Flash News: Edilizia

25/05/2020 – “Il bonus di 600 euro per i professionisti iscritti alle casse di previdenza privata che l’hanno già percepito a marzo verrà erogato anche per i mesi di aprile e maggio”.   A precisarlo sulla sua pagina Facebook la Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, aggiungendo che nei prossimi giorni emanerà il decreto interministeriale che assegnerà alla Casse di previdenza privata le risorse necessarie.   Bonus professionisti: indennità di 600 euro per aprile e maggio Come ha precisato in una nota il Ministero del Lavoro, anche per i mesi di aprile e maggio 2020 i professionisti avranno un’indennità di 600 euro.   La precisazione era necessaria in quanto nel Decreto Rilancio è assente un riferimento esplicito all’importo del bonus: l'art. 78, infatti, stabilisce soltanto che ai professionisti ordinistici è riconosciuta un’indennità economica..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/05/2020 – Dal prossimo 1° luglio sarà più conveniente realizzare interventi di riqualificazione energetica in condominio o nelle case unifamiliari grazie al superbonus del 110% introdotto dal Decreto Rilancio. SCOPRI TUTTI I DETTAGLI DEL SUPERBONUS 110%   Riqualificazione energetica: le caratteristiche degli interventi  Per ottenere il superbonus 110% è necessario eseguire lavori importanti di riqualificazione energetica degli edifici che coinvolgano l’isolamento termico dell’involucro mediante: - cappotto termico; - caldaie a condensazione;  - impianti a pompa di calore; -  sistemi ibridi; - sistemi di microcogenerazione.   Potranno usufruire del superbonus 110%, congiuntamente ad uno dei maxi-interventi di riqualificazione energetica, anche: -  impianti solari fotovoltaici e sistemi di accumulo; - infrastrutture per la ricarica di veicoli..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/05/2020 - Saranno a breve nella disponibilità di Province e Città Metropolitane delle Regioni a Statuto Ordinario e delle Regioni Sardegna e Sicilia, 455 milioni di euro per programmi straordinari di manutenzione della rete viaria, da utilizzare dal 2019 al 2033.   Ieri la Conferenza Stato - città ed autonomie locali ha approvato il decreto che assegna le risorse e definisce la tempistica: entro giugno sarà erogato il 50% in acconto, a valere sul Fondo Investimenti 2019, nel bilancio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT).   “Una iniezione di liquidità - si legge in una nota del MIT - che servirà a sostenere le casse degli enti locali per un settore importante che riguarda la sicurezza dei cittadini e, più in generale, del territorio, frutto di una raggiunta intesa con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani e con l’Unione delle Province d’Italia”. Manutenzione straordinaria, priorità..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/05/2020 – Ripartire dopo l’emergenza. In attesa di un intervento incisivo in materia di appalti pubblici, il Decreto Rilancio inizia con qualche agevolazione a sostegno delle imprese.   Proroga della validità del Durc, aumento delle anticipazioni alle imprese e incremento della dotazione del Fondo Salva Opere sono alcune delle misure in vigore, che avranno un impatto sulle varie fasi delle procedure di appalto.   Durc validi fino al 15 giugno 2020 I documenti unici di regolarità contributiva (Durc), in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 15 aprile 2020, saranno validi fino al 15 giugno 2020. Il Durc, lo ricordiamo, condiziona la partecipazione alle gare e la validità dei titoli abilitativi. L’obiettivo della proroga è ridurre le incombenze burocratiche gravanti sulle imprese che, essendosi fermate, potrebbero avere qualche difficoltà a rimettersi in pista.   Esonero dai contributi Anac Fino al 31 dicembre..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/05/2020 – Per riaprire il proprio studio professionale in sicurezza e nel rispetto delle misure di contenimento contro la diffusione del coronavirus, i professionisti potranno contare su un credito d’imposta pari al 60% per la sanificazione e l’adeguamento degli ambienti di lavoro. Inoltre, potranno contare anche un credito d’imposta del 60% per gli affitti.   A prevederlo il DL Rilancio che prevede per questi crediti anche il meccanismo della cessione del credito.     Professionisti, credito d’imposta per sanificazione Il decreto (art.125) prevede un credito d’imposta del 60% delle spese sostenute nel 2020 per la sanificazione degli ambienti di lavoro e per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale atti a garantire la salute di lavoratori ed utenti.   Il credito d’imposta spetta fino a un massimo di 60.000 euro per ciascun beneficiario. Possono richiederlo i soggetti..
Continua a leggere su Edilportale.com

