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/11/2019 – In arrivo ulteriori 361 milioni di euro per 236 interventi subito cantierabili, volti a contrastare il fenomeno del dissesto idrogeologico e rientranti nel ‘Piano operativo sul dissesto idrogeologico per l’anno 2019’.   Il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, infatti, ha trasmesso alla Presidenza del Consiglio il decreto che rende immediatamente effettivo lo stanziamento per il territorio nazionale.   Dissesto idrogeologico: i progetti I 361 milioni di euro stanziati dal Ministero sono destinati ad ulteriori progetti cantierabili, aggiungendosi ai finanziamenti già erogati alle regioni attraverso il Piano stralcio sul dissesto idrogeologico.   I fondi verranno erogati in via diretta, senza la stipula di successivi accordi di programma, come previsto dalla delibera CIPE 64/2019.   Gli interventi vanno dalla sistemazione di versanti franosi, al consolidamento e alla difesa idraulica, al ripascimento e difesa..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/11/2019 – Diventa operativo lo sconto immediato in fattura alternativo a ecobonus e sismabonus. Con la Risoluzione 96/E/2019, l’Agenzia delle Entrate ha fornito i codici tributo con cui le imprese possono recuperare gli sconti praticati ai clienti portandoli in compensazione.   Sconto in fattura, i codici per il recupero Per consentire ai fornitori e agli eventuali cessionari l’utilizzo in compensazione dei crediti d’imposta, tramite modello F24, l’Agenzia ha istituito i seguenti codici tributo: - “6908” denominato “ECOBONUS – Recupero dello sconto praticato dal fornitore – articolo 14, comma 3.1, del decreto-legge n. 63/2013, e succ. modif.”; - “6909” denominato “SISMABONUS – Recupero dello sconto praticato dal fornitore – articolo 16, comma 1-octies, del decreto-legge n. 63/2013, e succ. modif.”. SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE ALL'ECOBONUS   In sede di compilazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/11/2019 – Chi effettua lavori di efficientamento energetico potrà vedersi accreditare sul conto una somma pari alla detrazione fiscale. È la proposta per superare le criticità dello sconto alternativo all’ecobonus, contenuta in un emendamento dei relatori al disegno di legge per la conversione del Decreto Fiscale.   Accredito alternativo all’ecobonus L’emendamento prevede che, in alternativa all’opzione dello sconto immediato in fattura, il privato committente possa scegliere di ricevere un credito di importo pari all’ammontare della detrazione spettante per gli interventi realizzati.   Tale credito verrebbe erogato dallo Stato, in dieci rate annuali, su un conto corrente dedicato e non contribuirebbe alla formazione del reddito imponibile.   Come spiegato nella relazione illustrativa dell’emendamento, con la trasformazione della detrazione in una somma disponibile, il beneficiario potrebbe ottenere..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/11/2019 – Tetti di spesa e obiettivi di efficientamento energetico. Il bonus facciate potrebbe assumere nuovi connotati, almeno stando agli emendamenti al disegno di legge di Bilancio 2020 segnalati dai gruppi parlamentari. Rispetto alla versione iniziale, le proposte introducono dei limiti alla nuova detrazione fiscale, che dovrebbe debuttare da gennaio.   Partita aperta sui lavori di manutenzione ordinaria sulle facciate. La bozza del ddl li annovera tra gli interventi agevolabili, alcuni emendamenti cercano di darne una definizione più precisa, ma il Movimento 5 Stelle vorrebbe escluderli, riservando la detrazione a lavori più impattanti.   Bonus facciate, tetto di spesa a 192mila euro Il bonus facciate abbozzato nel ddl di Bilancio non prevede limiti di spesa e si può ottenere anche con semplici lavori di manutenzione. Un emendamento del Movimento 5 Stelle (25.1) propone un tetto di spesa doppio rispetto al bonus ristrutturazioni,..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/11/2019 – Con la riaccensione dei riscaldamenti in gran parte dell’Italia (mancano solo le zone B e A che potranno riaccenderli dal 1° dicembre), molti si interrogano su come massimizzare l’efficienza dell’impianto, in modo da risparmiare nella bolletta.   Tra gli impianti di riscaldamento che aiutano a raggiungere l’obiettivo ci sono i sistemi a pannelli radianti che sfruttano l’irraggiamento per riscaldare gli ambienti e funzionano a temperature più basse rispetto ai radiatori tradizionali.   Pannelli radianti: come funzionano Un impianto radiante è costituito da pannelli, nei quali sono inseriti tubi in materiale resistente alle alte temperature ed al calpestio, nei quali transita un fluido caldo. I pannelli radianti assicurano numerosi vantaggi, innanzitutto un notevole risparmio energetico: funzionando a bassa temperatura, l’acqua non deve raggiungere temperature elevate per poter..