Flash News: Edilizia

23/10/2019 - Dopo la gara per la riqualificazione sismica di Palazzo Chigi, chiusa il 4 ottobre scorso, l’Agenzia del Demanio ha pubblicato un bando per la riqualificazione sismica di 8 immobili di proprietà dello Stato situati a Roma in uso alla Presidenza del Consiglio.   Si tratta di: Palazzo Vidoni; la Palazzina Algardi, l’Aranciera e il Casino Bonci ed ex Cappella a Villa Doria Pamphili; il Palazzo Ex Poste a Via della Mercede 96; il Complesso di S. Apollonia; un Palazzo in via della Mercede 9; Palazzo Brazzà; Palazzo Cornaro in via della Stamperia; Villa Lubin.   La gara prevede l’affidamento del servizio di verifica della vulnerabilità sismica, diagnosi energetica, rilievo geometrico, architettonico, tecnologico ed impiantistico e progettazione di fattibilità tecnico-economica (PFTE), da restituire in modalità BIM (Building Information Modeling).   L’importo complessivo a base di gara è di 1.578.101,87..
Continua a leggere su Edilportale.com

23/10/2019 – “Un ulteriore aggravio burocratico e un pesante drenaggio di risorse ai danni delle imprese quello previsto dal decreto fiscale”. È la denuncia lanciata in modo unitario dalle sigle imprenditoriali, artigiane e le cooperative del settore delle costruzioni (Ance; Anaepa Confartigianato edilizia; Confapi Aniem; Alleanza delle cooperative italiane - Produzione, Lavoro, Servizi; Assistal; Casartigiani; Claai; Cna costruzioni; Assoimmobiliare). A finire sotto accusa è stato l'articolo 4 del Decreto Fiscale, di cui i costruttori hanno chiesto il ritiro.   Decreto fiscale, il versamento delle ritenute fiscali Come spiegato dalla relazione illustrativa del Decreto Fiscale, nel corso delle attività di controllo è stato spesso rilevato che, in caso di assegnazione di appalti pubblici o privati a soggetti scarsamente patrimonializzati, gli stessi utilizzano come modalità per comprimere il prezzo offerto, la sistematica..
Continua a leggere su Edilportale.com

23/10/2019 – L’installazione di pannelli solari termici permette di accedere alla detrazione anche nel caso in cui vi sia un obbligo di legge? Come calcolare il risparmio energetico stimato per l’installazione di una schermatura solare? Cosa fare se si sbaglia l’inserimento di dati nella documentazione obbligatoria per fruire dell’ecobonus?    L’Enea risponde a queste domande nelle sue nuove Faq.   Ristrutturazione importante: no all’ecobonus per obbligo rinnovabili Un contribuente che deve intraprendere una ristrutturazione radicale di un immobile, installando un nuovo impianto termico a pompa di calore e dei pannelli solari termici, può beneficiare dell’ecobonus 65% unicamente per la parte di spesa sostenuta per l’impianto che produce la quota di energia termica eccedente il vincolo di legge.   L’Enea, infatti, ha ricordato che per “ristrutturazioni rilevanti” si intendono..
Continua a leggere su Edilportale.com