22/05/2020 – Deroghe nella fase di emergenza, con uno shock economico, soprattutto per le infrastrutture, e procedure snelle, senza trascurare i controlli. È la ricetta del pacchetto di semplificazioni che il Governo si appresta a varare e che impatterà sul Codice Appalti e sul sistema delle autorizzazioni. Le linee guida del nuovo corso sono emerse durante alcuni interventi degli esponenti dell’Esecutivo.   Conte: ‘shock economico per le infrastrutture’ Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nel suo intervento di ieri, prima alla Camera e poi in Senato, ha annunciato che il Governo sta lavorando “a un nuovo decreto legge dedicato alla semplificazione amministrativa, con molti elementi di novità per fornire uno shock economico senza precedenti, soprattutto per il settore delle infrastrutture”.  Il decreto conterrà un elenco di opere considerate strategiche di grandi e medie dimensioni, per le quali..
Continua a leggere su Edilportale.com

Un’indagine del Consiglio nazionale del notariato su 10 grandi città relativa al mese di marzo evidenzia cali fino al 50% rispetto allo stesso mese del 2019

21/05/2020 - La tinteggiatura è uno dei lavori in casa maggiormente eseguiti. C’è chi si cimenta nel “fai da te” e chi contatta un professionista del settore. Nell’ambito di una ristrutturazione di interni è anche tra le ultime lavorazioni ad essere eseguite, quelle denominate di “finitura”. Che si tratti di una “rinfrescata primaverile” o di un restyling della propria abitazione, la tinteggiatura è quell’intervento che conferisce un vero e proprio carattere all’ambiente domestico. Pertanto, scegliere il prodotto corretto permetterà di ottenere il risultato finale tanto atteso. La pittura non è solo un colore ma è un elemento con caratteristiche chimiche, fisiche e tecniche. Per scegliere la pittura giusta da interni è necessario studiare l’ambiente e lo stato dei muri interessati. Tinteggiare casa, conoscere il supporto La prima cosa da considerare è..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/05/2020 - I provvedimenti restrittivi per contrastare la pandemia, con lo smart working nella P.A. e la posticipazione delle gare, pesano anche nel mese di aprile: le gare di progettazione sono 165 per 40,2 milioni di euro e calano del 53,0% in numero e del 6,4% in valore su marzo, rispetto ad aprile 2019 calano del 9,3% in numero e del 22,7% in valore.   Forte il peso degli accordi quadro: 9 bandi per 12,1 milioni di euro. Al netto di 10,4 milioni di accordi quadro il calo su marzo sarebbe del 63,4% in numero e del 34,4% in valore. Nel primo quadrimestre 2020 il numero dei bandi di progettazione è stato di 1.186 per un valore di 201,4 milioni di euro: +37,3% in numero ma -14,1% in valore sul primo quadrimestre del 2019.   “In queste settimane si alternano l’ottimismo per la ‘riapertura’ con il pessimismo per la situazione economica - ha dichiarato Gabriele Scicolone, Presidente OICE -. I dati del mercato della progettazione ci farebbero..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/05/2020 – Il contagio da Covid, anche se riconosciuto come infortunio sul lavoro dal punto di vista della tutela assicurativa, non implica automaticamente la responsabilità dei soggetti predisposti al controllo come il datore di lavoro.   A precisarlo l’Inail nella Circolare 22/2020 in cui spiega il senso dell’equiparazione tra contagio covid e infortunio sul lavoro prevista dall’articolo 42, comma 2 del Dl Cura Italia che aveva sollevato malumori tra i soggetti coinvolti nella sicurezza sul lavoro.   Coronavirus, Inail: nessuna colpa per chi rispetta i protocolli La Circolare sottolinea che il riconoscimento dell’origine professionale del contagio si fonda, per l’Inail, su un giudizio di ragionevole probabilità ed “è totalmente avulso da ogni valutazione in ordine alla imputabilità di eventuali comportamenti omissivi in capo al datore di lavoro che possano essere stati causa del contagio”.   L’Inail..
Continua a leggere su Edilportale.com

