Flash News: Edilizia

07/11/2019 – Gli edifici devono essere progettati in modo tale da rispondere a precisi requisiti di sicurezza antincendio. Negli ultimi mesi la sicurezza antincendio è stata oggetto di un percorso di aggiornamento sulla base dei più aggiornati standard internazionali.   Tra le norme che introducono delle novità in tal senso troviamo: il DM 18 ottobre 2019 che sostituisce integralmente alcune sezioni dell’allegato 1 al Codice di Prevenzione Incendi (DM 3 agosto 2015) e il DM 12 aprile 2019 che ha introdotto modifiche alle attività prive di una regola tecnica verticale, eliminando per alcune di esse il cosiddetto “doppio binario” per la progettazione antincendio.     Ai progettisti, quindi, si richiede una sempre più profonda preparazione, non solo sulle normative che disciplinano la materia, ma anche sui meccanismi di funzionamento dei sistemi per la protezione dal fuoco e sulla loro realizzazione...
Continua a leggere su Edilportale.com

07/11/2019 - Contributi fino al 30% in conto capitale ai proprietari di abitazione principale nei comuni in zona sismica 1 per la realizzazione di interventi di adeguamento sismico, compresa la demolizione e ricostruzione dell’edificio.   Li concede, con un bando pubblicato sul Bollettino n. 84 del 17 ottobre scorso, la Regione Lazio, prima regione in Italia a intervenire a fondo perduto nella prevenzione sismica in favore dei privati. Sono ammissibili le spese per progettazione, rilievi, direzione dei lavori, sicurezza, collaudi, studi, indagini ed esecuzione delle opere strutturali.   Gli eventuali costi per le opere di impiantistica o di finitura sono ammissibili esclusivamente se dette opere sono strettamente connesse alle opere strutturali e da esse inscindibili sotto il profilo tecnico e contabile. “Con questo bando prosegue l’attuazione della cosiddetta ‘Legge Pirozzi’, votata all’unanimità lo scorso anno da tutto il Consiglio..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/11/2019 – Le lauree in Ingegneria registrano un aumento degli immatricolati quasi per tutti i settori, compreso quello civile ed ambientale. La perdita di immatricolati riguarda solo i corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura, scesi per la prima volta sotto la soglia dei 2 mila immatricolati.   È quanto emerge dall’indagine effettuata dal Centro studi del Consiglio Nazionale Ingegneri che ha elaborato i dati forniti dall’Ufficio statistica del MIUR.   Ingegneria edile-architettura: unica con dati negativi Mentre tutte le classi di laurea “tipiche” fanno registrare un aumento degli immatricolati, i corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Architettura ed ingegneria edile- architettura registrano dati negativi e proseguono nella loro fase discendente in atto da diversi anni.   Il numero di immatricolati si è dimezzato in meno di 10 anni, passando dai 3.830 immatricolati del 2010/2011..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/11/2019 – Aggiornamento dei bandi tipo in base alle novità introdotte nel Codice Appalti dal decreto “Sblocca Cantieri”. Lo ha disposto l’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), che in un comunicato ha spiegato quali elementi dei bandi tipo continuano ad applicarsi e quali devono invece essere sostituiti.   L’Anac, nella redazione del suo comunicato, ha preso come riferimento il bando tipo n.1, relativo all’affidamento di servizi e forniture sopra soglia comunitaria, ma ha chiarito che le stesse considerazioni valgono per i bandi tipo n.2 e n.3. Quest’ultimo riguarda l’affidamento dei servizi di architettura e ingegneria di importo pari o superiore a 100mila euro.   Bandi tipo, le clausole da valutare in base allo Sblocca Cantieri Dovranno essere disapplicate dai bandi tipo le clausole previste dal paragrafo 9, che fanno riferimento alla soglia del subappalto, che lo Sblocca Cantieri ha elevato dal 30% al..
Continua a leggere su Edilportale.com