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/11/2019 - A ottobre brusco stop per il mercato della progettazione di opere pubbliche, il cui valore crolla di quasi il 70% rispetto allo stesso mese del 2018; complessivamente però il totale dei 10 mesi scende soltanto dell’1,2%, rispetto ai valori messi in gara nel 2018. Altra musica per il totale dei servizi di ingegneria e architettura che nei 10 mesi raggiunge livelli record superando il miliardo di euro, con un +26,5% rispetto ai dieci mesi del 2018.   Il dato è anche frutto di 8 maxi-bandi pubblicati a ottobre da Autostrade per l’Italia S.p.A. per direzione lavori e assistenze con un totale di 188,8 milioni di euro (121,3 milioni di euro di sola DL della “Gronda di Genova” e 67,5 milioni di euro per verifiche delle opere d’arte della rete autostradale).   In dettaglio, ad ottobre, per il mercato della sola progettazione: sono state bandite 274 gare (59 soprasoglia), per un valore di 29,0 milioni di euro (18,6 soprasoglia),..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/11/2019 - 65 milioni di euro, aggiuntivi rispetto ai 20 già assegnati per l’emergenza, e l’impegno del Governo a destinare nuove risorse per la città e per il MOSE, 1 miliardo di euro in 10 anni per manutenzioni e restauri e l’estensione dell’Art Bonus al recupero del patrimonio culturale e delle chiese. Questo, nelle ultime ore, il dispiegamento di forze da parte di Governo e Parlamento per Venezia.   Venezia, 65 milioni di euro per la salvaguardia della laguna Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) ha fatto sapere che sono pronti 65 milioni di euro per la salvaguardia e la conservazione della laguna di Venezia, 46 dei quali destinati alla città che nei giorni scorsi ha vissuto la drammatica ondata di acqua alta. Si tratta - spiega la nota - di fondi contenuti nella Legge speciale su Venezia, rifinanziata dalla scorsa Legge di Bilancio, che sono stati sbloccati nei giorni scorsi dalla..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/11/2019 – In arrivo nuove norme per la progettazione della sicurezza antincendio delle strutture sanitarie con più di 25 poste letto.   Lo scorso 16 ottobre, infatti, il Comitato Centrale Tecnico Scientifico (CCTS) dei Vigili del Fuoco ha presentato la bozza di revisione della Regola Tecnica Verticale (RTV) per le strutture sanitarie.   La bozza della norma è in fase di raccolta di osservazioni tecniche da parte delle categorie rappresentate in seno al CCTS, come gli ordini professionali. Successivamente, il testo tornerà al Comitato per poi essere notificato in Commissione europea; dopo l’ok dell’UE il testo potrà essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale.   Prevenzione incendi strutture sanitarie: applicazioni La RTV riguarda in particolar modo le strutture sanitarie con numero di posti letto superiore a 25; tra queste rientrano: - le strutture che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero, residenziale..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/11/2019 - Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) ha assegnato 14,7 milioni di euro alle Province e 5,7 milioni di euro alla Città Metropolitane per la progettazione della messa in sicurezza di edifici e strutture pubbliche con priorità alle scuole.   È stato infatti pubblicato sul sito web del MIT il decreto 14665 del 14 novembre 2019 di ammissione al cofinanziamento statale delle progettazioni di Province e Città Metropolitane, nell’ambito della complessiva assegnazione di 60 milioni di euro (30 milioni per ciascuno degli anni 2018 e 2019) prevista dal Fondo Progettazione Enti Locali.   Il MIT ha ricevuto 82 domande per complessivi 301 progetti: 71 domande delle Province per 239 progetti e 11 domande delle Città metropolitane per 62 progetti, a valere sulle risorse stanziate per gli anni 2018 e 2019.  Al termine dell’istruttoria, sono state finanziate 272 progettazioni: 216 delle Province per..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/11/2019 – La centrale per la progettazione sarà probabilmente abrogata prima ancora di essere entrata in funzione. Lo prevede uno delle migliaia di emendamenti al disegno di legge di Bilancio per il 2020, che deve ora affrontare la tagliola del Senato.   Tra le proposte, giunte dai vari gruppi politici, ce ne sono diverse di interesse per i professionisti, come un’iniziativa centrale sull’equo compenso e il tentativo di rendere più elastico l’accesso al regime forfetario.   Via la centrale per la progettazione Un emendamento del Movimento 5 Stelle punta a cancellare con un tratto di penna la Struttura per la progettazione di beni ed edifici pubblici, conosciuta anche come “centrale per la progettazione”, introdotta dalla legge di Bilancio per il 2019.   L’emendamento conferma le dichiarazioni rilasciate nei giorni scorsi dal Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, che ha definito la struttura..
Continua a leggere su Edilportale.com