Flash News: Edilizia

09/09/2020 - L’effetto scatola, ovvero la continuità materica e di colore su tutte le superfici di un ambiente è una tendenza sempre più in voga nelle ristrutturazioni. Un perfetto mimetismo dall’atmosfera essenziale ed avvolgente, che risulta esteticamente bello ma anche pratico e funzionale. Tra gli ambienti della casa, il bagno è quello in cui si opta maggiormente per questa soluzione. Una totale ed omogenea continuità delle superfici richiede tassativamente l’assenza del piatto doccia sporgente rispetto al pavimento, esso deve essere a filo pavimento, completamente personalizzabile nella forma e nella dimensione, rivestito con lo stesso materiale utilizzato per il resto del pavimento: piastrelle, mosaico, resina. Il risultato finale è molto suggestivo, ma, per un corretto funzionamento, è importante scegliere di realizzare una doccia di questa tipologia in fase di progettazione e non in corso d'opera...
Continua a leggere su Edilportale.com

09/09/2020 - Un contribuente che non riesce a completare una costruzione nei tempi previsti e che, per questo motivo, vuole vendere il terreno edificabile precedentemente acquistato in comproprietà al 50% con un altro acquirente, può chiedere la riliquidazione della propria quota delle imposte di registro e ipocatastali versate in misura agevolata?   L’Agenzia delle Entrate - con la Risposta 311 del 4 settembre 2020 - risponde di no, perché il beneficio fiscale previsto dalla normativa è condizionato proprio all’avvenuta edificazione.   Costruzione non finita, il caso sottoposto all’Agenzia Il contribuente ha spiegato che il fondo, registrato in data 31 luglio 2013, rientra nei “piani urbanistici particolareggiati” e che per l’acquisto ha usufruito delle aliquote agevolate: l’1% per l’imposta di registro, il 3% per quella ipotecaria e l’1% per quella catastale. L’Agenzia..
Continua a leggere su Edilportale.com

09/09/2020 – Fino all’entrata in vigore del ‘Decreto Requisiti minimi’, attualmente al vaglio della Corte dei conti e non ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale, i requisiti da rispettare per gli interventi di efficientamento energetico agevolabili con il Superbonus 110% sono quelli definiti dal DM 26 giugno 2015. Per individuare i requisiti ai quali attenersi, dunque, fa fede la data di inizio lavori.   Questo un aspetto chiarito da Elena Allegrini dell’Enea nel corso del quarto webinar Edilportale sul Superbonus 110%, organizzato con la collaborazione di Samsung Climate Solutions, brand di Samsung, che ha permesso di comprendere meglio il funzionamento di interventi trainanti, come gli impianti di microcogenerazione, e di interventi trainati, come fotovoltaico e colonnine.     Rivedi il video dell'evento    Superbonus 110%: il rapporto tra interventi trainanti e trainati Elena Allegrini ha spiegato chiaramente..
Continua a leggere su Edilportale.com

09/09/2020 – L’alleggerimento delle procedure di appalto sta per vedere la luce con l’approvazione definitiva del DL Semplificazioni, oggi alla Camera per il voto di fiducia.   Lo snellimento riguarda sia gli affidamenti dei servizi di ingegneria e architettura e degli incarichi di progettazione sia i lavori. Ad essere riviste sono tutte le fasi dell’appalto, dagli inviti all’aggiudicazione, fino all’esecuzione dei lavori.   Le misure resteranno in vigore fino al 31 dicembre 2021. In questo periodo, le semplificazioni dovrebbero incentivare l’avvio dei lavori e contribuire a risolvere la crisi causata dall’emergenza Coronavirus.   Ingegneria e architettura, affidamento diretto fino a 75mila euro Fino al 31 dicembre 2021, negli appalti di servizi e forniture, compresi i servizi di ingegneria e architettura e l’attività di progettazione, sarà consentito l’affidamento diretto fino a 75mila euro.   Oltre..