23/10/2019 – Superamento delle liberalizzazioni avviate con il decreto “Bersani”, mantenimento del regime forfetario, monitoraggio sull’equo compenso, estensione del welfare, avvicinamento tra mondo universitario e professione, norme e tributi più semplici e servizi di consulenza in grado di orientare i professionisti. Sono alcune delle richieste che la maggioranza presenterà in una mozione al Governo nei prossimi giorni. L’annuncio è arrivato alla Camera dall’on M5S Gianfranco Di Sarno e dall’on. di Italia Viva, Silvia Fregolent.   Sul tema della tutela dei professionisti sono in fase di discussione alla Camera altre tre mozioni, presentate dai partiti di opposizione Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega.   Professionisti, revisione delle liberalizzazioni ‘Bersani’ “Forse bisognerà rivedere una riforma di tanti anni fa, di un collega importante come Pierluigi Bersani, che,..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/10/2019 – Prorogare il bonus verde anche per il 2020 (o, meglio ancora, renderlo strutturale) e rinnovarlo, inserendo anche la detraibilità per tutti gli interventi che migliorano le condizioni di salute degli alberi esistenti.   Questa la richiesta che arriva da più associazioni legate al verde come l’Associazione Arboricoltori (A.A), la Società Italiana di Arboricoltura (SIA), Cia-Agricoltori Italiani e l’associazione dei Florovivaisti Italiani, Assofloro e Anaci, che hanno manifestato il proprio disappunto rispetto alla scelta del Governo di non prorogare la misura.   Bonus verde: i vantaggi Secondo SIA e AA, “il Bonus verde è uno strumento fondamentale per contrastare la capitozzatura degli alberi”.   Inoltre, la detrazione fiscale per le spese di sistemazione delle aree verdi private (dai giardini ai balconi) ha portato nuovi posti di lavoro e contribuito all’emersione del “nero”.   Cia..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/10/2019 – Come funziona la cessione del credito d’imposta corrispondente all’Ecobonus quando a sostenere le spese per la riqualificazione energetica di un immobile è una società? Se ad essere titolari della detrazione fiscale sono i soci, questi possono effettuare la cessione a favore della società di cui fanno parte?   Con la risposta 415/2019, l’Agenzia delle Entrate ha risposto di no. Vediamo perché.   Ecobonus e cessione del credito, il caso Una società si è rivolta all’Agenzia delle Entrate dopo aver pianificato un intervento di riqualificazione energetica per il quale avrebbe sostenuto tutte le spese. SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE ALL'ECOBONUS   La relativa detrazione, spettante alla società, sarebbe stata imputata per trasparenza pro quota ai tre soci. I soci, data la loro limitata capienza IRPEF, avrebbero voluto effettuare la cessione del credito corrispondente all’Ecobonus..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/10/2019 – Il ruolo dei tecnici sarà fondamentale per l’accelerazione e il completamento delle ricostruzioni in corso nei territori del Centro Italia; ad esempio, l’avvio dei lavori per la ricostruzione privata sarà più veloce grazie ad una certificazione redatta dai professionisti che avranno un’anticipazione del 50% del proprio onorario alla presentazione del progetto.   Queste le novità principali previste dalla bozza del decreto sisma, approvata dal Consiglio dei Ministri di ieri, dopo l'incontro con le regioni coinvolte, che dispone la proroga fino al 31 dicembre 2020 dello stato d'emergenza per i territori delle regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo colpiti dal sisma.   Decreto sisma: il ruolo dei tecnici nella ricostruzione Il provvedimento contiene misure per agevolare l’approvazione dei progetti per la ricostruzione, regolando le modalità e le procedure per la copertura delle anticipazioni..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/10/2019 – Nulla di fatto per la definizione del regime forfetario. Il vertice di maggioranza di ieri sera non è riuscito a sciogliere tutti i nodi sulle Partite Iva. I lavori per la ricerca di un accordo proseguiranno nei prossimi giorni.   C’è invece l’intesa sull’utilizzo del POS. L’obbligo di accettare pagamenti con carte di credito e bancomat, pena una sanzione, slitta a luglio 2020. Termini più lunghi anche per l’introduzione del tetto al denaro contante.   Saranno poi inasprite le pene a carico dei grandi evasori.   Partite Iva, Di Maio: 'il regime forfetario resterà al 15%' "Sul regime forfettario già vi assicuro che resterà al 15%, stiamo lavorando ai dettagli" scrive Luigi Di Maio sulla sua pagina Facebook dopo aver annunciato che "sarà oggetto della discussione nei prossimi giorni". Sul resto dei contenuti, che entreranno nel disegno di..