Flash News: Edilizia

09/09/2019 – Rivedere l’articolo 10 del decreto “Crescita”, che ha introdotto lo sconto immediato in fattura alternativo all’ecobonus e al sismabonus. Dopo le proteste degli operatori del settore, associazioni, imprenditori e parlamentari si sono confrontati sul tema durante una riunione nel bolognese.   Al centro dell’attenzione le pesanti ripercussioni sulla liquidità delle aziende del settore casa che volessero venire incontro alle richieste dei clienti di ricevere lo sconto immediato in fattura.   Sconto in fattura: incontro tra associazioni, imprenditori e politici L’incontro, organizzato da Anfit e Assites, appartenenti a Caseitaly, e moderato da Finco, è stato giudicato positivo.   I partecipanti hanno chiesto un confronto con il nuovo Ministro dello Sviluppo Economico e ottenuto un ulteriore incontro con il Ministro Teresa Bellanova, che a fine luglio, mentre ricopriva il ruolo di Senatrice dell’opposizione,..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/09/2019 – Con la delibera 1550/2019, la Regione Puglia ha adottato la circolare applicativa del Regolamento edilizio tipo (RET). Il documento risponde ai dubbi, sollevati dai Comuni, sull’applicazione delle definizioni uniformi contenute nel RET e della loro compatibilità con il principio che impone agli Enti locali di mantenere invariate le previsioni dimensionali della propria strumentazione urbanistica generale.   La circolare si è concentrata sui concetti di superficie accessoria e altezza degli edifici.   Superficie accessoria, i chiarimenti della circolare La circolare esordisce spiegando che la superficie accessoria si misura in metri quadri. Il regolamento edilizio comunale può stabilire la quantità massima dei locali cantina, servizio o deposito realizzabili in rapporto alle unità immobiliari. La SA comprende unicamente le superfici e gli ambienti pertinenziali aventi rapporto di strumentalità rispetto all’edificio..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/09/2019 - Ha visto la luce ieri il Governo Conte bis. Dopo il giuramento al Quirinale nelle mani del Capo dello Stato, si sono svolte a Palazzo Chigi la cerimonia di insediamento e la prima riunione del Consiglio dei Ministri.   Nelle stesse ore, le associazioni imprenditoriali e professionali hanno rivolto gli auguri di buon lavoro ai nuovi Ministri e hanno riportato al centro del dibattito le questioni a loro avviso più urgenti che l’Esecutivo dovrà affrontare.   Ance: ‘nuova stagione per sbloccare e mettere in sicurezza il Paese’ “Alla neo Ministra Paola De Micheli non possiamo che augurare buon lavoro e un grande in bocca al lupo, perché la sfida che l’attende non è certo la più semplice”, dichiara il Presidente Ance, Gabriele Buia, che si dice “certo che una persona concreta e determinata come la Ministra De Micheli, che ho avuto modo di conoscere anche in altri ruoli, saprà imprimere..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/09/2019 – Sono in arrivo 400 milioni di euro che i Comuni potranno utilizzare per la messa in sicurezza degli edifici pubblici e del territorio.   E’ in corso di registrazione, infatti, il decreto del Ministero dell’Interno che approva il modello di certificazione informatizzato con cui i Comuni possono richiedere la terza tranche degli 850 milioni complessivi stanziati dal comma 853 della Legge di Bilancio 2018 (150 milioni per l’anno 2018, 300 milioni per l’anno 2019 e 400 milioni per l’anno 2020) per la sicurezza delle città.   Messa in sicurezza: le richieste dei Comuni entro il 15 settembre In una nota, il Ministero dell’Interno ha specificato che la richiesta da parte dei Comuni deve essere formulata esclusivamente con modalità telematica, tramite il Sistema Certificazioni Enti Locali entro le ore 24:00 del 15 settembre 2019, a pena di decadenza.   Ciascun Comune può fare richiesta..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/09/2019 – Cosa accade se, dopo aver effettuato i lavori di riqualificazione energetica, ci si dimentica di inviare la documentazione all’Enea entro i 90 giorni previsti dalla normativa? La Commissione Tributaria Regionale della Lombardia, con la sentenza 3343/2019, ha spiegato che dipende dai casi e che, in presenza di determinati requisiti, non si perde il diritto alla detrazione fiscale.   Ecobonus e invio dei documenti all’Enea La normativa sull’Ecobonus prevede che, entro 90 giorni dalla fine dei lavori, siano inviati all’Enea le informazioni contenute nell’attestato di prestazione energetica e la scheda informativa dell’intervento. I documenti vanno trasmessi online. Solo in caso di particolare complessità dell’intervento, i documenti possono essere inviati attraverso una raccomandata.   Il termine decorre dalla data del collaudo, non da quella dei pagamenti. Se, invece, l’intervento non prevede un collaudo,..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/09/2019 – Per vivere al meglio gli spazi esterni anche dopo il tramonto, è utile installare un’adeguata illuminazione.   L’illuminazione per gli spazi outdoor non è solo una scelta funzionale ma anche di design: gli oggetti illuminanti, infatti, diventano spesso veri e propri elementi di arredo.   Lampade da esterno: cosa valutare I corpi illuminanti per esterni devono rispettare requisiti più stringenti rispetto a quelli per interni; vanno usati prodotti in grado di resistere all'umidità, agli agenti atmosferici e agli sbalzi termici, realizzati con materiali a tenuta stagna ed anticorrosione.   