Continua a leggere su Edilportale.com

09/09/2020 – Per ottenere il bonus facciate non contano i materiali utilizzati durante l’intervento, ma solo il tipo di lavoro effettuato sull’edificio. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risposta 319/2020.   Bonus facciate, il dubbio sui materiali utilizzati Ad interpellare l’Agenzia delle Entrate è stata un’impresa operante nel settore della produzione di materiali e sistemi di decorazione per interni ed esterni. L’impresa ha chiesto se un nuovo sistema di rivestimento per pareti in esterno e facciate, da poco immesso sul mercato, potesse beneficiare del bonus facciate. A detta dell’impresa, il prodotto, destinato al recupero e al restauro delle facciate, poteva ottenere l’agevolazione.   Bonus facciate: conta l’intervento, non il materiale utilizzato L’Agenzia delle Entrate ha spiegato che è possibile fruire della detrazione: - per gli interventi di sola pulitura o..
Continua a leggere su Edilportale.com

08/09/2020 – Gli interventi di adeguamento degli impianti sportivi potranno essere realizzati in deroga alle norme del Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.lgs. 42/2004). La novità, contenuta nel Decreto Semplificazioni, promette l’efficientamento degli stadi senza consumo di suolo, ma suscita l’allarme degli Architetti, che parlano di “pericoloso precedente”.   DL Semplificazioni e adeguamento degli stadi La norma approvata dal Senato, che deve ora essere confermata alla Camera, prevede che, per prevenire il consumo di suolo, rendere più efficienti gli impianti sportivi destinati ad accogliere competizioni agonistiche di livello professionistico e garantirne l’adeguamento agli standard internazionali di sicurezza, gli interventi possano essere realizzati in deroga agli articoli 10, 12, 13, 136 e 140 del D.lgs. 42/2004, che regolano la definizione di beni culturali, la verifica e dichiarazione dell’interesse culturale..
Continua a leggere su Edilportale.com

08/09/2020 – In caso di unità immobiliari locate, il conduttore può effettuare gli interventi anche se il proprietario intende fruire del Superbonus su altre due unità immobiliari?   A chiarirlo l’Agenzia delle Entrate nelle nuove FAQ pubblicate sul sito in cui spiega che le stesse disposizioni si applicano anche per le case date in comodato.      Casa in affitto: fruisce del superbonus 110%? Le Entrate ricordano che il superbonus spetta ai contribuenti persone fisiche relativamente alle spese sostenute per interventi realizzati su massimo due unità immobiliari, a prescindere dal titolo di possesso delle stesse.   Nell’ipotesi prospettata, pertanto, una persona fisica che detiene l’unità immobiliare in base ad un contratto di locazione, anche finanziaria, o di comodato, regolarmente registrato, può fruire del Superbonus, nel rispetto di ogni altro requisito richiesto dalle..
Continua a leggere su Edilportale.com

08/09/2020 – La realizzazione di un prefabbricato in zona agricola potrebbe essere considerato come intervento di nuova costruzione e richiedere il rilascio del permesso di costruire. Lo ha spiegato il Tar Lazio con la sentenza 9127/2020.   Prefabbricato precario su suolo agricolo, il caso Nel caso esaminato, un soggetto, dopo aver subito uno sfratto, aveva installato un prefabbricato su un terreno agricolo di sua proprietà, ma il Comune gli aveva intimato la demolizione e il ripristino dello stato dei luoghi. Secondo il responsabile dell’intervento, si trattava di un manufatto di natura precaria per sopperire ad una esigenza abitativa temporanea, in attesa di un alloggio di edilizia popolare, realizzato in un’area priva di vincoli e circondata da numerose costruzioni abusive, che il Comune stava regolarizzando con il rilascio di permessi in sanatoria.   Il Comune, al contrario, aveva sospeso i lavori e intimato la demolizione, sottolineando che..