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/10/2019 - “Il rilancio delle costruzioni passa attraverso una politica industriale del settore, il rafforzamento delle infrastrutture, lo sblocco dei cantieri, la messa in sicurezza del territorio, la riforma del Codice Appalti, l’affermazione della legalità, la sicurezza dei lavoratori. Le intenzioni del governo sembrano positive, ma bisogna passare subito ai fatti”.   Lo sostengono i sindacati di categoria FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil, che oggi celebrano a Roma i direttivi nazionali unitari (ore 9:30, auditorium Ambra Jovinelli).   “L’iniziativa - spiegano i segretari generali Vito Panzarella, Franco Turri, Alessandro Genovesi - servirà a ribadire le nostre proposte e a definire una giornata di iniziative e di sensibilizzazione, dopo lo sciopero generale del 15 marzo scorso. In particolare, chiediamo una vera politica industriale in favore del settore delle costruzioni, il rilancio della rete infrastrutturale, con particolare..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/10/2019 – Luoghi di transito, di partenza e accoglienza. Le stazioni ferroviarie sono molto di più e si trasformano in punti di incontro capaci di offrire alle città  anche altri servizi ed eventi culturali.   Antiche o moderne, vediamone alcune appartenenti al circuito “Grandi Stazioni”, società di Ferrovie dello Stato che si occupa di reinventare questi complessi per trasformarli in “piazze urbane”.   Milano Centrale I programmi per la sua realizzazione sono iniziati all’inizio del Novecento. Gli eventi storici, l’austerità dell’epoca giolittiana e l’avvento del Fascismo hanno modificato in fase di progettazione architetture e decori. Oggi la stazione è un hub cittadino multifunzione. Al suo interno è presente il memoriale della Shoah in corrispondenza del binario 21, unico posto al piano strada, da cui partivano i treni diretti ai campi di sterminio.  Foto: Daniel..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/10/2019 - In arrivo le nuove regole verticali per la prevenzione incendi in asili nido e autorimesse.   Il Comitato tecnico scientifico per la prevenzione incendi dei Vigili del Fuoco, infatti, ha approvato lo scorso 16 ottobre i due documenti che, prima di diventare operativi, dovranno passare dalla Commissione Ue.   Antincendio asili: cosa prevede la RTV La regola tecnica verticale per gli asili nido si applica a quelli con numero di occupanti superiore a 30.   Il provvedimento classifica gli asili in relazione alla massima quota dei piani. Le aree dell'attività sono classificate in base alla presenza di bambini o di uffici o servizi.   La RTV mette in evidenza che la valutazione del rischio di incendio deve tenere conto della vulnerabilità e delle capacità motorie, che non consentono di raggiungere autonomamente un luogo sicuro, nonché delle condizioni di permanenza dei bambini nella struttura, soprattutto ai fini della..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/10/2019 – Da ieri sono in vigore le modifiche al Codice di prevenzione incendi (DM 3 agosto 2015) introdotte dal DM 12 aprile 2019.   Le modifiche si applicano alle attività "soggette e non normate", prive di una regola tecnica verticale, ed eliminano il cosiddetto “doppio binario” per la progettazione antincendio delle attività soggette al controllo da parte dei Vigili del Fuoco.     Prevenzione incendi: le attività interessate Il DM prevede che le norme tecniche di prevenzione incendi (contenute nel Codice antincendio) si applichino obbligatoriamente (in precedenza era facoltativo) alla progettazione, alla realizzazione e all'esercizio di 42 delle 80 attività elencate nell'Allegato I del Dpr 151/2011.    L’obbligo riguarda, per fare degli esempi, officine e laboratori, stabilimenti dove si producono sostanze ritenute a rischio, depositi di carta e legnami, fabbriche per la..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/10/2019 – Con l’apertura del cantiere della Legge di Bilancio 2020, le modifiche ai bonus per la casa, la tassazione delle partite Iva e le misure su fiscalità immobiliare e ambiente sono tra gli argomenti che più interessano i professionisti.     Per questo, nelle scorse due settimane Edilportale ha lanciato un sondaggio tra i propri lettori per raccogliere opinioni circa le misure più urgenti da attuare nella Manovra 2020. All’indagine hanno risposto soprattutto ingegneri, architetti e geometri, ma anche periti industriali, imprenditori e dipendenti pubblici, soprattutto del Nord e del Sud Italia. La metà dei rispondenti ha un’età compresa tra i 36 e i 55 anni. La Manovra 2020 conterrà importanti novità anche per le partite Iva; tra le ipotesi più contestate l’eventuale abbassamento della soglia dei ricavi da 65.000 a 30.000 euro per chi aderisce al regime forfettario (il..
Continua a leggere su Edilportale.com