Per valutare il grado di protezione degli impianti luminosi si ricorre alla Norma CEI 70-1 (Norma italiana che corrisponde alla EN 60529) che descrive il grado di protezione dell’involucro (IP) di apparecchiature elettriche. I primi due valori indicano: il grado di protezione contro il contatto..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/09/2019 – Il Consiglio regionale del Veneto ha approvato, lo scorso 3 settembre, una legge sull’equo compenso e sulla tutela delle prestazioni professionali.   La norma, frutto dell’accorpamento di tre progetti di legge vertenti sul medesimo oggetto, intende contrastare lo svilimento della figura del libero professionista, che in questi ultimi anni si è visto concretizzarsi con la corresponsione di compensi non corrispondenti alla qualità e quantità delle prestazioni richieste, se non addirittura simbolici.   Equo compenso Veneto: cosa prevede la norma Per prima cosa il provvedimento disciplina il diritto all’equo compenso e il contrasto all’inserimento di clausole vessatorie nell’esecuzione degli incarichi conferiti dalla Regione, dagli enti strumentali e dalle società controllate, nei confronti dei professionisti.   In particolare, verrà considerato “equo” il compenso che risponde..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/09/2019 – I beneficiari del Fondo salva opere dovranno essere in regola con il Durc. Lo prevede il decreto legge per la tutela del lavoro e la risoluzione delle crisi aziendali. Il testo, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, restringe l’accesso al Fondo introdotto dal Decreto Crescita per evitare che la crisi di un'impresa aggiudicataria di un appalto travolga a cascata anche le Pmi che collaborano ai lavori come subappaltatrici. Le Pmi per tirarsi fuori dalla crisi dell’impresa principale dovranno dimostrare di essere in regola con il pagamento dei contributi previdenziali ai propri dipendenti.   Fondo salva opere, come funziona Il Fondo salva opere è stato introdotto dal Decreto “Crescita”. In caso di crisi dell’impresa aggiudicataria di un appalto, è coperto il 70% dei pagamenti a favore delle Pmi subappaltatrici.   Il Fondo viene alimentato con un contributo dello 0,5% del valore del ribasso offerto dall’aggiudicatario..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/09/2019 – Dopo la chiusura della consultazione sul regolamento attuativo del Codice Appalti, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit) inizia a tirare le somme dei contributi ricevuti.   La conclusione della consultazione, avviata a luglio, dovrebbe dare il via alla stesura del nuovo documento che, come previsto dal decreto “Sblocca cantieri” e richiesto dagli operatori, sostituirà il sistema di soft law lanciato nel 2016. Gli addetti ai lavori vorrebbero far presto per dare finalmente certezza alla normativa sui contratti pubblici. Il condizionale però è d’obbligo, dato che i lavori sono stati rallentati dalla crisi di governo sopraggiunta ad agosto, con il conseguente cambiamento dei vertici del Ministero.   Codice Appalti, i risultati della consultazione sul regolamento unico In tutto, i contributi arrivati sono circa 600, di cui il 48,42% da parte di operatori del settore, il 38,64% da parte di associazioni..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/09/2019 - Oggi nasce il Governo Conte bis: questa mattina la squadra dei Ministri ha giurato al Quirinale; a seguire, a Palazzo Chigi, si sono tenute la cerimonia di insediamento del nuovo Governo e la prima riunione del Consiglio dei Ministri.   La compagine del nuovo Esecutivo giallo-rosso è composta da dieci Ministri del Movimento 5 Stelle, nove del Partito Democratico, un tecnico e un esponente di Liberi e Uguali; le donne sono sette. Con una media di 47 anni, è il Governo più giovane della storia repubblicana.    Molte new entry, pochissime conferme: Paola De Micheli alle Infrastrutture e Trasporti, Sergio Costa all’Ambiente, Dario Franceschini ai Beni e Attività Culturali, Stefano Patuanelli allo Sviluppo Economico, Alfonso Bonafede alla Giustizia, Roberto Gualtieri all’Economia e Finanze.   E ancora: Lorenzo Fioramonti all’Istruzione, Università e Ricerca, Nunzia Catalfo al Lavoro e Politiche Sociali,..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/09/2019 – Legittima la Legge Regionale 23/2004 dell’Emilia Romagna, che limita l’applicazione del condono edilizio alla trasformazione dei sottotetti in abitazioni. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale con la sentenza 208/2019.   Condono edilizio e limiti regionali, il caso Il Comune di Cesena aveva respinto una domanda di condono edilizio, effettuata ai sensi delle Legge 326/2003, per la regolarizzazione di un intervento di ristrutturazione edilizia consistente nella costruzione di un solaio intermedio in una porzione di attrezzatura agricola con conseguente creazione di due unità abitative, una per piano, e realizzazione di un piano interrato.   Secondo il responsabile dell’abuso, l’intervento possedeva i requisiti per ottenere il condono edilizio, ma la legge regionale aveva definito condizioni maggiormente restrittive di ammissibilità alla sanatoria.   Condono edilizio, ok ai limiti regionali Durante il contenzioso,..