21/05/2020 – L’Anas cerca 50 ingegneri strutturisti per inserirli nel proprio organico con il profilo professionale di ‘Tecnico Ispezione Ponti’.   Il bando è parte del grande piano di assunzioni di Anas per dotare il territorio e le strutture centrali delle migliori professionalità tecniche e di addetti alla mobilità su strada.   Ingegneri strutturisti: cosa prevede il bando Anas Il bando ricerca figure professionali in grado di pianificare ed effettuare le attività di ispezione delle opere d’arte, coordinare le ispezioni condotte da ditte esterne, alimentare banche dati e sistemi aziendali e monitorare ed esaminare dati ed esiti delle ispezioni.   Inoltre, è richiesta la redazione del manuale dell’opera con l’inserimento della stessa in BIM con load adeguato.     Assunzione ingegneri in Anas: i requisiti Tra i requisiti essenziali per l’ammissione è..
Continua a leggere su Edilportale.com

20/05/2020 – Province e Città Metropolitane potranno contare su 995 milioni di euro per attivare i programmi straordinari di manutenzione delle strade provinciali dal 2020 al 2024 che prevedono la progettazione e la realizzazione di interventi di sicurezza sulle strade.   È stato, infatti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 19 marzo 2020 che ripartisce le risorse secondo criteri precisi e individua per quali attività potranno essere utilizzate le risorse. In più, stabilisce che gli enti locali dovranno presentare al MIT i programmi di intervento per il 2020 entro il 17 giugno.    Strade provinciali: in arrivo risorse per la sicurezza Le risorse messe a disposizione delle Province e delle Città Metropolitane sono 995 milioni di euro, ripartiti in: 60 milioni di euro per l'anno 2020, 110 milioni per l'anno 2021 e 275 milioni di euro per gli anni dal 2022 al 2024.   La ripartizione delle risorse è..
Continua a leggere su Edilportale.com

20/05/2020 – Per i mesi di aprile e maggio i professionisti ordinistici dovrebbero poter contare su un bonus economico per sopperire alla crisi dovuta a coronavirus, sulla falsariga di ciò che è avvenuto a marzo. L'importo, però, non è stato definito e i tempi per l'erogazione del contributo potrebbero allungarsi. Come se non bastasse, i professionisti non potranno accedere ai contributi a fondo perduto previsti per le imprese. A prevederlo il Decreto Rilancio pubblicato in Gazzetta Ufficiale.   Bonus per professionisti anche per aprile e maggio Il Decreto Rilancio, all'art. 78, stabilisce che ai professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria spetti, anche per i mesi di aprile e maggio 2020, un’indennità economica.  Viene, infatti, rifinanziato con altri 850 milioni il ‘Fondo per il reddito di ultima istanza’ finalizzato al sostegno..
Continua a leggere su Edilportale.com

20/05/2020 – Il superbonus 110% porterà più lavoro per i professionisti abilitati, poiché senza asseverazioni non sarà possibile ottenerlo, ma anche nuove responsabilità. I tecnici coinvolti nelle asseverazioni, infatti, dovranno stipulare una polizza di assicurazione da 500 mila euro per il risarcimento di eventuali danni provocati. In più, in caso di falsa dichiarazione, rischieranno una multa fino 15 mila euro.   Queste alcune delle novità più rilevanti per i professionisti contenute nel DL Rilancio pubblicato in Gazzetta Ufficiale.    Superbonus 110%: polizza assicurativa da 500 mila euro per i tecnici Il DL Rilancio prevede che i professionisti stipulino una polizza di assicurazione della responsabilità civile, con massimale adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi oggetto delle attestazioni o asseverazioni non inferiore..
Continua a leggere su Edilportale.com

20/05/2020 - Il nuovo superbonus edilizia del 110% per gli interventi di riqualificazione energetica e di miglioramento sismico degli edifici, introdotto da Decreto Rilancio, punta molto sulla possibilità per i privati che realizzano i lavori di optare per sconto in fattura o cessione del credito, come alternative alla detrazione fiscale vera e propria.   Ma questa opportunità non si limita ai nuovi ecobonus e sismabonus potenziati ma si estende al ‘vecchio’ bonus ristrutturazioni e al bonus facciate.   L’articolo 121 del Decreto Rilancio prevede che, in alternativa alla detrazione, il contribuente, per le spese sostenute tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021, possa optare per:   - un contributo sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto fino ad un importo massimo pari al corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi il quale potrà recuperarlo sotto forma di credito di..
Continua a leggere su Edilportale.com