Il convegno “Garanzia casa” è stato organizzato il 18 ottobre 2019 a Bologna dal Comitato unitario delle professioni dell'Emilia-Romagna in collaborazione con il consiglio notarile di Bologna

18/10/2019 – È possibile usufruire dell’agevolazioni prima casa sull’acquisto di due piccoli appartamenti adiacenti che saranno subito accorpati in un’unica unità immobiliare da adibire ad abitazione principale?   Questa la domanda che un contribuente pone all’Agenzia delle Entrate. La risposta arriva tramite la posta di FiscoOggi.   Accorpamento e agevolazioni prima casa L’Agenzia ha chiarito che per l’acquisto di due unità immobiliari contigue i benefici “prima casa” spettano per entrambe quando, dopo la fusione degli immobili, l’abitazione risultante possiede le caratteristiche catastali indicate dalla normativa, ovvero non deve appartenere alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.   Si può usufruire dell’agevolazione sia nel caso di acquisto contemporaneo delle unità immobiliari contigue sia nel caso in cui venga acquistata un’unità immobiliare confinante..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/10/2019 – Via al piano straordinario di prevenzione dei crolli di solai e controsoffitti nelle scuole. Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) ha pubblicato il bando per la realizzazione di verifiche e indagini diagnostiche, ed eventualmente interventi urgenti, da finanziare con 65,9 milioni di euro.   Scuole, il piano da 65,9 milioni Le risorse del piano straordinario di prevenzione dei crolli di solai e controsoffitti saranno suddivise nel modo seguente: 40 milioni di euro per le verifiche e 25,9 milioni di euro, da assegnare successivamente, per gli interventi urgenti di messa in sicurezza che dovessero rendersi necessari all’esito delle indagini.   Il 30% delle risorse è riservato a Province e Città Metropolitane, mentre la parte restante andrà a Comuni e Unioni di Comuni.   Scuole, come ottenere i finanziamenti per le indagini diagnostiche Gli Enti Locali possono presentare..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/10/2019 – Il regime forfettario cambierà nel 2020 con lo scopo di ‘limitare gli abusi’: introduzione di un regime analitico per la determinazione del reddito, abrogazione "flat tax" al 20% per redditi tra 65.000 euro e 100.000 euro e revisione dei parametri per accedere al forfettario. Nessun obbligo, però, di conto corrente dedicato ai flussi finanziari dell’attività professionale svolta. La misura, infatti, inserita inizialmente nel Decreto fiscale, è stata eliminata.    Regime forfettario: in arrivo il regime analitico Tra le azioni antiabuso previste dalla Manovra 2020, che potrebbe urtare con le ‘semplificazioni’ insite nei regimi di vantaggio, c’è l’introduzione di un regime analitico per la determinazione del reddito dei professionisti.   Questo cambiamento, di fatto, stravolge il ‘regime forfettario’ eliminando proprio il ‘forfait’...
Continua a leggere su Edilportale.com

17/10/2019 – Satinato e colorato, strutturale o decorativo, il vetro ha innumerevoli applicazioni in architettura grazie alle sue caratteristiche prestazionali ed estetiche.    Il vetro, infatti, sia come materiale strutturale sia come elemento compositivo, massimizza l’apporto di luce naturale e renda fluide le divisioni tra gli spazi, sia interni che esterni. In più, a seconda del processo produttivo che ‘subisce’ può assicurare: isolamento termico, isolamento acustico, controllo solare, sicurezza e ottima resa.  Ecco, quindi, qualche ispirazione sulle tipologie di vetri che si trovano sul mercato.   Vetri di sicurezza Tra i vetri resistenti al fuoco c’è Pilkington Pyrostop che garantisce un elevato isolamento termico tra il lato esposto al fuoco e quello non esposto bloccando efficacemente la trasmissione del calore per conduzione e per irraggiamento attraverso l'elemento trasparente.   Se..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/10/2019 – Al via la seconda finestra 2019 per la presentazione delle istanze di accesso allo Sport bonus, il credito d‘imposta al 65% riconosciuto alle erogazioni liberali destinate agli interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e alla realizzazione di nuove strutture pubbliche.   Sport bonus 2019: la procedura   I soggetti che vogliono usufruire del credito d‘imposta possono farne richiesta fino al 14 novembre 2019, compilando l’apposito modulo e inviandolo, esclusivamente tramite posta elettronica certificata, all’indirizzo ufficiosport@pec.governo.it. Nell'oggetto della mail deve essere indicato: Sport Bonus 2° finestra 2019. Secondo la consueta procedura, l’ufficio per lo Sport invierà alla Pec del richiedente un numero di codice seriale identificativo e univoco. Entro il 29 novembre verrà pubblicato sul sito istituzionale l’elenco delle persone fisiche, degli enti..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/10/2019 - La piscina, anche se interrata, crea volume. Per questo, ha spiegato il Tar Lazio con la sentenza 11586/2019, deve essere considerata come nuova costruzione e necessita del permesso di costruire.   Piscina interrata in zona vincolata, il caso La precisazione del Tar riguarda la realizzazione di una piscina interrata, di locali annessi e altre opere in zona vincolata, come la costruzione di alcuni muretti, di un porticato e l’installazione di pannelli solari.   Il proprietario dell’immobile sosteneva che la piscina e i locali ad essa collegati fossero delle pertinenze dell’edificio principale e che tutti i lavori, singolarmente considerati, potessero essere qualificati come manutenzione straordinaria e di adeguamento funzionale di opere pertinenziali.  A suo avviso, quindi, non fosse necessario alcun permesso edilizio.   Il Comune aveva però ordinato la demolizione delle opere, annullando anche il provvedimento tacito formatosi..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/10/2019 – La proroga dell’applicazione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) non ci sarà. Dopo gli annunci ufficiali, il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, ha fatto marcia indietro sullo slittamento dei termini spiegandone i motivi in un’intervista a “Il Sole 24 Ore”.   Proroga ISA, l’ipotesi iniziale L’idea di prorogare al 16 marzo 2020 il pagamento della rata del 16 novembre 2019 era nata per spostare al prossimo anno 3 miliardi di euro di maggiori entrate da destinare alle misure della manovra 2020. Secondo gli annunci di Gualtieri, lo slittamento dei termini sarebbe stato disposto con una disposizione all’interno del Decreto Fiscale.   La notizia dello slittamento, diffusa con un comunicato dallo stesso Ministero dell’Economia, era stata accolta con favore da professionisti e imprese, alle prese con le difficoltà e le incertezze derivanti dall’applicazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/10/2019 – Le detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica ed edilizia degli immobili resteranno in vita un altro anno. Sono stati prorogati al 31 dicembre 2020 l’ecobonus, il bonus ristrutturazioni e il bonus mobili.   Non cambieranno le aliquote delle agevolazioni. L’unica novità potrebbe essere rappresentata dallo sconto immediato in fattura alternativo alle detrazioni.    Nessun ritocco al sismabonus, già concepito con una scadenza al 31 dicembre 2021. Nel Documento programmatico di bilancio del Ministero dell'Economia e delle Finanze, su cui si baserà la legge di bilancio per il 2020, non c’è infine nessun cenno al bonus verde.   Ecobonus fino al 31 dicembre 2020 La detrazione fiscale per la riqualificazione energetica degli edifici sarà prorogata per tutto il 2020. Saranno incentivati con un bonus del 65% gli interventi di riqualificazione energetica globale, i lavori sull’involucro,..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/10/2019 - “Per dare un nuovo volto alle nostre città” il Governo ha pensato di introdurre per il 2020 una nuova detrazione, un ‘bonus facciate’ del 90%, per la ristrutturazione dei prospetti esterni degli edifici.   La misura è stata proposta dal Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo (Mibact), Dario Franceschini, per rilanciare gli investimenti per il restauro e il recupero delle facciate di palazzi e condomìni, una “norma coraggiosa che renderà più belle le città italiane”.   Il bonus facciate, spiega Franceschini, consiste in “un credito fiscale del 90% per chi rifà nel 2020 la facciata di casa o del condominio, in centro storico o periferia, nelle grandi città o nei piccoli comuni!”.   Bonus facciate del 90% per il 2020 La nuova detrazione - aggiunge il comunicato del Mibact - mira a concentrare nel prossimo anno gli investimenti..
Continua a leggere su Edilportale.com