07/11/2019 – Si può usufruire del sismabonus solo se il procedimento per l’autorizzazione degli interventi è iniziato dopo il 1° gennaio 2017. Lo ha spiegato l’Agenzia delle Entrate con l’interpello 467/2019.   Nel caso in cui il procedimento di autorizzazione sia iniziato prima, si può accedere alla detrazione del 50%. I lavori di miglioramento e adeguamento antisismico rientrano infatti nel range di applicazione del Bonus Ristrutturazioni. Solo a partire dal 2017, per incentivare la messa in sicurezza del patrimonio edilizio, è stato riconosciuto a questi interventi un bonus maggiore.   Risanamento conservativo e miglioramento antisismico, il caso Il caso preso in esame dall’Agenzia delle Entrate riguarda il risanamento conservativo di un condominio minimo. Per l’intervento, ad aprile 2016 era stato richiesto il permesso di costruire, poi ottenuto ad agosto dello stesso anno.   Dopo l’introduzione..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/11/2019 - Svelati i nomi dei Winner della quarta edizione degli Archiproducts Design Awards! Dall'arredo all’illuminazione, dal decor all’edilizia, sono 100 i prodotti che conquistano il podio presentando ancora una volta lo status quo dello scenario creativo internazionale.   La giuria – composta quest’anno da 60 studi internazionali di architettura, agenzie di comunicazione, giornalisti e fotografi di architettura – ha valutato oltre 700 prodotti candidati da 400 brand in tutto il mondo, premiando le migliori sperimentazioni materiche, le soluzioni che si sono distinte per originalità e potere emozionale, nonché la capacità di anticipare scenari d’uso e concept nel residenziale e nel contract. Gli ADA tornano quindi ad offrire una visione aggiornata delle tendenze del design internazionale, con uno sguardo attento agli incontri che consentono la nascita di nuovi ed interessanti..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/11/2019 – Ci deve essere un’equa divisione di responsabilità tra liberi professionisti e pubblica amministrazione (PA) nella certificazione della conformità edilizia e urbanistica per il completamento dei lavori di ricostruzione privata nelle regioni colpite dal sisma del 2016 (Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo).   Ad affermarlo la Fondazione architetti e ingegneri liberi professionisti iscritti ad Inarcassa nel corso dell’audizione in Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera nell’ambito dell’esame per la conversione in legge del Decreto Sisma.   DL sisma e ricostruzione privata: troppe responsabilità per i tecnici? Fondazione Inarcassa, pur riconoscendo lo sforzo dell’esecutivo per il provvedimento, chiede che alcuni articoli siano rivisti al fine di garantire un’esecuzione dei lavori più rapida e un effettivo bilanciamento di responsabilità tra PA e liberi professionisti.   In..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/11/2019 – DOCET, il software semplificato per la certificazione degli edifici residenziali esistenti destinato a tecnici e operatori del settore edilizio, è stato aggiornato in modo tale da trasmettere gli APE ai sistemi informativi predisposti dalle Regioni attraverso il file di interscambio *.xml.   L’ENEA, infatti, in collaborazione con l’Istituto per le Tecnologie della Costruzione del CNR, ha reso disponibile una nuova versione del software DOCET v.3.7 (release v.3.19.10.51).   Certificazione energetica con Docet: le novità L’Enea ha sottolineato le novità del releaseDOCET v.3.7: la trasmissione degli APE ai sistemi informativi predisposti dalle Regioni avverrà grazie ad un file di interscambio nella versione estesa, generato automaticamente dal software, che consente anche il trasferimento degli APE dai sistemi regionali al Sistema Informativo sugli Attestati di Prestazione Energetica a livello nazionale..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/11/2019 – Per smaltire le istanze di condono edilizio giacenti, i Comuni della Sicilia potranno affidare le pratiche ai liberi professionisti. Lo prevede la delibera 383/2019 della Regione Siciliana.   Condono edilizio, i numeri della Sicilia Come emerge dal testo della delibera, al 2016 risultano 365mila domande di condono edilizio ancora da definire.   In tutto, spiega la Regione, sono state presentate circa 769mila pratiche di sanatoria. Di queste, 207mila sono relative alla Legge "Nicolazzi" (L.47/1985), recepita dalla LR 37/1985. Altre 93mila istanze sono state presentate in base alla Legge 724/1994. Le ultime 64mila domande sono state depositate ai sensi della Legge 326/2003.   Risultano concluse 403mila pratiche, per le quali è stato emanato un provvedimento definitivo.   Condono edilizio, la Regione vuole chiudere entro il 2022 Per una celere definizione delle pratiche di sanatoria edilizia ancora pendenti, che la Regione..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/11/2019 – Il bonus facciate potrebbe pregiudicare le politiche per la sostenibilità ambientale e la riqualificazione energetica. È l’allarme lanciato dall’Associazione Nazionale per l'Isolamento Termico e acustico (ANIT) su uno dei contenuti del disegno di legge di Bilancio per il 2020.   Bonus Facciate, si rischia il blocco del mercato edilizio Come sottolineato da ANIT, dietro l’introduzione del bonus facciate c’è la volontà del Governo di sostenere un settore in crisi come l’edilizia. Si tratta, secondo ANIT, di un’intenzione positiva. “Tuttavia – ha aggiunto l’associazione - non crediamo in un provvedimento fine a sè stesso, ma riteniamo che sia indispensabile una strategia a lungo termine mirata al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale, economica e sociale”.   “Vogliamo sottolineare – scrive ANIT in un comunicato - quanto..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/11/2019 - Opere per la riqualificazione energetica e la messa in sicurezza degli edifici pubblici, scuole in primis, manutenzione della rete viaria, interventi contro il dissesto idrogeologico e per la rigenerazione urbana. Per queste iniziative, i Comuni, le Province e le Città Metropolitane potranno richiedere finanziamenti. Con la Legge di Bilancio 2020, che sta per iniziare il suo iter in Senato, saranno infatti istituiti una serie di fondi con un orizzonte temporale di circa quindici anni.   Ma non è tutto, perché per consentire la realizzazione degli interventi, gli enti più piccoli, privi del personale tecnico necessario, riceveranno dei contributi per la progettazione definitiva ed esecutiva delle opere.   Sviluppo sostenibile e infrastrutturale: 4 miliardi di euro Presso il Ministero dell’Interno sarà istituito un fondo con una dotazione di 400 milioni di euro all’anno per ciascuno degli anni dal 2025 al 2034...
Continua a leggere su Edilportale.com