Continua a leggere su Edilportale.com

08/09/2020 – La normativa sul superbonus 110% potrebbe lasciare a bocca asciutta alcuni condomìni; la fruizione del beneficio, infatti, risulta essere complicata, se non addirittura impossibile, per alcune tipologie; tra i casi più spinosi ci sono i condomìni con un unico proprietario e quelli in cui le singole unità immobiliari sono dotate di impianto di riscaldamento autonomo.   Edifici plurifamiliari con unico proprietario: accedono al Superbonus? Come ha ribadito anche l’Agenzia delle Entrate nelle ultime FAQ, non è possibile beneficiare del Superbonus, né per gli interventi trainanti nè per quelli trainati, in edifici plurifamiliari con un unico proprietario.   L'istante, infatti, aveva chiesto se un intero edificio composto da più unità immobiliari, autonomamente accatastate, e posseduto da un contribuente, comproprietario con il coniuge e i propri figli minori, potesse accedervi. ..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/09/2020 - Tra le soluzioni per l’illuminazione degli ambienti della propria casa, quella con faretti da incasso è una tendenza sempre più diffusa. Discreti, pratici e funzionali, i faretti consentono di creare ambientazioni luminose per ogni gusto. Sono idonei a qualsiasi ambiente, come gli ampi open space o spazi ristretti come ingressi e disimpegni. I faretti da incasso, vengono incassati nel controsoffitto e spesso vengono abbinati alle cornici in gesso decorative e/o per l’illuminazione. I faretti da incasso sono realizzati in varie dimensioni e tipologie, grandi, medi e piccoli, quadrati, rettangolari o rotondi, possono essere realizzati in gesso, metallo e acciaio e possono avere una lampadina inclusa oppure un LED integrato. I faretti in metallo o acciaio hanno la ghiera, un elemento di protezione del faretto, essa è visibile e può essere in acciaio/metallo cromato, satinato, lucido o in svariati colori. Ma, la ricerca..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/09/2020 - 07/09/2020 - Claudia Pasquero e Marco Poletto – Co-fondatori di ecoLogicStudio, Will Meyer e Gray Davis – a capo dell’omonimo studio di progettazione con sede a New York – insieme a Ed Ng – Co-Founder dello studio con sede ad Honk Kong AB Concept – sono i protagonisti del settimo incontro con i giurati della nuova edizione degli Archiproducts Design Awards. La call for entries del Premio sta per volgere al termine. Le aziende hanno tempo fino al 14 settembre per candidare i propri prodotti e cogliere l’opportunità di rientrare tra i vincitori. In attesa di scoprire quali saranno i vincitori degli ADA 2020, i giudici della nuova edizione – oltre 60 nomi tra i più influenti a livello globale tra Studi di Architettura, Designer, Direttori Creativi, Editor e Fotografi – stanno condividendo con la redazione di Archiproducts il proprio personale punto di vista sulla cultura del progetto e..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/09/2020 - Il superbonus 110% è applicabile anche alla installazione di impianti fotovoltaici, impianti di microcogenerazione e colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici. Quali procedure seguire per agganciare questi lavori al superbonus 110%, come scegliere l’impianto più indicato per l’utenza domestica e cosa valutare in fase progettuale? Il webinar, organizzato da Edilportale con la collaborazione di Samsung Climate Solutions, brand di Samsung, dal titolo “Il superbonus 110% per fotovoltaico, microcogenerazione e colonnine per auto elettriche” risponderà a queste e ad altre domande e offrirà spunti interessanti sulla questione.   ISCRIVITI AL WEBINAR   Interverranno: Elena Allegrini - Ingegnere Dipartimento Unità Efficienza Energetica di ENEA Dario Di Santo - Direttore F.I.R.E. Stefano Colantoni - Consigliere Consiglio Nazionale Periti Industriali   Modera Alessandra Marra, redazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/09/2020 - Alleggerimento delle procedure per l’autorizzazione dei lavori in zona sismica, permesso di costruire in deroga agli strumenti urbanistici, realizzazione di strutture scolastiche e sanitarie con Scia, introduzione dello stato legittimo degli immobili, verifica della progettazione e spostamento delle competenze per la demolizione degli abusi edilizi in capo ai Prefetti.   