16/10/2019 - Casa, ambiente e periferie; sono queste le tre priorità del nuovo Piano di Governo del Territorio (PTG) di Milano, approvato lo scorso 14 ottobre dal Consiglio comunale.   Come ha evidenziato l’assessore all’Urbanistica, Pierfrancesco Maran, il nuovo PTG, che guarda a Milano 2030, si concentra sulle “tre esigenze di una città che cresce per numero di abitanti e attrattività: casa, ambiente e periferie”.   Milano 2030: le strategie del PGT per infrastrutture ed edilizia Sul fronte casa, il Piano prevede che le nuove costruzioni (comprese quelle con demolizione e ricostruzione) siano obbligatoriamente a zero emissioni di CO2.   In caso di ristrutturazioni, è prevista l’individuazione di una soglia minima dell’indice di riduzione di impatto climatico richiesto, raggiungibile attraverso la realizzazione di tetti e pareti verdi e interventi di depavimentazione.   Il Piano incrementa la..
Continua a leggere su Edilportale.com

16/10/2019 - Mettere in rete enti pubblici e soggetti privati per condividere idee e iniziative di riqualificazione delle periferie, partendo dai 120 progetti finanziati dallo Stato con il ‘Bando Periferie’ che contano oltre 2.100 interventi in 445 Comuni italiani, con una previsione di investimenti superiori ai 2 miliardi di euro.   È il progetto ‘Milleperiferie’ ideato e diretto da ‘I World’ e promosso da Anci Sicilia che parte dal quartiere palermitano di Borgo Nuovo, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio, del Comune di Palermo e dell’Anci.   Obiettivo di ‘Milleperiferie’ - spiega l’Anci in una nota - è quello di costruire una piattaforma di interconnessione di questi progetti, strutturare un unico, grande programma nazionale per la riqualificazione, anziché tanti progetti sconnessi tra loro e privi di una visione di sistema. Un network che consentirà l’attivazione..
Continua a leggere su Edilportale.com