05/11/2019 – Prosegue il percorso di aggiornamento delle disposizioni tecniche in materia di prevenzione incendi sulla base dei più aggiornati standard internazionali. È stato, infatti, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale il DM 18 ottobre 2019 che sostituisce integralmente alcune sezioni dell’allegato 1 al Codice di Prevenzione Incendi (DM 3 agosto 2015).   Questa modifica del Codice di prevenzione incendi, che revisiona completamente la Regola Tecnica Orizzontale (RTO), è entrata in vigore il 1° novembre scorso.   Prevenzione incendi: ecco le nuove modifiche Il decreto introduce novità relative a termini, definizioni e simboli grafici; inoltre, sono stati modificate alcune procedure relative a distanze e dislivelli, compartimenti ed vie di esodo.   Anche la strategia generale di prevenzione incendi è stata modificata, ponendo l’attenzione sulle soluzioni progettuali, sulla resistenza al fuoco e sulla gestione..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/11/2019 – È iniziato il confronto tra Ministero dello Sviluppo Economico e associazioni imprenditoriali per la modifica della norma che consente lo sconto immediato in fattura al posto dell’ecobonus.   Sconto al posto dell’ecobonus, il confronto Giovedì scorso, durante la prima riunione, il Capo della Segreteria tecnica del Ministro, Daniel De Vito, ha esordito affermando che la misura dello sconto in fattura non è stata adeguatamente ponderata. Pur partendo da un’idea positiva, non sono state considerate infatti tutte le possibili ricadute sul mondo delle PMI. “Se questa riunione fosse stata fatta un anno fa - ha continuato - avremmo evitato problemi”.   Sconto immediato in fattura alternativo all’ecobonus, le richieste All’incontro sono intervenute le associazioni Anfit, Assites, Casartigiani, CNA, Confcommercio, Confartigianato, FederlegnoArredo, Finco e Unicmi, che hanno chiesto..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/11/2019 – Per cinque anni i Comuni riceveranno 500 milioni di euro all’anno per interventi di efficientamento energetico e sviluppo sostenibile. Si tratta della “norma Fraccaro”, in scadenza a fine 2019, che per effetto del ddl di Bilancio 2020 sarà prorogata fino al 2024.   Ad annunciarlo è stato nei giorni scorsi proprio il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Riccardo Fraccaro, che dalla sua pagina Facebook aveva parlato di stabilizzazione della misura.   Efficienza energetica: ai Comuni 2,5 miliardi di euro Per ciascuno degli anni dal 2020 al 2024 saranno assegnati ai Comuni 500 milioni di euro all’anno come contributi per investimenti in materia di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile.   Si tratta di opere pubbliche per l’efficientamento dell’illuminazione pubblica, il risparmio energetico degli edifici pubblici, compresi quelli di edilizia residenziale,..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/11/2019 – Circa 3 miliardi di euro a sostegno della progettazione definitiva ed esecutiva nei Comuni. Lo prevede il disegno di legge di Bilancio per il 2020, che sta per iniziare il suo iter parlamentare in Senato.   Fondo progettazione per i Comuni, 3 miliardi fino al 2034 I Comuni potranno richiedere contributi nel limite di 85 milioni di euro per l’anno 2020, di 128 milioni di euro nell’anno 2021, di 170 milioni di euro per l’anno 2022 e di 200 milioni di euro annui per ciascuno degli anni dal 2023 al 2034.   Le risorse copriranno i costi della progettazione relativa ad interventi di messa in sicurezza del territorio dal rischio idrogeologico, messa in sicurezza ed efficientamento energetico di scuole ed edifici pubblici, messa in sicurezza di strade.   Fondo progettazione per i Comuni, come ottenere le risorse Le richieste dovranno essere inviate al Ministero dell’Interno entro il 15 gennaio, complete delle informazioni sul livello..
Continua a leggere su Edilportale.com