Continua a leggere su Edilportale.com

  04/09/2019 – Tutti gli interventi che accedono al bonus ristrutturazione permettono di ottenere il bonus arredi?   No, perché per usufruire del bonus mobili sono necessari due requisiti: - realizzare una ristrutturazione edilizia (sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici residenziali); - usufruire della relativa detrazione (bonus ristrutturazioni).   SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL BONUS MOBILI   Bonus mobili e bonus ristrutturazione: chiarimenti Gli interventi edilizi necessari per avere la detrazione sono: - manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti; - ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza; - restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/09/2019 – Quando un’opera risulta abusiva e il Comune ne ordina la demolizione, vengono chiamati in causa il committente, il progettista e il professionista che ha diretto i lavori. Con la sentenza 18342/2019, la Cassazione ha stabilito che la responsabilità dipende dalle competenze dei soggetti coinvolti e dal tipo di incarico rivestito nell’ambito della realizzazione dell’intervento.   Opere abusive, il caso Il caso esaminato riguarda l’ordine di demolizione di un’opera abusiva e il contenzioso sorto tra il committente e il progettista sulle responsabilità in merito ai lavori effettuati senza titolo abilitativo. Secondo la Corte territoriale, non c’era nessuna prova che fosse stato il professionista incaricato a progettare le opere illegittime.   Il committente sosteneva invece che il professionista avesse omesso, a sua insaputa, di presentare al Comune la relazione tecnica illustrativa degli interventi da realizzare..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/09/2019 - Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, negli ultimissimi giorni del suo mandato, ha firmato il decreto ministeriale che assegna 7,5 milioni euro ai Comuni sotto i 3.500 abitanti per il finanziamento di interventi infrastrutturali.   Il DM, che attua la norma del decreto Sblocca Cantieri e che aveva ottenuto l’ok dalla Conferenza Unificata all’inizio di agosto, individua le modalità e i termini di accesso al finanziamento per lavori di immediata cantierabilità relativi a: - manutenzione di strade; - illuminazione pubblica; - strutture pubbliche comunali; - abbattimento delle barriere architettoniche.   Le risorse a disposizione, non utilizzate dai precedenti programmi per i piccoli comuni, ammontano a 7.535.118,69 euro e verranno utilizzate per finanziare i suddetti interventi, su richiesta dei singoli enti, in 1.152 comuni che hanno meno di 3.500 abitanti.   I comuni che potranno accedere al finanziamento..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/09/2019 - Case ‘vista mare’ costruite nel totale disprezzo delle leggi, del paesaggio, del diritto collettivo a poterne godere e della sicurezza di chi ci vive. Spesso addirittura si trovano intere cittadelle dove non c’è nemmeno un mattone in regola. Il cemento illegale ha invaso negli ultimi decenni le coste italiane e ancora oggi sembra esserci una sola certezza: poco o nulla viene buttato giù. Le demolizioni dei manufatti abusivi sono ferme al palo e nelle zone costiere è ancora più evidente. Bastano pochi numeri per capire l’entità del fenomeno.   Secondo Legambiente sono 32.424 le ordinanze di demolizione emesse dal 2004 al 2018 in poco più del 20% dei comuni costieri italiani che hanno risposto all’indagine “Abbatti l’abuso”. Di queste però solo 3.651 sono state eseguite, cioè con il ripristino dei luoghi e l’abbattimento..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/09/2019 – In arrivo 250 milioni di euro da destinare ad interventi di rigenerazione e riorganizzazione urbana per migliorare l’offerta di edilizia sociale.   È stato, infatti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto 4 luglio 2019 che ripartisce le risorse, provenienti dalla Legge per l’edilizia residenziale (L.457/1978) e riorganizzate dal Cipe con la delibera 127/2017, tra Regioni e Provincie autonome per finanziare programmi di housing sociale.   Edilizia sociale, il programma da 250 milioni Oltre alla rigenerazione e riorganizzazione urbana, gli interventi dovranno prevedere la messa in sicurezza degli edifici esistenti mediante interventi di adeguamento o miglioramento sismico ed efficientamento impiantistico.   