20/05/2020 - Realizzare un cappotto termico, sostituire gli impianti di riscaldamento esistenti con caldaie a condensazione e a pompa di calore, installare pannelli fotovoltaici e colonnine di ricarica per auto elettriche, ridurre il rischio sismico degli edifici.   Dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 questi interventi godranno del superbonus del 110%, bonus che potrà essere utilizzato come detrazione fiscale in 5 anni oppure come sconto in fattura con cessione del credito all’impresa che ha realizzato i lavori o a banche o ad altri intermediari finanziari.   È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Rilancio da 55 miliardi di euro che, all'articolo 119, contiene anche la misura che eleva al 110% la percentuale della detrazione per i lavori agevolati da ecobonus e sismabonus.   Cappotto termico e caldaie efficienti La condizione per ottenere l’ecobonus con l’aliquota del 110% è quella..
Continua a leggere su Edilportale.com

Nel documento dell’Istituto nazionale di urbanistica numerose proposte di interventi e misure di rilancio per superare la fase di emergenza sanitaria, economica e sociale

19/05/2020 - “C’è il rischio di un blocco delle attività, se non si interviene urgentemente, a causa della scarsa disponibilità di DPI con adeguata capacità produttiva nazionale: le scorte create per ripartire saranno a breve esaurite”.   “Altro tema delicato attiene alla definizione di prezziari univoci di riferimento per i DPI: si opera in modo disomogeneo, con prezziari vigenti e con la formazione di nuovi prezzi per le nuove voci emerse con l’emergenza”.   Sono le conclusioni del monitoraggio - condotto da direttori lavori e coordinatori della sicurezza di società associate all’OICE, l’Associazione delle società di ingegneria e architettura, con il Gruppo di lavoro sicurezza Oice Academy - su più di 200 cantieri di opere infrastrutturali, residenziali, ospedali, scuole, ecc., per lo più sospesi e da poco riavviati.   Dallo screening effettuato - precisa il Presidente..
Continua a leggere su Edilportale.com

19/05/2020 - Individuare gli interventi strutturali in zona sismica in base alla rilevanza nei riguardi della pubblica incolumità.    Questo lo scopo delle Linee Guida del Ministero delle Infrastrutture (MIT), pubblicate in Gazzetta Ufficiale, che individuano anche le varianti di carattere non sostanziale per le quali non occorre il preavviso per chiunque intenda procedere a costruzioni, riparazioni e sopraelevazioni.   Scarica le Linee Guida del MIT   Interventi strutturali in zona sismica: ecco come individuarli Le linee Guida si sono rese necessarie dopo che il Decreto Sblocca Cantieri (DL32/2019) ha modificato il DPR 380/2001 inserendo l'art. 94-bis che suddivide gli interventi strutturali in zone sismiche in base alla rilevanza nei riguardi della pubblica incolumità e demandava ad un decreto del MIT (quello appena pubblicato) la definizione degli interventi relativi ad ogni categoria.     Le Linee guida definiscono..
Continua a leggere su Edilportale.com