31/10/2019 – Dall’avvio del Conto Termico ad oggi, sono pervenute circa 251 mila richieste di incentivi, alle quali corrisponde un ammontare di incentivi impegnati di 690 milioni, di cui 179 milioni per interventi realizzati dalla pubblica amministrazione e 511 milioni per interventi realizzati da privati.   Il GSE ha aggiornato sulla sua homepage il contatore del Conto Termico (disciplinato dal DM 28 dicembre 2012 e dal DM 16 febbraio 2016) che consente di monitorare l'andamento degli incentivi impegnati attraverso questo meccanismo che supporta la realizzazione di interventi di efficienza energetica e impianti termici alimentati a fonti rinnovabili presso privati e pubbliche amministrazioni.   SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL CONTO TERMICO   Conto termico: i dati rilevati L'impegno di spesa per il 2019 del Conto Termico ammonta complessivamente a 262 milioni, con un incremento di 23 milioni rispetto al mese precedente..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/11/2019 – Il Consiglio Regionale della Campania ha approvato lo scorso 28 ottobre la legge sulla Qualità dell'Architettura.   La legge, fortemente voluta dal Presidente della Giunta Regionale Vincenzo De Luca e dall'Assessore all'Urbanistica e Governo del Territorio Bruno Discepolo, è stata elaborata anche grazie alla partecipazione di rappresentanti regionali degli Ordini professionali degli architetti e degli ingegneri, dell'ANIAI, dell'IN-ARCH, dei dipartimenti di architettura della Federico II e dell'Università della Campania e del DO.CO.MO.MO..   Qualità dell’architettura: la legge delle Campania I principi ispiratori della Legge trovano ragione nel convincimento che l’architettura è una delle espressioni principali della cultura di ogni tempo e, pertanto, la qualità architettonica, l’inserimento nel paesaggio di nuovi interventi secondo criteri di tutela e valorizzazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/11/2019 – Le soglie europee degli appalti pubblici si abbasseranno a partire dal 1° gennaio 2020. Lo prevedono i regolamenti 1828 e 1829 dell’Unione Europea. Le norme saranno immediatamente applicabili negli Stati membri e non richiederanno disposizioni per il loro recepimento negli ordinamenti interni.   Appalti, le nuove soglie europee Per gli appalti di servizi e forniture, in cui rientrano le gare per l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura, banditi dalle autorità governative centrali, la soglia europea scende da 144mila euro a 139mila euro.   La soglia passa da 221mila euro a 214mila euro per gli appalti di servizi e forniture aggiudicati da amministrazioni che non sono autorità governative centrali. Si tratta della maggior parte dei casi in cui ricadono le gare di progettazione.   Per l’affidamento degli appalti di lavori, la soglia europea si abbassa da 5.548.000 euro a 5.350.000 euro...
Continua a leggere su Edilportale.com

04/11/2019 – Se i lavori di ristrutturazione dell’immobile vengono pagati ricorrendo ad un finanziamento è possibile usufruire del bonus ristrutturazione?   L’Agenzia delle Entrate risponde alla domanda tramite la posta di FiscoOggi.   Bonus ristrutturazione in caso di finanziamento L’Agenzia chiarisce che è possibile richiedere l’agevolazione anche quando i lavori sono stati pagati da una società finanziaria.   In questi casi, però, è necessario che la società che concede il finanziamento paghi l’impresa che ha eseguito i lavori con bonifico bancario o postale da cui risultino tutti i dati richiesti (causale del versamento con indicazione degli estremi della norma agevolativa, codice fiscale del soggetto per conto del quale è eseguito il pagamento, numero di partita Iva del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato).   Inoltre, è necessario che il..
Continua a leggere su Edilportale.com