La ripartizione dei 250 milioni vede in testa, per risorse assegnate, la Lombardia con quasi 48 milioni di euro, seguita dalla Sicilia con 22 milioni, dal Lazio con 21,8 milioni e dalla..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/09/2019 – L’acquisto di immobili collabenti, come ad esempio dei trulli diroccati, può accedere all’agevolazione prima casa?   A chiarire la questione l’Agenzia delle Entrate nella Risposta 357/2019.   Immobili collabenti e agevolazione prima casa: il caso L’Agenzia ha risposto alla domanda di una contribuente che chiedeva se fosse possibile applicare anche agli immobili “collabenti” le agevolazioni fiscali “prima casa”. L’intenzione era quella di acquistare un immobile “collabente” (ovvero quattro trulli diroccati con annesso pollaio e deposito) appartenente alla categoria catastale F/2, ristrutturarlo e, entro 18 mesi dall’acquisto, adibirlo ad abitazione principale.   L’applicazione dell’aliquota agevolata del 2%, infatti, può riguardare una casa di abitazione non di lusso situata nel Comune dove l’acquirente stabilisce, entro 18 mesi, la propria residenza.   L’Agenzia..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/09/2019 – Per effettuare una sopraelevazione, bisogna tenere contro dell’altezza degli edifici preesistenti e circostanti. Lo ha affermato il Tar Calabria, che con la sentenza 387/2019 ha spiegato i contenuti dell’articolo 8 del DM 1444/1968, che definisce le altezze massime in base alle zone territoriali omogenee.   Altezza degli edifici, il caso Il proprietario di un immobile, situato in zona B, aveva richiesto il permesso di costruire per effettuare una sopraelevazione. Il Comune, però, aveva rifiutato l’istanza sostenendo che l’altezza proposta fosse eccessiva rispetto a quella degli edifici vicini.   Secondo il proprietario, il Comune aveva considerato solo gli edifici adiacenti, mentre nelle immediate vicinanze erano presenti immobili con altezze compatibili con quella che avrebbe voluto realizzare. Sulla base di questi motivi, aveva deciso di presentare ricorso al Tar.   Sopraelevazione e altezza degli edifici circostanti L'articolo..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/09/2019 - È online la bozza delle linee di indirizzo programmatico per la formazione del nuovo Governo, che il Movimento 5 Stelle sottopone oggi al voto degli iscritti alla piattaforma Rousseau. La bozza di lavoro, datata 3 settembre 2019, riassume le linee programmatiche che il Presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, sta integrando e definendo in queste ore.   Un elenco di 26 punti che anticipano i contenuti della Legge di Bilancio per il 2020, finalizzata a realizzare una “politica economica espansiva, senza compromettere l’equilibrio di finanza pubblica, e, in particolare: neutralizzazione dell’aumento dell’IVA, sostegno alle famiglie e ai disabili, il perseguimento di politiche per l’emergenza abitativa, deburocratizzazione e semplificazione amministrativa, maggiori risorse per scuola, università, ricerca e welfare”.   Tra i contenuti di interesse per il nostro settore, troviamo misure per i professionisti,..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/09/2019 - È necessario “proseguire col decreto Sblocca Cantieri, per dare nuova linfa a un settore strategico per la crescita del Sistema Paese, ma che risulta ancora troppo vincolato da normative del passato”.   Lo ha ribadito in una nota ANIE Confindustria, la Federazione che rappresenta le imprese elettrotecniche ed elettroniche che operano in Italia, auspicando che nel cambio di governo “i diversi provvedimenti necessari per portare a regime le modifiche introdotte dal decreto Sblocca Cantieri non restino incompiuti”.   Per Anie è “fondamentale mettere mano al Regolamento esecutivo che garantisca maggiore certezza del diritto, per cui i lavori sono già entrati nel vivo lo scorso 15 luglio con l’avvio della consultazione pubblica da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) e la cui chiusura è prevista per oggi 2 settembre. La richiesta è che gli appalti e le infrastrutture,..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/09/2019 - Un professionista italiano che lavora all’estero, può tornare in Italia usufruendo del regime forfettario? Con la risposta 335/2019, l’Agenzia delle Entrate ha risposto che bisogna tenere in considerazione una serie di fattori.   