Sono le norme, contenute nel Decreto Semplificazioni, approvato dal Senato, destinate ad avere un impatto notevole sul settore edile.   Autorizzazione antisismica con silenzio assenso Prima di iniziare i lavori non sarà più obbligatorio acquisire l'autorizzazione scritta del competente ufficio tecnico della Regione. Nel caso in cui l'autorizzazione non venga rilasciata entro 30 giorni (non più 60) dalla richiesta, ove il dirigente o il responsabile dell'ufficio non abbia opposto motivato diniego, sulla domanda di autorizzazione si formerà..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/09/2020 – Strada sbarrata per il doppio lavoro di docenti e ricercatori universitari. Dopo l’approvazione dell’emendamento al Decreto Semplificazioni, che avrebbe consentito a docenti e ricercatori universitari a tempo pieno di acquisire liberamente incarichi da privati ed enti pubblici, la disposizione è stata stralciata dal testo approvato in Senato.   Doppio lavoro docenti universitari, la bocciatura della Ragioneria Sulla decisione di stralciare la norma dal Decreto Semplificazioni ha pesato la bocciatura della ragioneria Generale dello Stato. La Ragioneria ha sottolineato che la disposizione avrebbe incentivato il ripristino del rapporto di lavoro a tempo pieno per tutti coloro che in precedenza avevano scelto il tempo definito proprio per conciliare l’attività lavorativa con quella extraistituzionale.   Secondo la Ragioneria, la norma avrebbe causato maggiori costi a carico delle Università, e quindi della finanza pubblica,..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/09/2020 – Gli interventi di demolizione e ricostruzione diventeranno più semplici per consentire la rigenerazione urbana. Ma questa semplificazione non si applicherà alle zone A. Lo prevede il Decreto Semplificazioni, approvato venerdì in Senato con voto di fiducia. Il testo deve affrontare un altro passaggio alla Camera e, dati i tempi stretti per la conversione definitiva, non sembra che ci siano margini di modifica.   Demolizione e ricostruzione con premio volumetrico e stessa distanza Il ddl Semplificazioni modifica l’articolo 2-bis, comma 1-ter, del Testo Unico dell’edilizia  (DPR 380/2001) stabilendo che, nelle aree in cui non è consentita la modifica dell’area di sedime per il rispetto delle distanze minime tra gli edifici e dai confini, gli interventi di demolizione e ricostruzione possono essere realizzati nei limiti delle distanze legittimamente preesistenti. Gli ampliamenti..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/09/2020 – Il superbonus 110% spetta a chi intende posare il cappotto termico all’interno delle singole unità abitative di un condominio?   L’Agenzia delle Entrate ha tentato di chiarire la questione nelle ultime FAQ pubblicate sul proprio sito.    Superbonus 110%: l’isolamento nella singola unità L’Agenzia ha risposto ricordando che il Superbonus spetta solo se l’intervento di isolamento termico coinvolge almeno il 25% della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio e comporti il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’intero edificio.   Quindi, la singola unità (prescindendo da eventuali approvazioni assembleari necessarie) dovrebbe effettuare un intervento che soddisfi entrambi i requisiti. Nel caso in cui ciò avvenga, potrà accedere al superbonus 110% indipendentemente dalle decisioni del resto del condominio.   Superbonus..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/09/2020 - I Co-fondatori di ecoLogicStudio Claudia Pasquero e Marco Poletto, insieme a Will Meyer e Gray Davis – a capo dell’omonimo studio di progettazione con sede a New York – e a Ed Ng, Co-Founder dello studio con sede ad Honk Kong AB Concept, sono i protagonisti del settimo incontro con i giurati della nuova edizione degli Archiproducts Design Awards. La call for entries del Premio sta per volgere al termine. Le aziende hanno tempo fino al 21 settembreper candidare i propri prodotti e cogliere l’opportunità di rientrare tra i vincitori. In attesa di scoprire quali saranno i vincitori degli ADA 2020, i giudici della nuova edizione – oltre 60 nomitra i più influenti a livello globale tra Studi di Architettura, Designer, Direttori Creativi, Editor e Fotografi – stanno condividendo con la redazione di Archiproductsil proprio personale punto di vista sulla cultura del progetto..