Ora, a oltre 14 mesi di distanza dal crollo del ponte Morandi, si è definitivamente capito che avevamo scherzato: la ministra Paola De Micheli ha firmato un decreto che non pone alcun vero limite di tempo per realizzare il «monitoraggio» straordinario «dello stato di conservazione e manutenzione delle opere viarie e dighe»
La formulazione della legge di Bilancio apre spazi per portare in detrazione verniciatura, rifacimento di ringhiere e balconi ma anche lavori su impianti

31/10/2019 – Quando si avvia un nuovo cantiere è necessario perimetrare l'area con recinzioni temporanee. Inoltre, è necessario predisporre box prefabbricati per uffici e postazioni monoblocco per i servizi.   Secondo il DLgs 81/2008 “il cantiere, in relazione al tipo di lavori effettuati, deve essere dotato di recinzione avente caratteristiche idonee atte ad impedire l’accesso agli estranei alle lavorazioni”. I Regolamenti Edilizi comunali possono prevedere norme aggiuntive.   Recinzioni temporanee e mobili per il cantiere In linea generale, tutte le recinzioni, sia perimetrali che interne, devono essere ben visibili e chiaramente individuate nel progetto dedicato alla sicurezza. Inoltre, è necessario redigere un documento che descriva in dettaglio le caratteristiche del sistema di recinzione (ad esempio dimensioni; grado di introspezione; materiali; tipologia di basamento; sistemi di connessione ecc.).   Tra..
Continua a leggere su Edilportale.com

31/10/2019 – 853 milioni euro fino al 2033 per incrementare il patrimonio destinato all’edilizia residenziale sociale, rigenerare il tessuto socio-economico e incrementare l’accessibilità e la sicurezza degli spazi pubblici.   A prevederlo la bozza della Legge di Bilancio 2020 che istituisce, negli anni dal 2020 al 2033, il “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare”.   Rinascita urbana: le risorse dal 2020 al 2033 Per l'attuazione del Programma, la Manovra 2020 predispone una dotazione complessiva pari a 853,81 milioni euro di cui 12,18 milioni di euro per l’anno 2020, 27,25 milioni di euro per l’anno 2021, 74,07 milioni di euro per l’anno 2022, 93,87 milioni di euro per l’anno 2023, 94,42 milioni di euro per l’anno 2024, 95,04 milioni di euro per l’anno 2025, 93,29 milioni di euro per l’anno 2026, 47,15 milioni di euro per l’anno 2027, 48,36 milioni di..
Continua a leggere su Edilportale.com

31/10/2019 – Nel 2020 si potrà continuare a beneficiare di numerose misure per la ristrutturazione, il completamento e la costruzione di impianti sportivi.   La bozza della Legge di Bilancio 2020, infatti, prevede la proroga dello sport bonus, cioè il credito d’imposta previsto per le erogazioni liberali destinate a finanziare gli interventi di manutenzione, restauro e nuova costruzione di impianti sportivi pubblici. Inoltre, la delibera Cipe 45/2019 assicura maggiori risorse nell’immediato al Fondo ‘Sport e Periferie’, assicurando 40 milioni di euro nel 2020, in luogo dei 25 milioni previsti.   Impianti sportivi: ok allo Sport Bonus 2020 Anche per il 2020 è previsto un credito d’imposta in misura pari al 65% delle erogazioni effettuate, riconosciuto alle persone fisiche e agli enti non commerciali nel limite del 20% del reddito imponibile e ai titolari di reddito d’impresa nel limite del 10 per mille..
Continua a leggere su Edilportale.com

31/10/2019 – Sembrano definite le condizioni in cui i liberi professionisti lavoreranno nel prossimo anno. Come annunciato dal leader del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, dopo il vertice di Governo sulla Manovra, sono stati sciolti tutti i nodi e sulle Partite Iva è stato trovato l’accordo.   Partite Iva, regime forfetario al 15% I professionisti con redditi fino a 65mila euro continueranno ad usufruire del regime forfetario, che prevede una tassazione al 15%.   Non ci sarà il passaggio al regime analitico, ipotizzato nei giorni scorsi, che avrebbe costretto i professionisti, anche con redditi bassi, all’obbligo di rendicontazione, con una serie di oneri aggiuntivi.   Partite Iva, chi è escluso dal regime forfetario Sarà escluso dal regime forfetario chi, parallelamente all’attività come libero professionista, percepisce un reddito da lavoro dipendente superiore a 30mila euro.   Diversamente..
Continua a leggere su Edilportale.com