Regime forfettario e professionista residente all’estero Il Fisco si è pronunciato sul caso di un professionista italiano residente all’estero, che lavorava come consulente per una società estera.   Il professionista stava valutando la possibilità di rientrare in Italia, con contestuale riacquisto della residenza e l’apertura di partita IVA per lo svolgimento dell’attività di consulente per aziende italiane e straniere.   A questo scopo, aveva chiesto se, date le sue condizioni, potesse accedere al regime forfettario.   Regime forfettario se non c’è trasformazione artificiosa del rapporto di lavoro L’Agenzia delle Entrate ha..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/09/2019 - In arrivo altri 20 milioni di euro per la realizzazione di ambienti innovativi di apprendimento in 1.006 istituti scolastici.   Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, infatti, ha firmato lo scorso 12 agosto il decreto con un nuovo finanziamento, dopo il primo stanziamento di 22 milioni dello scorso dicembre, destinato alle scuole statali di ogni ordine e grado.   Ambienti innovativi: nuove risorse per la scuola Come ha anticipato il Ministro Bussetti, “con questa misura si darà un forte impulso per diffondere nella scuola un nuovo modo di concepire l’aula, attrezzandola con arredi e dispositivi che favoriscano metodologie didattiche innovative”.   Lo stanziamento si è reso necessario in quanto il Miur aveva ricevuto numerose richieste di finanziamento che non era riuscito a soddisfare con il bando i primi 22 milioni previsti dal bando dello scorso dicembre.   In..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/09/2019 – Anche chi compra casa attraverso un contratto di permuta con l’impresa di costruzione può usufruire del sismabonus. Lo ha messo nero su bianco l’Agenzia delle Entrate con la risposta 354/2019    Con la stessa risposta, l’Agenzia ha spiegato che la cessione del credito corrispondente alla detrazione fiscale non è sempre possibile tra parenti, ma incontra una serie di paletti. SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL SISMABONUS   Sismabonus per case antisismiche in permuta Il contribuente aveva trasferito a titolo di permuta un immobile a uso abitativo, di cui era comproprietario con i propri familiari, ad un'impresa di costruzione che, dopo averlo demolito e ricostruito, avrebbe ceduto loro due nuove unità immobiliari.   Per questo, aveva chiesto se potesse usufruire del sismabonus anche nell’ipotesi di acquisizione dell’unità immobiliare da un'impresa di costruzione..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/08/2019 – Proseguono le operazioni legate al Piano di riduzione del rischio sismico degli immobili dello Stato ad opera dell’Agenzia del Demanio.   Sono state, infatti, pubblicate due gare, una in Sicilia e l’altra nel Lazio.   Audit sismico-energetico: in Sicilia bando da 5 milioni Il bando prevede l’affidamento dei servizi di verifica di vulnerabilità sismica, audit energetici, rilievi tecnici e progetti di fattibilità tecnico-economica (PFTE) degli immobili, per un importo complessivo a base d’asta pari a 5.060.113,99 euro.   Si tratta di 8 lotti che riuniscono 47 edifici, alcuni dei quali sono da considerarsi di pregio. I beni si trovano nelle province di Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani. Tra i beni di maggiore pregio si evidenziano la caserma “G. Guccione” Compagnia Carabinieri a Caltanissetta, il Palazzo delle Finanze a Catania, il Palazzo di Giustizia..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/08/2019 - In arrivo 80 milioni di euro per la progettazione delle opere prioritarie per lo sviluppo del Paese.   È stato, infatti, pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit) il DM 171/2019 che ripartisce le risorse destinate alla progettazione di fattibilità di infrastrutture e insediamenti prioritari per lo sviluppo del Paese, alla project review delle infrastrutture già finanziate ed alla predisposizione dei PUMS e dei PSM ed alla progettazione di opere portuali e piani strategici.   Fondo progettazione opere prioritarie: le risorse   Il provvedimento ripartisce le risorse tra: - 15 Autorità Portuali per un totale di 21.343.000 euro; - 14 Città Metropolitane per 20.631.000 euro; - 14 Comuni capoluogo delle Città Metropolitane per 21.343.000 euro; - 37 Comuni capoluogo di Regione o di Provincia autonoma e i Comuni con popolazione superiore a 100mila abitanti per 16.363.000 euro.   La..
Continua a leggere su Edilportale.com