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/09/2020 – Esistono soluzioni alternative, meno impegnative e più rapide per dare un nuovo look al bagno o alla cucina senza doverli rifare totalmente? La risposta è sì, sempre se le condizioni del rivestimento preesistente lo permettano. Come per ogni intervento sull'esistente, è richiesta un'integrità e compattezza del supporto: se le piastrelle non presentano fenomeni di distacco, non sono danneggiate e non vi è formazione di muffe ed efflorescenze, ma sono soltanto obsolete e completamente fuori moda, allora si può adottare una delle soluzioni di seguito elencate per ridare un tocco di novità e modernità all'ambiente; in caso contrario sarà necessario un intervento di ripristino del supporto.  Foto: rivestimento con pittura epossidica ©San Marco Rinnovare il bagno o la cucina, pitturare le piastrelle Esistono in commercio prodotti per verniciare le piastrelle la cui applicazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/09/2020 – La Commissione Europea ha stabilito che da marzo 2021 si useranno nuove etichette energetiche (con l’indicazione delle classi dalla A alla G) per indicare il livello di consumi degli elettrodomestici.   Per lavastoviglie, lavatrici, frigoriferi e display elettronici si partirà 1° marzo 2021 e per le lampade dal 1° settembre 2021. Le vecchie etichette verranno sostituite dopo un breve periodo di transizione di 2 settimane.   Efficienza energetica elettrodomestici: torna la scala A-G Il regolamento quadro sull'etichettatura energetica dell'UE è stato aggiornato e adottato tre anni fa (Regolamento (UE) 2017/1369) e reintrodurrà una classificazione più semplice, che utilizza solo le lettere dalla A alla G (saranno quindi eliminate le A+++).   L’aggiornamento porterà anche a una migliore differenziazione tra i prodotti che, sotto l'attuale classificazione dell'etichetta, appaiono..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/09/2020 – “Una testa un lavoro”. È la richiesta avanzata da Fondazione Inarcassa alla Ministra per la Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone, per valorizzare i tecnici dipendenti pubblici ed i liberi professionisti senza il rischio di sovrapposizione degli incarichi.   Fondazione Inarcassa chiede, in sostanza, che la crisi di lavoro per i liberi professionisti non sia aggravata dalla possibilità del doppio lavoro per i dipendenti pubblici.   Fondazione Inarcassa, no al doppio lavoro Il presidente di Fondazione Inarcassa, Eugenio Comodo, e la Ministra Dadone durante un incontro hanno avviato il confronto sul tema del doppio lavoro. L’obiettivo, riportato da Comodo, è valorizzare le competenze e i ruoli dei dipendenti pubblici, ma allo stesso tempo tutelare chi svolge esclusivamente la libera professione.   Si tratta, secondo Comodo, di un confronto urgente data la contrazione del mercato dei servizi di ingegneria..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/09/2020 – È possibile avvalersi del bonus facciate per i lavori realizzati sulla facciata interna dell'edificio se è solo parzialmente visibile dalla strada?   A chiarire la questione ci ha pensato l’Agenzia delle Entrate nella Risposta 296/2020 fornita ad un cittadino che chiedeva se per i lavori di lavori di rifacimento delle facciate del fabbricato, alcune delle quali sono visibili dalla strada e altre no, i condomini possano beneficiare del bonus facciate, su tutti i lavori di rifacimento delle facciate effettuati sullo stabile condominiale.   