19/05/2020 - L’ecobonus del 110% va esteso alle abitazioni unifamiliari adibite a seconda casa? E il sismabonus? Uno dei motivi del ritardo della pubblicazione del Decreto Rilancio, attesa per ieri sera ma non ancora avvenuta, era proprio l’applicazione o meno alle seconde case della nuova agevolazione.   In queste ore è in corso la ‘limatura’ di alcuni articoli, tra cui quello che istituisce il superbonus del 110% agli interventi di riqualificazione energetica e di miglioramento sismico degli edifici. Ma invece che verso l’inclusione delle seconde case unifamiliari nell’ambito dell’ecobonus, sembra che si stia andando verso la loro esclusione anche dal sismabonus.   Ma andiamo con ordine.  La bozza del 13 maggio, entrata in Consiglio dei Ministri, con una formulazione non proprio chiarissima, prevedeva che:   - il superbonus 110% su tutti gli interventi, sia..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/05/2020 – Per ripartire e superare la crisi post coronavirus è necessario semplificare i processi amministrativi, anche potenziando le strutture tecniche degli enti locali, e inaugurare un nuovo ciclo di investimenti sul territorio che punti ad efficienza energetica e mobilità sostenibile.   A suggerirlo l’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU) che ha elaborato un documento in cui sintetizza quali ulteriori misure servano per superare la fase di emergenza sanitaria, economica e sociale.   Pianificazione urbanistica: per il rilancio serve semplificazione L’INU punta sulla razionalizzazione degli apparati e degli strumenti che presiedono al governo del territorio.   In particolare, suggerisce di semplificare i procedimenti amministrativi attraverso l'unificazione delle sedi decisionali pubbliche, il ricorso alla amministrazione per progetti e alle conferenze di servizi decisorie e la costituzione di organismi operativi compositi,..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/05/2020 - All’edilizia è stato conferito un ruolo da protagonista nella ripartenza del Paese. Tra le misure fiscali annunciate nel Decreto Rilancio, il superbonus edilizia al 110% ha suscitato grande interesse da parte dei privati e al contempo ha sollevato enormi dubbi tra le imprese. Il contribuente che eseguirà le lavorazioni agevolabili con il superbonus potrà optare per: - l’utilizzo diretto della detrazione; - lo sconto in fattura; - la cessione del credito. La seconda opzione, quella dello sconto in fattura, divide privati e imprese: attira tantissimo i privati che potrebbero realizzare dei lavori a costo zero ma sfiducia le imprese che maturerebbero credito di imposta anziché incassare denaro.  Per esempio, un condominio fa lavori di isolamento termico per un importo totale di 50mila euro. La spesa da sostenere è al di sotto del tetto massimo detraibile (60mila euro). In questo caso il condominio non solo..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/05/200 – Fornire delle direttive specifiche per la sicurezza delle attività impiantistiche nell’attuale scenario emergenziale Sars-Cov-2.   Questo lo scopo delle Linee guida per la gestione in sicurezza delle attività impiantistiche pubblicato dall’Associazione Nazionale Costruttori di Impianti, dei Servizi di Efficienza Energetica – ESCo e Facility Management (ASSISTAL).   Il documento potrà essere utile alle aziende del settore che si trovano ad operare in contesti diversi, dal cantiere alla singola abitazione.   Post coronavirus, come assicurare la sicurezza delle attività impiantistiche Il documento parte dal presupposto che i tecnici che operano per la manutenzione e l’installazione degli impianti tecnologici all’interno degli edifici sono tenuti a muoversi su tutto il territorio e a venire in contatto con molte persone; per questa ragione gli operatori devono essere dotati di DPI diversificati..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/05/2020 – Come possono i professionisti adottare tutte le misure precauzionali e di prevenzione per mettere in sicurezza il proprio studio professionale e tutelare la propria salute e quella dei collaboratori e della clientela?   A spiegarlo Colap che, pur lamentando l’assenza di regole chiare e omogenee da parte del governo e di alcune regioni, ha delineato un Vademecum di carattere generale che fornisce il supporto necessario alla riorganizzazione dello studio per l’attuazione delle misure anti-contagio a seconda di ogni tipologia di studio professionale. Il DPCM 17 maggio 2020, comunque, ribadisce le regole per le attività professionali, puntando soprattutto al lavoro agile, svolto presso il proprio domicilio o in modalità a distanza e continuando ad incentivare ferie e congedi. Inoltre, specifica che devono essere assunti protocolli di sicurezza anti-contagio con adozione di strumenti di protezione individuale e devono essere incentivate..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/05/2020 – Come possono i professionisti adottare tutte le misure precauzionali e di prevenzione per mettere in sicurezza il proprio studio professionale e tutelare la propria salute e quella dei collaboratori e della clientela?   A spiegarlo CoLAP – Coordinamento Libere Associazioni Professionali – che, pur lamentando l’assenza di regole chiare e omogenee da parte del governo e di alcune regioni, sta delineando un Vademecum di carattere generale che fornisca il supporto necessario alla riorganizzazione dello studio per l’attuazione delle misure anti-contagio a seconda di ogni tipologia di studio professionale. Il DPCM 17 maggio 2020, comunque, ribadisce le regole per le attività professionali, puntando soprattutto al lavoro agile, svolto presso il proprio domicilio o in modalità a distanza e continuando ad incentivare ferie e congedi. Inoltre, specifica che devono essere assunti protocolli di sicurezza anti-contagio con adozione..
Continua a leggere su Edilportale.com