Bonus facciate: se ne fruisce se la parte è parzialmente visibile da strada L’Agenzia ha ricordato che sono ammessi al bonus facciate gli interventi sull'involucro “esterno visibile dell'edificio, vale a dire sia sulla parte anteriore, frontale e principale dell'edificio, sia sugli altri lati dello stabile (intero perimetro esterno)” e, in particolare,..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/09/2020 - Il superbonus 110% sui lavori di riqualificazione energetica e sismica diventerà strutturale. Lo ha annunciato il Ministro dello sviluppo economico, Stefano Patuanelli, in un’intervista a La Stampa.   La misura, secondo la normativa vigente, scadrà il 31 dicembre 2021 ma, nelle scorse settimane, molti dei soggetti interessati - committenti, progettisti, imprese - avevano segnalato l’esiguità dell’orizzonte temporale e chiesto un allungamento dei termini.   La proroga sarà ‘finanziata in parte con il Recovery Fund europeo” - ha aggiunto il Ministro. I primi fondi potrebbero arrivare già entro quest’anno. Invece, entro la primavera del 2021 “potremo avere il 10% dei progetti finanziati. Il resto nella seconda parte dell'anno o nel 2022”. Secondo Patuanelli i fondi del Mes non sono “lo strumento più adatto per noi. Vedremo come evolverà la situazione”.   Il..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/09/2020 – I pavimenti continui sono rivestimenti senza fughe e senza interruzioni; nel caso di ambienti esterni sono ideali le tipologie che garantiscono un’elevata resistenza.   Nella scelta di una pavimentazione continua per esterni bisogna, infatti, valutare la resistenza meccanica ai carichi, nel caso di traffico pedonabile e veicolare, la resistenza ai cicli gelo/disgelo e la resistenza ai raggi solari, l’azione anti-sdrucciolo, il drenaggio dell’acqua piovana, oltre all’aspetto estetico.   È importante anche considerare il contesto nel quale la pavimentazione verrà posata, ovvero se si tratta di aree urbane, come piazze e marciapiedi, aree commerciali o aree residenziali.   Pavimenti continui per esterni Tra le soluzioni in calcestruzzo per pavimentazioni prive di giunti c’è BETONPAV EXPAN di Betonrossi, una tipologia ad alte prestazioni e ad espansione controllata e compensazione del ritiro,..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/09/2020 – In arrivo 85 milioni di euro per supportare la progettazione definitiva ed esecutiva nei Comuni nel 2020.   Le risorse, ripartite tra i Comuni con il DM 31 agosto 2020, costituiscono la prima annualità dello stanziamento complessivo da 2,8 miliardi di euro, previsto dalla Legge di Bilancio per il 2020.   Progettazione nei Comuni: 2,8 miliardi fino al 2034 Ricordiamo che, per sostenere l’attività di progettazione nei Comuni, la Legge di Bilancio per il 2020 ha stanziato 85 milioni di euro per l’anno 2020, 128 milioni di euro per l’anno 2021, 170 milioni di euro per l’anno 2022 e 200 milioni di euro annui per ciascuno degli anni dal 2023 al 2034.    Le risorse coprono i costi della progettazione definitiva ed esecutiva relativa ad interventi di messa in sicurezza del territorio dal rischio idrogeologico, messa in sicurezza ed efficientamento energetico di scuole ed edifici pubblici, messa in sicurezza..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/09/2020 – Il confronto sul Decreto Semplificazioni si chiude con una stretta sulla rigenerazione urbana nei centri storici.   Al termine della votazione sugli emendamenti al ddl di conversione, è stata confermata la visione più restrittiva, già contenuta nel decreto legge, che impone vincoli a prescindere dal valore storico-artistico dell’edificio.   Demolizione e ricostruzione, i limiti nelle zone A È stato approvato, e confluirà nel testo definitivo del disegno di legge, l’emendamento proposto dalla senatrice Leu, Loredana De Petris. Il testo prevede dei limiti alla rigenerazione urbana nelle zone omogenee A, individuate dal DM 1444/1968, o a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai piani urbanistici comunali, nei centri e nei nuclei storici consolidati e negli ulteriori ambiti di particolare pregio storico e architettonico. In queste zone, gli interventi di demolizione e ricostruzione saranno consentiti..
Continua a leggere su Edilportale.com